Tra Navalny e Putin non ho dubbi con chi stare

Tra Navalny e Putin non ho dubbi con chi stare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Navalny è un povero fascista xenofobo, scelto dall'occidente come strumento per destabilizzare la Russia. Da anni partecipa ed organizza la Russian March, una manifestazione dei gruppi nazisti e zaristi, la quale a quanto pare non mette in imbarazzo i vari progressisti e democratici europei che lo finanziano.

Il popolo russo, la stragrande maggioranza, lo snobba completamente, tanto che ad ogni elezione il "Mandela bianco" (paragone vomitevole) prende meno del 2%.

Putin non è comunista, lo abbiamo detto molte volte, e l'unica vera opposizione è quella del KPRF, il Partito Comunista, ma non è un fascista e lo ha dimostrato più volte, tra cui una risoluzione all'ONU che condanna fascismo e nazismo, non votata dal "democratico" occidente, e il sostegno al Donbass contro i nazisti di Euromaidan. Ha difeso l'Unione Sovietica, impedendo la distruzione dei monumenti sovietici e soprattutto del Mausoleo di Lenin, tra le altre. È un cerchiobottista espertissimo e sa stuzzicare la nostalgia per il socialismo che i russi hanno. È un capitalista, non c'è dubbio. In Russia le diseguaglianze sono massime e gli ologarchi sfruttano il popolo e le risorse del paese. Ma non c'è alcun dubbio che tra un servo come Navalny e Putin non ho dubbi, sto con Putin.

P.S. un minuto di silenzio per la "sinistra" europea che da una parte "denuncia" il fascismo a scopi elettorali e dall'altra lo sostiene convintamente.

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale