Un ex deputato ucraino ha denunciato i collegamenti di Burisma con il terrorismo

Un ex deputato ucraino ha denunciato i collegamenti di Burisma con il terrorismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ex deputato ucraino Andrey Derkach, vituperato dall'amministrazione Biden per aver condiviso con l'ex avvocato di Trump Rudy Giuliani informazioni sullo scandalo di corruzione in Burisma di Hunter Biden in vista delle elezioni del 2020, ha appena rilasciato un'importante intervista all'emittente bielorussa BelTA, in cui ha spifferato tutto ancora più forte. Secondo lui, la tangente di 6 milioni di dollari pagata in contanti per chiudere l'indagine sullo scandalo del First Son è arrivata alle forze armate ucraine e alla sua agenzia di intelligence militare.

Derkach ha affermato di avere le prove dell'ordinanza segreta del tribunale che ha diviso i fondi tra questi due soggetti: il primo ha investito la sua parte nella costruzione dell'esercito di droni del Paese, mentre il secondo ha finanziato attacchi terroristici come l'assassinio di Darya Dugina, che ha specificamente menzionato nell'intervista. Queste affermazioni si aggiungono a quelle che ha condiviso all'inizio di quest'anno sull'impatto reale dello scandalo di corruzione di Hunter, analizzate qui all'epoca.

Sul tema degli omicidi e del terrorismo ucraino, Derkach ha affermato che la CIA e l'FBI in realtà consentono queste azioni nonostante le loro dichiarazioni pubbliche contrarie, ma ha avvertito che questa politica immorale si ripercuoterà inevitabilmente sugli stessi Stati Uniti. In particolare, ha citato la testimonianza del capo dell'FBI Christopher Wray al Congresso lo scorso aprile, in cui ha affermato che i funzionari delle forze dell'ordine temono che attacchi simili a Crocus siano attualmente in corso di progettazione contro il loro Paese.

A questo proposito, non va dimenticato che il servizio di intelligence militare ucraino GUR è il principale sospettato dell'indagine russa su quello che è diventato uno dei peggiori attacchi terroristici della sua storia, il che significa che la parte della tangente di 6 milioni di dollari di Burisma che è finita nelle loro mani ha probabilmente finanziato una parte di essa. In altre parole, l'effetto di terzo ordine dello scandalo di corruzione di Hunter è che è stato parzialmente responsabile del brutale omicidio di civili innocenti in mezzo mondo alcuni anni dopo.

Questo è già abbastanza scandaloso, ma Derkach ha condiviso ancora più dettagli sulle altre conseguenze indirette di questo insabbiamento delle attività illecite del First Son, aggiungendo che alcune figure legate al GUR sono state collegate alla narrativa occidentale sull’attacco terroristico Nord Stream del settembre 2022. Considera quella storia come una distrazione dalla complicità degli Stati Uniti, la cui visione è stata elaborata qui nel momento in cui è entrata nel discorso, ma ha lodato la CIA per lo sforzo fatto per nascondere il suo ruolo.

A suo avviso, la CIA avrebbe potuto benissimo inviare una squadra di sommozzatori ucraini altamente addestrati nel Mar Baltico esattamente come riportato dai media occidentali, ma solo per piazzare bombe false. Nelle sue parole, “quando viene realizzata una storia di copertura, è fatta abbastanza bene. Non dovremmo sminuire l’esperienza della CIA o l’esperienza dell’MI6 nella preparazione delle operazioni di copertura. Hanno molta esperienza nell'uso dei proxy, nell'uso di storie di copertura per formare una determinata posizione al fine di schivare la responsabilità. Questo è in realtà quello che è successo”.

Guardando al futuro, Derkach si aspetta che l’Ucraina tenti ulteriori attacchi terroristici contro la Russia, cosa che l’opinione pubblica statunitense è precondizionata ad accettare attraverso le varie fughe di notizie della CIA ai media. Mentre molti potrebbero attribuire la colpa di tutto ciò a Zelensky, Derkach crede che in realtà sia il suo capo di gabinetto, Andrey Yermak, a gestire lo spettacolo, anche se come un burattino occidentale. Tuttavia, è anche convinto che l’Occidente si stia effettivamente preparando a sostituire formalmente Zelensky, ma non sa ancora quando e con chi.

Nel complesso, l’importanza dell’intervista di Derkach è che si tratta di un ex politico ucraino veterano che conserva ancora molte fonti all’interno del regime, avendo prestato servizio nella Rada per ben 22 anni dal 1998 al 2020. Mentre la sua patria lo ha accusato di tradimento dopo essere fuggito in Russia all’inizio del 2022, dopo che gli Stati Uniti lo hanno accusato di ingerenza elettorale per conto di quel paese nel settembre 2020, si può sostenere che si tratta di tentativi motivati politicamente di intimidire un importante informatore.

Lo sporco che Derkach ha condiviso sullo scandalo di corruzione Burisma di Hunter, per non parlare dei suoi effetti di terzo ordine recentemente rivelati che hanno portato alla brutale uccisione di civili dall'altra parte del mondo dopo che parte della bustarella della sua azienda è finita nelle mani del GUR, lo hanno reso un nemico del governo statunitense. Loro e i proxy ucraini cercheranno quindi sempre di screditarlo con accuse sensazionali, ma tutti farebbero bene ad ascoltare quello che dice e poi prendere una decisione al riguardo.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti