Il nuovo ordine multipolare post-Biden

Il nuovo ordine multipolare post-Biden

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Germán Gorraiz López - teleSUR

I segnali di senilità del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il fiasco degli Stati Uniti in Afghanistan e la mancanza di un accordo del Congresso per approvare il suo programma di investimenti da mille miliardi di dollari del New Deal, insieme a un'inflazione in crescita e alla possibile entrata in recessione dell'economia il prossimo anno, potrebbero portare a una vittoria repubblicana nelle elezioni di medio termine del 2022, che prefigurerebbe un ritorno trionfale di Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2024.

Firma di un nuovo trattato di coesistenza pacifica tra Russia e Stati Uniti?

La crisi di Crimea avrebbe significato il ritorno della Dottrina Breznev (nota anche come dottrina della sovranità limitata), che stabilisce che "la Russia ha il diritto di intervenire anche militarmente negli affari interni dei Paesi della sua area di influenza", creando una rete di anelli orbitali che graviteranno sotto l'egida della Russia. Il cosiddetto cortile della Russia sarebbe strutturato economicamente dall'Unione Economica Eurasiatica (UEEA), che comprende Russia, Bielorussia, Armenia, Kirghizistan e Kazakistan, e militarmente dall'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), un'alleanza di Paesi che si sono staccati dall'ex Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) e che include l'Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan e guidata dalla Russia con l'obiettivo di "contrastare le minacce esterne", e che si sarebbe concretizzata nell'arrivo di truppe russe e bielorusse in Kazakistan per garantire la permanenza al potere del leader kazako Kassym Khomart Tokayev e assicurarsi il controllo del Cosmodromo di Baikonur, la più grande base spaziale del mondo.

Per quanto riguarda l'Ucraina, il Presidente russo Vladimir Putin sta cercando di fare in modo che l'Ucraina non entri a far parte dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e che la controversia ucraina venga risolta dividendo l'Ucraina in due metà: il sud e l'est del Paese (compresa la Crimea e il Mar d'Azov) rimarranno nell'orbita della Russia, mentre il centro e l'ovest dell'attuale Ucraina navigheranno nella scia dell'Unione Europea (UE). Così, dopo la firma di un imminente accordo di pace tra Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, la linea immaginaria che collega Kharkov, Dnipro, Zaporiyia e Kherson diventerà il nuovo Muro di Berlino della Guerra Fredda 2.0, dando a Putin il pieno controllo del Mare d'Azov e dell'uscita dal Mar Nero attraverso Kherson, con Odessa come unico sbocco al mare dell'Ucraina. Tuttavia, Putin è consapevole della nuova dinamica di azione-reazione in cui saranno coinvolte le relazioni tra Stati Uniti e Russia da questo momento in poi (Guerra Fredda 2.0), che si tradurrà in un'intensificazione della strategia kenziana degli Stati Uniti per soffocare l'economia russa. Questa dottrina si concretizzerebbe nella recente implementazione di sanzioni contro la Russia, finalizzate all'affamamento finanziario e all'asfissia economica che porterebbe all'inadempienza o alla sospensione dei pagamenti, unitamente a un'inflazione stratosferica che porterebbe a un costo della vita inaccessibile per la società russa e, successivamente, a una rivoluzione colorata contro Putin.

Le durissime dichiarazioni di Biden sulla Russia ("Putin è un criminale di guerra") e l'attuazione di sanzioni per ottenere il soffocamento economico e l'inedia finanziaria della Russia sulla scia della crisi ucraina, hanno messo in scena l'arrivo della Guerra Fredda 2.0 e il ritorno delle tesi geopolitiche di George Kennan, il quale affermava che "dire che il rovesciamento dei regimi ostili agli Stati Uniti è l'obiettivo principale dei servizi segreti americani è un segreto aperto", è un segreto aperto", simboleggiato dalla gaffe di Biden secondo cui "Putin non merita di essere al potere", da cui si evince che l'ossessione di Biden di sottomettere la Russia ai dettami statunitensi sarebbe un ostacolo al raggiungimento di un nuovo ordine multipolare basato sul G3 (Stati Uniti, Russia e Cina).

Tuttavia, i segni della senilità di Biden, il fiasco dell'Afghanistan, la mancanza di accordi parlamentari per approvare il suo programma New Deal con investimenti nei servizi sociali, la lotta al cambiamento climatico e la costruzione di infrastrutture per un valore di trilioni di dollari, hanno fatto scendere il suo indice di popolarità al 39%. Questo, unito a un'inflazione in crescita e alla possibile entrata in recessione dell'economia, potrebbe portare a una vittoria repubblicana nelle elezioni di medio termine del 2022, che anticiperebbe il trionfo di Trump nelle elezioni presidenziali del 2024 e comporterebbe la firma di un nuovo Trattato di coesistenza pacifica con la Russia e l'intronizzazione del G3 come primus inter pares nella governance globale per il prossimo decennio.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra