L’embargo sulle armi imposto dagli USA a Israele per raggiungere accordo di pace regionale

L’embargo sulle armi imposto dagli USA a Israele per raggiungere accordo di pace regionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Molti osservatori dei media mainstream e della comunità Alt-Media sono rimasti scioccati quando il Segretario alla Difesa Austin ha confermato mercoledì, durante una testimonianza al Congresso, che gli Stati Uniti hanno fermato "una spedizione di munizioni ad alto carico" con il pretesto che potrebbero essere utilizzate a Rafah. Biden ha poi ampliato questa nuova politica dichiarando che "non forniremo armi e proiettili di artiglieria" se l'IDF entrerà nei centri abitati di Rafah.

Nessuno avrebbe dovuto sorprendersi, tuttavia, dal momento che questo articolo di metà marzo sul motivo per cui Biden ha appoggiato l'appello di Schumer per un cambio di regime in Israele ha spiegato il doppio gioco che la sua amministrazione sta facendo. In breve, considerazioni elettorali interne hanno influenzato il suo team nell'intensificare la campagna di pressione contro Bibi della scorsa primavera, che inizialmente aveva lo scopo di punirlo per motivi ideologici, ma che ora mira anche a spingere Israele a raggiungere l'accordo di pace regionale che, secondo quanto riferito, sta cercando di mediare.

I lettori interessati possono saperne di più qui, con la pertinenza del fatto che gli Stati Uniti prevedono che l'Arabia Saudita riconosca Israele in cambio dell'accettazione da parte di Israele della statualità palestinese. Per perseguire questo grande obiettivo strategico, che rimodellerebbe la geopolitica dell'Asia occidentale, gli Stati Uniti stanno facendo penzolare davanti all'Arabia Saudita partenariati privilegiati in campo militare e dell'energia nucleare, aumentando gradualmente la pressione su Israele. Inoltre, secondo quanto riferito, hanno detto al Qatar di espellere l'ala politica di Hamas se non accetta un cessate il fuoco.

Ci saranno membri attivisti dei media mainstream e della comunità Alt-Media che sceglieranno su quale elemento di questa politica concentrarsi per portare avanti la loro agenda ideologica, ma il fatto è che l'insieme rappresenta una spinta diplomatica globale. Gli Stati Uniti vedono l'opportunità di ripristinare parte della loro influenza regionale perduta attraverso questi mezzi, che i loro politici ritengono possano rallentare la recente espansione dell'influenza sino-russa in Asia occidentale.

Il ritiro di un'unica spedizione di armi da Israele è un gesto puramente simbolico che arriva troppo tardi per evitare la catastrofe umanitaria che si è verificata a Gaza negli ultimi otto mesi di guerra totale, ma segnala comunque che potrebbero essere fermate altre spedizioni se Israele continuerà l'operazione di Rafah. In tal caso, le relazioni bilaterali peggiorerebbero se Bibi non accettasse una soluzione di compromesso, cosa che sarebbe riluttante a fare poiché lo screditerebbe dopo aver promesso di distruggere completamente Hamas.

Qui sta il problema, però, perché questo obiettivo può essere raggiunto solo con mezzi militari che perpetuerebbero le sofferenze dei palestinesi e quindi ritarderebbero l'accordo che gli Stati Uniti sperano di mediare con i sauditi. Il Regno non riconoscerà Israele finché il conflitto continuerà, e un numero di vittime civili superiore a quello già alto potrebbe rendere ancora più difficile il riconoscimento una volta che la guerra sarà finalmente finita. Questo accordo è parte integrante degli interessi di Israele, ma lo è anche la distruzione di Hamas, ergo il dilemma.

Tuttavia, a condizione che Israele disponga di scorte adeguate per continuare la sua campagna, Bibi potrebbe scommettere di riuscire a distruggere almeno l'ala militare di Hamas e poi giocare sul pari interesse dei sauditi per l'accordo menzionato in precedenza, in modo da realizzarlo una volta terminata la guerra. Questo però non può essere dato per scontato, poiché gli Stati Uniti non avrebbero simbolicamente fermato la recente spedizione né Biden avrebbe minacciato di stoppare tutte le armi offensive se avessero pensato che le cose stessero davvero così.

Resta quindi da vedere cosa succederà, ma gli Stati Uniti si aspettano che Bibi venga effettivamente pressato da questa nuova politica per scendere a compromessi su Gaza, il che potrebbe screditare la sua leadership tra i membri ultranazionalisti della sua coalizione da cui dipende il suo governo. In sostanza, gli Stati Uniti vogliono prendere tre piccioni con una fava: porre fine a questa guerra per motivi elettorali interni, facilitare l'uscita di Bibi dal suo incarico e mediare un accordo di pace israelo-saudita per ripristinare l'influenza regionale perduta.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti