Andrew Korybko - Il Presidente Putin ha individuato correttamente la causa del caos globale

Andrew Korybko - Il Presidente Putin ha individuato correttamente la causa del caos globale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente russo Vladimir Putin ha tenuto il discorso di apertura del Forum Economico Orientale di quest'anno a Vladivostok, dove ha correttamente diagnosticato la causa del caos globale. Invece di riunirsi dopo la pandemia COVID-19 per emergere più forte e più strettamente integrata che mai, come speravano in tutto il mondo, la comunità internazionale è stata spietatamente fatta a pezzi da quello che ha descritto come l'Occidente collettivo.

Secondo Putin, gli Stati Uniti hanno guidato questi processi distruttivi per destabilizzare deliberatamente la ripresa globale, motivati dal disperato desiderio di ritardare l'inevitabile declino della loro egemonia unipolare e l'emergere di un ordine mondiale multipolare. A tal fine, hanno utilizzato una combinazione di sanzioni illegali e minacce militari convenzionali, che il Presidente Putin considera controproducenti per gli interessi di tutti, compresi quelli dell'Occidente collettivo e del suo stesso popolo.

Il leader russo ha anche descritto la motivazione ideologica alla base di tutto ciò, che secondo lui consiste nell'imporre i propri modelli socioeconomici e politici a tutti gli altri, senza badare ai costi. In modo del tutto ipocrita, ha osservato, questo stesso blocco di Paesi viola apertamente i principi del proprio "ordine basato sulle regole". Questo folle desiderio di preservare il proprio dominio in via di estinzione non solo ha fallito, ma ha anche rovinato le loro economie, come dimostra il perfetto esempio dell'UE.

Le conseguenze più ampie di questo danno autoinflitto si stanno riverberando in tutto il mondo sotto gli occhi di tutti, ha spiegato il Presidente Putin, mentre le valute occidentali perdono il loro ruolo tradizionale di mezzi affidabili per condurre transazioni internazionali. L'intera struttura del sistema economico-finanziario globale è andata così in frantumi, nonostante il duro lavoro investito per costruirla da tutte le parti interessate nel corso dei secoli.

Invece di ricalibrare responsabilmente le loro politiche in uno sforzo pragmatico per salvare parte di questo sistema, i Paesi occidentali stanno ricorrendo ai loro screditati impulsi coloniali che meritavano di rimanere nella pattumiera della storia. A riprova di ciò, il Presidente Putin ha sottolineato come l'accordo sul grano siglato quest'estate dalla Turchia abbia fatto sì che quasi tutte le esportazioni di grano dell'Ucraina, appena sbloccate, andassero all'UE, privando così il Sud globale di prodotti alimentari di cui ha bisogno, con il rischio di catalizzare altre crisi.

Tuttavia, nemmeno questo è sufficiente a scongiurare l'inevitabile declino dell'egemonia unipolare dell'Occidente, poiché il leader russo prevede che questo non farà altro che accelerarlo. Al contrario, il suo Paese rimane relativamente più stabile dopo aver preservato la propria sovranità, gestito l'inflazione e confermato il proprio status unico di Stato autosufficiente in termini di risorse naturali. Lungi dal ritirarsi nell'isolamento in questo caos, la Russia è desiderosa di impegnarsi con partner che la pensano allo stesso modo.

È a questo punto che il Presidente Putin ha elogiato la maggioranza degli Stati dell'Asia-Pacifico per aver orgogliosamente rifiutato di cedere la propria sovranità all'Occidente collettivo, sfidando le sue illegali richieste di sanzioni. Ha descritto questa immensa parte della comunità internazionale come il futuro dell'economia globale, prima di parlare di ciò che la Russia sta facendo per incoraggiare maggiori investimenti da parte loro nella regione dell'Estremo Oriente e, più in generale, nel resto del Paese.

Le risorse naturali e i corridoi logistici sono tra i settori più interessanti, ha detto, e i secondi svolgono un ruolo cruciale nella connettività eurasiatica. Il Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC) tra il suo Paese e l'India e la Northern Sea Route (NSR), che attraversa l'Artico, tra le metà orientale e occidentale del supercontinente, sono i megaprogetti più importanti a questo proposito. Anche se non dichiarato apertamente, essi faciliteranno l'ascesa della globalizzazione non occidentale.

Riflettendo sugli aspetti globalmente rilevanti del suo discorso, si può concludere che la descrizione del Presidente Putin dell'Occidente collettivo come responsabile del caos in corso nelle relazioni internazionali è accurata. Questo blocco guidato dagli Stati Uniti ha rovinato la possibilità storica che il mondo aveva di lasciarsi alle spalle tutti i problemi precedenti dopo la pandemia COVID-19 e di essere così pioniere di un futuro più equo, giusto e solidale per tutti. Invece di collaborare con gli altri attori internazionali, questi Paesi hanno lavorato aggressivamente contro di loro.

Nonostante ciò, il Presidente Putin è ancora ottimista sul futuro, come dimostra la sua fiduciosa previsione che l'emergente ordine mondiale multipolare è inevitabile. L'Occidente collettivo può solo rallentare i processi oggettivamente esistenti legati alla transizione sistemica globale, senza poterli fermare o invertire. Insieme ai suoi partner dell'Asia-Pacifico e del resto del Sud globale, la Russia continuerà a lavorare per un futuro migliore per tutta l'umanità.

(Articolo pubblicato in inglese su CGTN)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti