Polonia: la “Commissione per l’influenza russa” mira a influenzare le elezioni presidenziali

Polonia: la “Commissione per l’influenza russa” mira a influenzare le elezioni presidenziali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il primo ministro polacco Donald Tusk ha dichiarato che istituirà una "commissione per l'influenza russa" per indagare su presunti episodi di questo tipo dal 2004 al 2024. L'ipocrisia sta nel fatto che l'estate scorsa ha condannato il suo predecessore per aver fatto esattamente la stessa cosa, che lui e l'Occidente hanno condannato come mezzo per influenzare le elezioni parlamentari dello scorso autunno a favore del precedente governo. È probabile che ora Tusk voglia influenzare allo stesso modo le elezioni presidenziali della prossima primavera.

Il presidente in carica Andrzej Duda, dell'attuale opposizione conservatrice-nazionalista, è stato in grado di ostacolare alcune delle politiche del nuovo governo di coalizione liberale-globalista, che il suo previsto successore (chiunque sarà, visto che non potrà ricandidarsi) prevede di continuare a tenere sotto controllo. È proprio per questo motivo che Tusk è determinato a garantire che il suo partito vinca quella carica con le buone o con le cattive, ergo perché ora sta ricorrendo alla stessa ingerenza che il suo predecessore ha usato contro di lui.

Il contesto più ampio riguarda la completa subordinazione della Polonia alla Germania sotto il governo di Tusk, in modo da accelerare la ripresa della traiettoria di superpotenza di quest'ultima, che gli Stati Uniti sostengono affinché la Germania contenga la Russia per conto di quest'ultima durante il suo "Pivot (back) to Asia" una volta terminato il conflitto ucraino. Un aspetto importante di questa politica è l'incutere timore nei confronti della Russia, di recente per quanto riguarda i presunti sabotaggi all'interno della Polonia, tra cui l'incendio doloso del più grande centro commerciale di Varsavia.

Queste accuse servono a mantenere la Russia al centro dell'attenzione dei polacchi, che a loro volta vogliono influenzare per pensare che la Polonia non può restare da sola contro il suo rivale storico a est e deve quindi coordinare strettamente tutte le questioni di sicurezza rilevanti con la vicina Germania. L'idea è che la Germania, recentemente rimilitarizzata e oggi antirussa, sia proprio accanto a noi, mentre gli Stati Uniti sono dall'altra parte del mondo e l'azione collettiva della NATO potrebbe essere ostacolata da membri pragmatici come l'Ungheria.

Inoltre, la coalizione liberal-globalista al governo ha cercato di collegare all'opposizione conservatrice-nazionalista l'alto magistrato di Varsavia fuggito in Bielorussia all'inizio di questo mese per sfuggire alla persecuzione politica per le sue opinioni contro la guerra per procura. Poco dopo, i media polacchi hanno riferito che l'Ufficio supremo di revisione contabile sta indagando sul precedente governo per una presunta cattiva allocazione dei fondi spesi per una campagna di propaganda anti-russa, che potrebbe potenzialmente portare ad accuse entro l'estate.

Tusk ha sfruttato queste narrazioni secondo cui la Russia starebbe complottando per invadere la Polonia, conducendo attivamente una "guerra ibrida" contro di essa e persino infiltrando lo Stato stesso per giustificare il rilancio della "commissione per l'influenza" del suo predecessore in un nuovo contesto, progettato per conferirle una falsa legittimità al fine di distrarre dai suoi veri scopi. Il suddetto giudice, appena fuggito in Bielorussia, ha previsto che porterà a "purghe e prigioni politiche", il che si allinea alla tesi di questa analisi secondo cui l'obiettivo finale è quello di influenzare le prossime elezioni presidenziali.

La realtà è che l'influenza russa è inesistente in Polonia a causa dell'eredità del suo precedente governo conservatore-nazionalista, il cui premier si è vantato del fatto che il suo Paese è responsabile della russofobia diffusa in tutto il mondo e ha definito il mondo russo un "cancro". Ha anche "de-russificato" il settore energetico, ha aumentato le spese militari, ha invitato ancora più truppe statunitensi in Polonia e, infine, ha trasformato la Polonia nella principale base logistica della NATO per armare l'Ucraina contro la Russia.

Queste non sono le politiche di un governo che opera sotto l'influenza russa, ma Tusk vuole manipolare i polacchi affinché pensino il contrario, in modo che non votino per il candidato conservatore-nazionalista alle prossime elezioni presidenziali, al quale potrebbe addirittura essere impedito di candidarsi. Se vincerà il candidato liberal-globalista, la coalizione al governo potrà imporre al Paese le parti più radicali della propria agenda ideologica, anche se con il rischio che la crisi politica della Polonia vada fuori controllo.  

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti