10 febbraio, Alessandro Barbero smonta le bufale sulle foibe

10 febbraio, Alessandro Barbero smonta le bufale sulle foibe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo storico italiano Alessandro Barbero come sempre con le sue delucidazioni mette un punto importante sulla questione foibe.
 
 
 
Non esiste la memoria condivisa, esiste la Storia e l'utilizzo, serio o propagandistico che sia, che se ne fa.
 
Capire cosa hanno fatto gli italiani dal 1918 al 1945 agli slavi non significa negare ciò che è accaduto, ma serve a non cadere nel revisionismo storico, utile solo a riabilitare il fascismo e a nasconderne i crimini, tra cui il genocidio dei popoli slavi.
 
Il 10 Febbraio è stato istituito non per "ricordare le vittime" di una rappresaglia, ma per controbilianciare il 25 Aprile e dare ai fascisti, oramai sdoganati, una parvenza di innocenza, di non complicità coi nazisti.
 
Il tutto condito da un anticomunismo isterico che va sempre bene.
 
 
 
 
 
 
Se per quasi 30 anni subisci razzismo, discriminazione totale, segregazione, violenza culturale, stermini organizzati e una guerra di annientamento etnico, l'odio copre ogni pensieri, tanto che non esistono fascisti e non fascisti, esistono solo i nemici e la vendetta.
 
Si può dire che una rappresaglia tale sia stata esagerata? Sì.
 
Si può dire che furono uccisi civili che non avevano partecipato allo sterminio slavo? Sì.
 
Si può dire che i partigiani jugoslavi erano uguali ai fascisti? No.
 
Si può paragonare la fine dell'occupazione italiana in Istria e Dalmazia alla guerra di annientamento contro gli slavi? No.
 
Non fatevi fregare, non gliene frega assolutamente nulla ai politici "ricordisti" nostrani delle vittime, gli frega solo manomettere la storia a loro piacimento, per ripulire un sangue che dalle mani, per quanto ci provino, non andrà mai via.

Niccolo' Monti

Niccolo' Monti

29 anni, tecnico informatico, comunista, già segretario nazionale della FGCI e componente della segreteria nazionale del PCI dal 2018 al 2020. Cofondatore dell'Associazione Lazio e Libertà, blogger su Antidilpomatico.it.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti