Korybko - La brigata di carri armati dalla Germania in Lituania è il primo passo verso una "Schengen Militare"

Korybko - La brigata di carri armati dalla Germania in Lituania è il primo passo verso una "Schengen Militare"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha recentemente firmato un accordo per lo schieramento di una brigata di carri armati in Lituania, che sarà dislocata vicino ai confini dello Stato dell'Unione e sarà completamente dispiegata entro il 2027. Un mese prima, nel presentare la nuova dottrina strategico-militare del suo Paese, aveva dichiarato: "Abbiamo bisogno di una Bundeswehr che possa difendersi e fare la guerra per difendere la nostra sicurezza e la nostra libertà". Questo documento si basa sul manifesto egemonico del Cancelliere Olaf Scholz del dicembre 2022.

Poco dopo la pubblicazione di questa dottrina, il capo della logistica della NATO, tenente generale Alexander Sollfrank, ha suggerito la creazione di una cosiddetta "Schengen militare" per ottimizzare il movimento di questi equipaggiamenti nell'UE. La successiva conclusione dell'accordo tra la Germania e la Lituania per la fornitura di brigate di carri armati, che non è stata una sorpresa visto che se ne parlava già dall'inizio dell'estate, ha fornito il pretesto per accelerare questi piani.

All'epoca è stato valutato che "la proposta di 'Schengen militare' della NATO è un gioco di potere tedesco sottilmente mascherato sulla Polonia", con l'obiettivo di approfittare del ritorno alla premiership dell'ex primo ministro polacco e presidente del Consiglio europeo Donald Tusk per subordinare il Paese come proxy. Il leader dell'opposizione conservatrice-nazionalista Jaroslaw Kaczynski lo ha accusato di essere un "agente tedesco" a causa dei suoi stretti legami con quel Paese e ha avvertito che sta tramando per cedere la sovranità polacca ad esso.

Gli osservatori dovrebbero notare che l'accordo tra la Germania e la Lituania per la costituzione di brigate di carri armati è stato firmato solo dopo il ritorno di Tusk in carica, a metà dicembre, il che suggerisce che Berlino non abbia voluto accettare l'accordo prima di allora, poiché avrebbe potuto dare una spinta al precedente governo durante le elezioni di ottobre. Kaczynski avrebbe potuto sostenere che le 4.800 truppe e i 200 civili che saranno stanziati lì entro il 2027 possono essere riforniti in modo efficiente solo attraverso il transito in Polonia, i cui diritti il suo partito potrebbe essere stato riluttante a concedere.

Per non rendere questi piani un parafulmine di polemiche prima di un voto già teso, la Germania ha probabilmente deciso di rimandare la firma di questo accordo a dopo l'elezione di Tusk, e potrebbe anche aver rinegoziato alcuni dettagli nel caso in cui avesse perso. Dato che tutto è andato secondo i piani, tuttavia, il collega tedesco Sollfrank ha strategicamente calendarizzato la sua proposta di una cosiddetta "Schengen militare" quasi un mese dopo che era chiaro che Tusk sarebbe tornato al potere.

La dottrina militare-strategica della Germania è stata pubblicata proprio prima, e quasi certamente è stata anche pubblicata dopo le elezioni polacche per la ragione sopra menzionata di non dare a Kaczynski un altro argomento con cui aizzare la sua base contro Tusk. Ora che è tornato in carica, la Germania non deve più nascondere le sue intenzioni militari egemoniche, come dimostrano la promulgazione della dottrina, il suggerimento del collega tedesco Sollfrank e la nuova brigata di carri armati della Germania in Lituania.

Come è stato scritto in precedenza, l’unico modo efficiente in cui la Germania può rifornire la sua squadra di 5.000 membri nel paese baltico è attraverso il transito attraverso la Polonia, da qui la logica alla base dell’accelerazione dei piani per una “Schengen militare”. Il pensiero che armi, hardware e munizioni tedesche attraversino la Polonia in rotta verso la Lituania è inaccettabile dal punto di vista di molti polacchi conservatori-nazionalisti, che lo percepirebbero come un potente simbolo del dominio tedesco sul loro paese nuovamente subordinato.

È probabile che con queste preoccupazioni in mente, così come con una resistenza altrettanto prevedibile al nuovo patto migratorio dell’UE, Tusk abbia cercato di prendere il controllo dei media statali polacchi dopo che l’opposizione nazionalista-conservatrice li ha riempiti di quadri nel corso degli anni. Le nuove posizioni controverse della Polonia nei confronti della Germania e degli immigrati clandestini, che prevedibilmente si manifesteranno attraverso la “Schengen militare” e l’importazione di individui culturalmente diversi, gli impongono di modellare la narrazione dall’alto.

Queste istituzioni sono appena state messe in liquidazione a causa di una disputa tra il liberale-globalista Tusk e il presidente conservatore-nazionalista Andrzej Duda, che resterà in carica fino alle prossime elezioni presidenziali, nella primavera del 2025, ma questo almeno priva l'opposizione dei suoi portavoce. Lo scandalo che ne è derivato per il sequestro di questi media da parte di Tusk ha anche distratto in modo importante i polacchi dalle due nuove posizioni controverse del suo governo, descritte nel paragrafo precedente.

In un modo o nell'altro, quindi, sta portando avanti la sua agenda, poiché i media statali si dissolveranno se Duda non gliene darà il controllo, mentre immigrati clandestini civilmente dissimili saranno importati da altre parti dell'UE, dato che la Germania probabilmente si assicurerà i diritti di transito "Schengen militare". A meno che non accada qualcosa di inaspettato nel corso del prossimo anno, si prevede che il dominio ideologico e militare della Germania sulla Polonia si rafforzerà, a scapito della sua sovranità, esattamente come previsto da Kaczynski.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti