Korybko - L'80° anniversario del D-Day combina proxy war e revisionismo

Korybko - L'80° anniversario del D-Day combina proxy war e revisionismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'attenzione dei media si è concentrata sull'80° anniversario del D-Day, considerando il suo significato emotivo e la partecipazione di diversi leader internazionali all'evento. La presenza di Zelensky accanto a Biden e a diversi suoi omologhi dell'Europa occidentale appare fuori luogo, dal momento che l'Ucraina non ha nulla a che fare con questa operazione. L'unico motivo per cui è stato invitato è stato quello di portare avanti la narrazione storicamente revisionista della NATO sulla Seconda Guerra Mondiale e di impegnarsi in una guerra per procura.

Per spiegare, la prima si riferisce alla falsa affermazione che gli Alleati occidentali furono i principali responsabili della sconfitta dei nazisti e non l'Unione Sovietica. Questa versione distorta della verità è sempre esistita, ma ha iniziato a essere ferocemente propagata dopo il 2014 e soprattutto dopo l'inizio dell'operazione speciale della Russia nel 2022. Questa narrazione si è diffusa parallelamente a quella che ritrae il Patto Molotov-Ribbentrop, la cui reale importanza è stata chiarita qui, come la creazione di un'alleanza sovietico-nazista che ha reso possibile la Seconda Guerra Mondiale.

Di conseguenza, è diventato inaccettabile per l'élite e gli opinionisti occidentali riconoscere il ruolo dell'URSS nella sconfitta dei nazisti. Tuttavia, poiché non si possono cancellare i fatti del dopoguerra, si è preferito manipolare gli eventi che lo hanno preceduto per far credere che il Primo Fronte Ucraino, che ha avuto un ruolo di primo piano nella battaglia per Berlino, fosse una forza semi-indipendente. A tal fine, trascurano il fatto che fu chiamato così per motivi geografici e sostengono invece che lo fu per motivi etnici.

La collaborazione di alcuni ucraini con i nazisti viene ignorata o spiegata in modo disonesto come “una forma sbagliata di resistenza antisovietica”, che si combina con la precedente affermazione sul Primo Fronte Ucraino per creare una narrazione completamente nuova. Nella mentalità occidentale media, gli ucraini sono stati vittime dei sovietici prima della Seconda Guerra Mondiale e poi dei nazisti durante la stessa; vincitori semi-indipendenti in quella guerra; e poi ancora vittime dei sovietici dopo di essa, come il resto dell'Europa centrale e orientale (CEE).

La metanarrazione che si forma attraverso i mezzi sopra citati consiste nell'equiparare l'URSS alla Germania nazista in termini di responsabilità morale per l'inizio della Seconda Guerra Mondiale e nel paragonare la prolungata presenza militare della prima nella CEE dopo la guerra con la breve ma altamente genocida occupazione dei nazisti. È su questa base che la Russia non è stata invitata a partecipare all'80° anniversario del D-Day, ma Zelensky sì, poiché la partecipazione di quest'ultimo rafforza queste opinioni nell'immaginario occidentale.

Dopo aver spiegato le ragioni storicamente revisioniste dietro l'invito di Zelensky all'evento di giovedì, è ora il momento di passare alla sua importanza pratica rispetto alla guerra per procura NATO-Russia in Ucraina. Sta tenendo un ‘powwowing’ con i leader nordamericani, britannici, francesi e tedeschi proprio nel momento in cui quei quattro stanno "escalation to de-escalate", come è stato sostenuto qui, con l'obiettivo di costringere la Russia a congelare il conflitto a condizioni relativamente migliori per l'Occidente e l'Ucraina.

Hanno già approvato l'uso delle armi da parte dell'Ucraina per colpire obiettivi in territorio russo universalmente riconosciuto, la Francia sta considerando un intervento convenzionale e la Polonia sostenuta dagli Stati Uniti sta valutando l'abbattimento di missili russi sull'Ucraina occidentale. Allo stesso tempo, il presidente Putin ha segnalato apertura al compromesso a patto che siano garantiti gli interessi della Russia, il primo ministro estone Kallas ha affermato che l'Ucraina potrebbe perdere parte del suo territorio e Biden ha affermato che potrebbe anche non entrare a far parte della NATO.

La realtà che sta emergendo all'Occidente in mezzo alla vittoria della Russia nella "corsa alla logistica"/"guerra di logoramento", che persino il capo della NATO Stoltenberg ha ammesso timidamente, è che le previste escalation di quest'estate potrebbero essere l'ultimo urrà della loro parte prima di essere costretti a raggiungere una sorta di compromesso con la Russia. Comunque sia, i falchi radicalizzati ideologicamente hanno deciso di giocare una pericolosa partita nucleare quest'estate per disperazione per costringerla a concessioni che potrebbero poi essere spacciate per una vittoria strategica.

Questo è il complicato contesto militare-diplomatico in cui Zelensky sta incontrando i leader statunitense, britannico, francese e tedesco in Normandia, che arriva solo una settimana prima del prossimo vertice del G7 in Italia, dove saranno presenti altri leader occidentali e molti altri. Tra questi, i presidenti brasiliano e turco, il premier indiano, il Papa e forse anche il principe ereditario saudita, tutti e cinque i cui paesi hanno svolto un ruolo nel tentativo di mediare la fine del conflitto ucraino.

I “colloqui di pace” svizzeri inizieranno subito dopo la fine del G7 e, meno di un mese dopo, si terrà a Washington il prossimo vertice NATO. Con questo programma frenetico in mente, la presenza di Zelensky all’80° anniversario del D-Day gli consente opportunamente di discutere in anticipo la dimensione ucraina di questi prossimi eventi con i suoi quattro principali sostenitori, il che si tradurrà in quei cinque che daranno forma all’agenda in modo più efficace alla luce del complicato contesto militare-diplomatico che è stato già spiegato.

La partecipazione dei leader brasiliano, turco, indiano e vaticano al G7 della prossima settimana, così come la possibile presenza del principe ereditario saudita, possono portare uno di questi paesi o una combinazione di essi a lanciare un processo di pace ucraino ibrido tra l'Occidente e il Sud globale dopo l'inevitabile fallimento di quello svizzero. Bloomberg ha riferito alla fine del mese scorso che l'UE vuole che l'Arabia Saudita ospiti i colloqui inclusivi, ma anche gli altri Paesi hanno forti argomenti a loro favore che potrebbero mettere in ombra quelli del Regno.

La Turchia ha ospitato in precedenza i colloqui russo-ucraini, l'India è considerata la voce del Sud globale e il Vaticano è ampiamente considerato (a torto o a ragione) di grande autorità morale, ma alla fine potrebbe essere il Brasile a vincere questa competizione diplomatica grazie al fatto di aver ospitato il G20 di quest'anno. La dichiarazione congiunta sino-brasiliana del mese scorso sui loro principi per la risoluzione del conflitto suggerisce che Pechino lavorerà a stretto contatto con Brasilia per garantire che il suo piano di pace in 12 fasi costituisca la base di qualsiasi colloquio. 

È prematuro prevedere quale di questi Paesi potrebbe avviare con successo il processo di pace ibrido che potrebbe seguire i colloqui svizzeri, incentrati sull'Occidente e destinati a fallire, ma sembra inevitabile che un'alternativa sorgerà in seguito a quanto detto, e di questo si parlerà durante i prossimi vertici del G7 e della NATO. L'incontro di Zelensky con i suoi quattro principali patroni offre quindi loro l'opportunità di plasmare l'agenda di questi due eventi in direzione della loro opzione preferita.

Questo non vuol dire che lui stesso abbia voce in capitolo in queste questioni, ma piuttosto che si limiterà a partecipare alle discussioni dei suoi superiori prima che gli venga detto cosa deve dire e fare per promuovere i loro interessi. Tuttavia, l'importanza della sua partecipazione all'80° anniversario del D-Day è che sarà presente al dibattito dei suoi patroni sull'opportunità di sostenere il processo ibrido proposto, e qualsiasi obiezione potrebbe vederli coalizzarsi contro di lui per chiedere la sua uscita coreografica dalla scena politica in quel caso.

La sua partecipazione ha quindi un significato più pratico del semplice rafforzamento delle narrazioni storicamente revisioniste sulla Seconda Guerra Mondiale, poiché le discussioni di Zelensky con i leader nordamericani, britannici, francesi e tedeschi decideranno le prossime escalation e il nuovo processo di pace che potrebbe seguirle. L'esito dei loro colloqui può essere solo ipotizzato, ma alla fine si vedrà durante il vertice del G7 della prossima settimana e quello della NATO che lo seguirà all'inizio di luglio, durante il quale tutto sarà più chiaro.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti