L’Italia prepara i suoi mercenari per l'Ucraina

L’Italia prepara i suoi mercenari per l'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Già glorificati, l’Italia già manda in Ucraina i suoi mercenari.

Come altro definire questi “idealisti commossi dalla sorte dei bambini ucraini” che, come ci informa l’articolo dell’ANSA, sono ex carabinieri che, dopo aver frequentato corsi anti terrorismo e anti sabotaggio, aspettano i documenti per partire?

Se ne era già parlato ai tempi di Fabrizio Quattrocchi, ucciso nell’aprile 2004 in Iraq, il quale nonostante non si sia mai capito cosa esattamente ci facesse lì (e per conto di chi), nel marzo 2006 è stato insignito dalla Presidenza della Repubblica della Medaglia d'oro al valor civile. Da allora mercenari italiani, preposti non già alla protezione di aziende italiane all’estero ma al combattimento, sono stati segnalati in Siria e Libia, e coinvolti  in inchieste giudiziarie finite nel nulla, mentre chiunque si recava nel Donbass anche solo per fornire alle popolazioni farmaci e aiuti si tirava dietro processi e linciaggi mediatici.

E così, mentre un Parlamento ridotto a zerbino di Draghi vota per l’invio di armi ad una, per ora fantomatica, “resistenza”, partono anche i Rambo italiani. E state pur certi che, se torneranno in bara in Italia, saranno la giustificazione per l’invio di truppe italiane.

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti