"Non lasciamoli morire". Appello alla mobilitazione permanente per i fratelli Kononovich

"Non lasciamoli morire". Appello alla mobilitazione permanente per i fratelli Kononovich

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Clara Statello e Alessandro Bianchi


La messa al bando dei partiti di sinistra e opposizione in Ucraina ha avuto come effetto la persecuzione, pressoché arbitraria, di dirigenti e tesserati. Il caso più emblematico, citato persino dal dossier dell’Alto Commissariato per i diritti umani dell’ONU (OHCHR), è quello dei fratelli Mikhail e Aleksandr Kononovich, dirigenti del Komsomol, l’organizzazione giovanile del Partito Comunista Ucraina (KPU), perseguitato dal governo di Kiev sin dal 2015.

Gemelli di etnia bielorussa, i due fratelli sono stati arrestati il 2 marzo 2022 in un raid dei servizi di sicurezza ucraini (SBU) a casa loro. Per quattro giorni sono stati detenuti in una prigione non ufficiale, gli scantinati dell’SBU a Kiev. Qui denunciano di aver subito maltrattamenti e torture, di essere stati selvaggiamente picchiati e tenuti bendati.Il 6 marzo il loro arresto è stato formalizzato e sono stati trasferiti nel carcere di detenzione preventiva di Kiev. Anche qui lamentano vessazioni, scarsa alimentazione e carenze igieniche. Affermano, inoltre, di aver potuto incontrare un avvocato soltanto dopo due mesi. Il dossier dell’OHCHR evidenzia come la loro carcerazione sia stata disposta dalla procura, senza la supervisione del tribunale, intervenuta non prima del 3 maggio 2022.

Mikhail e Alksandr sono rimasti in cella fino a novembre 2022, quando sono disposti gli arresti domiciliari con braccialetto. La misura preventiva è tuttora vigente e rinviata di seduta in seduta nonostante i termini previsti per gli arresti preventivi e nonostante l’accusa non sia ancora riuscita a formulare dei capi di imputazione. Finora i pm non si sono mai presentati in aula nelle udienze per la presentazione dell’accusa.

I due fratelli erano stati arrestati dall’SBU con l’accusa di dopo aver partecipato ad una manifestazione per la pace davanti l’ambasciata degli USA a Kiev. La loro persecuzione, tuttavia, inizia anni prima. Nel luglio del 2016 Mikhail era stato aggredito con spranghe da nazionalisti, per la sua candidatura con la Lega dei Giovani Comunisti (LKSM). Nel 2018 entrambi erano stati attaccati da militanti di estrema destra.

Il quadro persecutorio e vessatorio nei confronti degli esponenti del KPU, prima del 24 febbraio 2022, è confermato da una sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) del 25 marzo 2021, che ha riconosciuto come illegale e irragionevole la detenzione della deputata comunista Alla Aleksandrovskaya, avvenuta nell’estate del 2016.

Adesso la vita dei Kononovich è in pericolo.

I due fratelli continuano a ricevere minacce di morte da elementi nazionalisti, presumibilmente legati alle autorità ucraine, che diffondono sui social i loro dati personali incitando i loro contatti contro di loro e dichiarando di volerli eliminare se la giustizia non provvederà a punirli. Comprensibilmente i due fratelli temono per la loro incolumità fisica e ritengono che questi episodi equivalgano ad una condanna a morte.

Mikhail e Aleksandr affermano di essere perseguitati e minacciati per il solo "crimine" di essere comunisti e antifascisti.

Si tratta di una vicenda, quella dei fratelli Kononovich, che fa crollare tutti i castelli di carta di menzogne che si sono costruite nei paesi della Nato dal golpe di Maidan del febbraio del 2014 ad oggi.

La favoletta della “democrazia ucraina” crolla con i fratelli Kononovich. La storiella di un paese che si emancipa verso l’”Eldorado” europeo fracassa con i fratelli Kononovich.

Le menzogne diffuse per coprire i crimini di un regime infestato di neo-nazisti emergono in tutto il loro squallore con la vicenda dei fratelli Kononovich. E questo perché la loro testimonianza diretta squarcia il velo di Maya steso in questo decennio dalla propaganda della Nato, mettendo a nudo chi occupa illegalmente il potere a Kiev da ormai 9 anni.

Ed è proprio per tutte queste ragioni che il regime vuole silenziare le voci dei due giovani leader politici ed il tempo a disposizione per tutti i sinceri democratici europei è sempre meno. Oggi, lunedì 10 luglio, alle ore 18.00 si terrà a Roma, in piazza Giuseppe Verdi, nei pressi dell'Ambasciata dell'Ucraina una mobilitazione di solidarietà ai Mikhail e Aleksandr e a tutti gli antifascisti che si oppongono al regime di Kiev. Invitiamo tutti a portare la propria solidarietà per ribadire in maniera chiara che, ancora una volta, in Europa e nel mondo, il fascismo non passerà. 


P.S. Una versione tedesce esce in contemporanea su Junger Welt (si ringrazia Nora Hoppe per la Traduzione)

P.s. 2 Domani alle 18 e 30 sul canale Yotube de l'AntiDiplomatica intervista esclusiva ai fratelli Kononovich

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti