Gli ultimi dati mostrano che l'Europa potrebbe riconsiderare il suo sostegno militare a Kiev

Gli ultimi dati mostrano che l'Europa potrebbe riconsiderare il suo sostegno militare a Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Politico ha riportato gli ultimi dati rilasciati dall'Istituto tedesco Kiel per l'economia mondiale, che da quasi sei mesi gestisce un Ukraine Support Tracker, da cui risulta che i sei Paesi più grandi del continente - Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Italia e Polonia - non hanno assunto nuovi impegni militari a favore di Kiev il mese scorso. La Francia, l'Italia e la Spagna non hanno mai giocato un ruolo importante in questo senso, mentre la Germania è considerata inaffidabile dalla maggior parte degli osservatori, ma nessuno si sarebbe aspettato che il Regno Unito e la Polonia non si sarebbero impegnati a sostenere l'Ucraina a luglio.

Per cercare di dare un senso a questo sorprendente sviluppo, è importante rivedere brevemente il contesto di riferimento. In primo luogo, e ovviamente, la Russia continua a compiere lenti ma costanti progressi sul terreno in Ucraina. In secondo luogo, ciò avviene nonostante le decine di miliardi di dollari di equipaggiamenti militari, per lo più forniti dagli Stati Uniti, già inviati a quella fatiscente ex Repubblica sovietica. In terzo luogo, sulla base di quanto detto sopra, i Paesi europei non hanno quindi alcun motivo per continuare ad esaurire le proprie riserve militari, dal momento che gli Stati Uniti sono più che disposti a continuare su questa strada.

Questi calcoli machiavellici non sono però privi di ironia. In primo luogo, Zelensky si è già offerto di dare ai suoi numerosi mecenati occidentali "il patronato su una particolare regione dell'Ucraina, città, comunità o industria" durante il suo intervento a Davos a fine maggio, quindi gli europei potrebbero pensare che diventerà ancora più malleabile quando la disperazione militare della sua parte aumenterà. In secondo luogo, nello stesso periodo la Polonia e l'Ucraina si sono fuse in una confederazione de facto, ma Varsavia si è subito resa conto di non poter pagare tutti i conti di Kiev. Infine, a fine giugno il Regno Unito ha avvertito che la solidarietà dell'Occidente stava vacillando, ma ora anche Londra sta vacillando.

Tutti questi fattori contribuiscono a spiegare perché il ministro degli Esteri ucraino Kuleba ha ipotizzato che alcuni Paesi europei stiano "aspettando che noi cadiamo e che i loro problemi scompaiano da soli", il che implica anche un riferimento all'imminente crisi energetica del blocco nel prossimo inverno, che dovrebbe esacerbare le differenze esistenti tra i suoi membri in merito al sostegno alla guerra per procura contro la Russia condotta dalla NATO dagli Stati Uniti. Inoltre, i dati appena riportati dall'Istituto di Kiel potrebbero essere l'inizio di una tendenza emergente dopo che l'analista militare statunitense Michael Kofman ha previsto che l'Occidente sottoporrà Kiev a una "dieta di munizioni".

È significativo che abbia previsto questo scenario solo due giorni prima della pubblicazione del rapporto del think tank tedesco, il che suggerisce che avesse già intuito la tendenza e altri rapporti. Dal punto di vista degli interessi oggettivi dell'UE nel suo complesso (senza contare quelli soggettivi delle varie leadership dei membri, come quella degli Stati baltici), non ha senso continuare a inviare equipaggiamenti militari e a esaurire ulteriormente le loro riserve, che richiedono molto tempo per essere ricostituite, quando nulla di ciò che danno a Kiev cambierà il corso del conflitto.

Gli Stati Uniti si stanno già assumendo l'onere della cosiddetta "leadership", quindi non c'è motivo per cui qualcun altro debba "farsi avanti" più di quanto non abbia già fatto. Zelensky ha già aperto la porta alla neocolonizzazione della sua fatiscente ex Repubblica sovietica, un errore madornale col senno di poi, poiché è servito a disincentivare i suoi patroni dal mantenere il ritmo del sostegno alle sue forze, perché ritengono di poter guadagnare di più da Kiev man mano che la sua disperazione militare aumenta. Se questa tendenza si mantiene, Kiev potrebbe essere costretta a capitolare alle richieste di Mosca entro la fine dell'anno.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra