Lukashenko non è il burattino della guerra ibrida di Putin

Lukashenko non è il burattino della guerra ibrida di Putin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I media occidentali mentono quando affermano che il presidente bielorusso Lukashenko è il burattino della "guerra ibrida" della sua controparte russa. Questa narrazione da informazione di guerra viene propagata allo scopo di coinvolgere il presidente Putin nelle politiche di Lukashenko in virtù della loro associazione politica attraverso lo "Stato dell'Unione". Il leader russo ha esplicitamente chiarito di essere stato colto alla sprovvista dalla recente minaccia di Lukashenko di interrompere le forniture di gas all'Europa. Nelle sue parole:

“Ad essere onesti, questa è la prima volta che ne sento parlare perché ho parlato con il signor Lukashenko due volte di recente e non me ne ha mai parlato, nemmeno un accenno. Ma probabilmente può farlo. Anche se non c'è niente di buono in questo e sicuramente parlerò con lui di questo problema, a meno che non lo abbia detto nella foga del momento... Naturalmente, in teoria, Lukashenko, come presidente di un paese di transito, può emettere un ordine per tagliare le nostre consegne in Europa anche se violerà il nostro contratto di transito. Spero non si arrivi a questo».

Questo non è "scacchi 5D" o un cosiddetto "piano astuto", ma una delle osservazioni tipicamente sincere di Putin su questioni delicate. È sinceramente preoccupato per ciò che ha detto la sua controparte, soprattutto perché non è stato informato in anticipo nonostante abbia parlato di recente con Lukashenko due volte. Putin sta insinuando che il leader bielorusso ha detto qualcosa che non intendeva a causa della sua caratteristica impulsività o potrebbe anche provare a fare pressione sulla Russia affinché si schieri dalla sua parte contro la Polonia e l'UE.

La crisi migratoria dell'Europa orientale affonda nelle guerre dell'Occidente guidate dagli Stati Uniti contro i paesi musulmani che hanno creato le condizioni perché milioni di persone volessero fuggire nell'UE per motivi economici. Le sanzioni anti-bielorusse guidate dalla Polonia nell'ultimo anno hanno peggiorato la situazione nell'ex Repubblica sovietica presa di mira e hanno reso politicamente impossibile per la sua leadership continuare a spendere volontariamente le risorse per proteggere l'UE dall'immigrazione illegale come in precedenza.

Questa combinazione tossica ha provocato l'ultima crisi migratoria, che il governo polacco sta sfruttando anche per ragioni politiche di interesse personale legate alla provocazione di una più ampia crisi est-ovest al fine di sabotare l'incipiente riavvicinamento russo-statunitense. Tuttavia, il popolo polacco è innocente e merita di essere protetto dalla minaccia rappresentata dagli immigrati illegali che invadono il loro paese. Tutto ciò rende gli ultimi eventi molto complicati.

Comunque sia, non dovrebbero esserci ambiguità sulla relazione tra Putin e Lukashenko. Sebbene ci sia asimmetria nelle capacità dei loro paesi, si sforzano ancora di trattarsi alla pari sotto tutti gli aspetti per dare un esempio positivo in tutto il resto dello spazio post-sovietico. Lukashenko è ancora un uomo indipendente, cosa che ha dimostrato in più occasioni in passato attraverso le sue critiche a volte virulente alla Russia, specialmente prima della crisi dettata dal tentativo di regime change dello scorso anno.

Comprendendo a fondo l'importanza del suo paese per la sicurezza della Russia fungendo da cuscinetto fisico con la NATO, Lukashenko da allora ha cercato di ingannare Putin nel sostenerlo in modi che rischiano di portare il "fratello maggiore" della Bielorussia in conflitto con l'Occidente. La sua ultima minaccia di tagliare le forniture di gas russo all'Occidente può essere interpretata in questo modo. Il leader bielorusso voleva che Putin si sentisse sotto pressione per sostenerlo per "salvare la faccia" e "salvare le apparenze".

Il leader russo, tuttavia, non ha reagito in questo modo. In effetti, sembra chiaramente offeso dal fatto che Lukashenko avanzi una tale minaccia sapendo perfettamente che la narrativa di guerra dei media mainstream occidentali è quella di travisare la loro relazione. In altre parole, Lukashenko ha volutamente manipolato la propaganda politicamente russofoba per fare pressione su Putin per motivi egoistici e molto geopoliticamente pericolosi. Non c'è da meravigliarsi che Putin sia così sconvolto.

Ciò non significa che le loro relazioni personali, per non parlare di quelle strategiche dei loro paesi, saranno irreversibilmente peggiorate dalla provocazione di Lukashenko. È solo che il leader bielorusso è tornato ai suoi vecchi trucchi di cercare di mettere l'Oriente contro l'Occidente nella speranza di poter sfruttare la situazione a suo vantaggio (e potenzialmente anche la Polonia dal punto di vista di Varsavia, considerando i loro simili trucchi di infowar durante questa crisi ).

Bielorussia e Polonia stanno "diventando canaglia" nei confronti dei loro alleati russi e statunitensi, nel senso di fare in modo indipendente cose che mirano a provocare i loro "fratelli maggiori" a schierarsi più attivamente dalla loro parte allo scopo di catalizzare una crisi più ampia che mirano a sfruttare successivamente. Minsk vuole che Mosca costringa l'Occidente a revocare le sue sanzioni anti-bielorusse mentre Varsavia vuole che Washington congeli – se non inverti – il suo incipiente dialogo strategico con il Cremlino.

Né la Bielorussia né la Polonia sono "burattini" della Russia o degli Stati Uniti in questo particolare contesto pur essendo alleati in patti di mutua difesa. La crisi migratoria dell'Europa orientale mostra come i paesi regionali possono manipolare il corso degli eventi e le loro narrazioni per motivi di interesse personale che si verificano anche a spese dei propri alleati. Questa è una tendenza estremamente pericolosa che deve essere frenata il prima possibile per evitare che sfugga ulteriormente al controllo e provochi un conflitto più ampio a causa di errori di calcolo.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe