La politica estera di Macron scredita la Francia

La politica estera di Macron scredita la Francia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'intercettazione da parte della Francia di missili iraniani sopra la Giordania all'inizio di questo mese rappresenta l'ultimo errore di Macron che ulteriormente scredita il suo Paese sul fronte della politica estera. Nel 2018, il leader francese si attribuì il merito di aver impedito una guerra civile in Libano l'anno precedente, dopo che il suo intervento diplomatico contribuì a risolvere la crisi nata dalle dimissioni scandalose dell'ex Primo Ministro Hariri mentre si trovava in Arabia Saudita. Fu intorno a quel periodo, alla fine del 2017, che Macron iniziò anche a parlare della creazione di un'Esercito Europeo.

Questi passi hanno fatto pensare a molti che la Francia stesse cercando di rilanciare le sue tradizioni di politica estera indipendente, percezione rafforzata dalle parole di Macron a The Economist alla fine del 2019, quando dichiarò che la NATO era cerebralmente morta. Gli Stati Uniti presero poi la loro rivincita sulla Francia sottraendole un accordo da miliardi di dollari per un sottomarino nucleare con l'Australia due anni dopo, per creare AUKUS. Le divergenze di visione sulla politica estera tra questi due Paesi dal 2017 al 2021 erano chiaramente diventate una tendenza.

Questo cominciò a cambiare dopo lo scoppio della guerra per procura tra NATO e Russia in Ucraina all'inizio del 2022, dato che la Francia si schierò subito con gli Stati Uniti sanzionando la Russia e fornendo armi all'Ucraina. Quello è stato il primo grande errore di politica estera di Macron, poiché screditava la percezione che aveva cercato di costruire dal 2017 di una Francia che rilanciava le sue tradizioni di politica estera indipendente sotto la sua guida.

Nel frattempo, il tallone d'Achille di questa strategia rimaneva l'Africa, dove la Francia continuava a dominare i suoi ex sudditi imperiali attraverso una forma rozza di neocolonialismo che ostacolava lo sviluppo socio-economico. Non c'era molta dinamicità su questo fronte fino al 2022-2023, dopo i rispettivi colpi di Stato patriottici in Burkina Faso e Niger che liberarono il Sahel dalla "sfera di influenza" francese, prima dei quali Macron avrebbe potuto riformare questa politica per prevenire tali eventi.

Ecco il secondo grande errore di politica estera, poiché non trattare questi Paesi con il rispetto che meritano, specialmente non offrendo aiuti d'emergenza per gestire le crisi domestiche causate dalle sanzioni anti-russe dell'Occidente, ha segnato la fine della "Françafrique". La Francia avrebbe potuto invece promuovere una politica estera veramente indipendente lì, progettata per mantenere la sua influenza storica nelle condizioni moderne, permettendole di competere meglio con la Russia.

Il panico suscitato a Parigi dall’espulsione della Francia dal Sahel spinse Macron a cercare di creare una "sfera di influenza" nel Caucaso Meridionale centrata sull'Armenia. A tal fine, il suo Paese si unì agli Stati Uniti nel tentativo di attrarre l'Armenia fuori dal CSTO, sfruttando falsi percezioni sull'inaffidabilità della Russia. Questa narrazione di guerra informativa fu promossa con aggressività all'interno della società armena dalla lobby della diaspora ultranazionalista con sede in Francia (Parigi) e negli Stati Uniti (California).

Sebbene ciò sia stato un successo nel senso che l'Armenia ha sospeso la sua partecipazione al CSTO e si è decisamente orientata verso l'Occidente, cercando ora "garanzie di sicurezza", è stato probabilmente una vittoria di Pirro per la Francia, poiché ha rovinato le relazioni con la Turchia. Visto che quella nazione esercita un'influenza immensa nel mondo islamico, la politica filo-armena della Francia può quindi essere considerata il terzo grande errore di politica estera di Macron, poiché ha influenzato negativamente come i musulmani vedono la Francia.

Per quanto riguarda il quarto errore, riguarda la minaccia di Macron a fine febbraio di intervenire militarmente in Ucraina, specificando che ciò potrebbe avvenire attorno a Kiev e/o Odessa nel caso in cui la Russia ottenesse una vittoria. Questo può essere considerato un grande errore di politica estera perché ha immediatamente esposto le profonde divisioni all'interno della NATO su questo scenario dopo che molti leader hanno condannato la sua affermazione avventata.

Evidentemente, pensava che presentare la Francia come estremamente bellicosa verso la Russia avrebbe attirato l'elite occidentale, ma l'effetto è stato l'opposto: la Francia è sembrata un cecchino sconsiderato che rischiava di scatenare la Terza Guerra Mondiale per errore, con alcune preoccupazioni che l'ego di Macron stesse diventando pericoloso per tutti. Queste nuove percezioni hanno comprensibilmente screditato la Francia agli occhi dei suoi alleati.

Infine, il quinto e ultimo grande errore di politica estera è stato quando Macron ha ordinato ai suoi piloti in Giordania di intercettare alcuni dei missili lanciati dall'Iran contro Israele come rappresaglia per l'attacco al suo consolato a Damasco. Facendo ciò, ha inflitto un duro colpo al soft power della Francia nel mondo islamico, che aveva cercato di migliorare dopo il suo intervento diplomatico in Libano alla fine del 2017. Sostenendo apertamente Israele, Macron rischia anche di provocare l'ira dei musulmani francesi.

Questo gruppo demografico è facilmente mobilitabile e ha un precedente di turbolenze nella società con le grandi proteste organizzate dai loro leader comunitari negli anni. Sono anche un importante blocco elettorale, coloro che sono cittadini, il che potrebbe ostacolare notevolmente la sua capacità di nominare un successore una volta scaduto il suo secondo mandato nel 2027. I musulmani francesi potrebbero votare per altri candidati, riducendo così le possibilità che il candidato di Macron arrivi al secondo turno.

La serie di grandi errori di politica estera di Macron potrebbe non essere dovuta solo a lui personalmente, ma potrebbe essere attribuibile anche parzialmente a fattori sistemici. Il Valdai Club ha pubblicato lo studio "Crafting National Interests: How Diplomatic Training Impacts Sovereignty" il mese scorso, che sostiene che le riforme implementate sotto la sua amministrazione rischiano di diminuire il ruolo delle tradizioni diplomatiche nazionali. In termini pratici, i funzionari nazionali si stanno trasformando in funzionari globali, o essenzialmente in burattini degli Stati Uniti.

In fondo, sebbene Macron abbia l'ultima parola sulla politica estera, è anche consigliato da esperti diplomatici sulla migliore strategia possibile per avanzare gli interessi francesi in qualsiasi situazione. Invece di concepire questi interessi come nazionali, come hanno fatto all'inizio del suo mandato durante la crisi libanese del 2017 prima delle riforme del 2022, l'anno in cui tutto è cominciato a declinare, hanno iniziato a concepirli come inestricabili da quelli dell'Occidente collettivo. Ciò ha comportato una cessione di sovranità.

Il risultato finale è che la Francia si è entusiasticamente unita alla guerra per procura della NATO contro la Russia, ha perso la sua "sfera di influenza" nel Sahel, ha rovinato le relazioni con la Turchia (già indebolite dai precedenti errori di Macron) alleandosi con l'Armenia, ha perso la fiducia degli alleati della NATO rivelando dettagli sulle loro segrete discussioni riguardo all'intervento convenzionale in Ucraina e si è screditata agli occhi di tutti i musulmani sostenendo apertamente Israele contro l'Iran.

A questo ritmo, non c'è più alcuna credibile possibilità che la Francia rilanci le sue tradizioni di politica estera indipendente dopo i cinque grandi errori di politica estera commessi da Macron negli ultimi due anni. Ha inflitto così tanto danno alla reputazione del suo Paese che è impossibile riparare finché rimane al potere. Ancora peggio, sta risvegliando un vespaio a casa rischiando ulteriori agitazioni musulmane a causa delle sue politiche fortemente pro-israeliane, il che non promette nulla di buono per il futuro della Francia nei prossimi anni.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti