La foglia di Fico

La foglia di Fico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Leo Essen

 

Lunedì 13 maggio Tesla ha presentato allo Stato della California la richiesta di messa in libertà – licenziamento – di 378 dipendenti dello stabilimenti di Fremont e 223 degli uffici di Paolo Alto. I licenzianti partiranno il 20 giugno e si concluderanno dopo 14 giorni. 

 


I tagli sono stati giustificati dall’esigenza improrogabile di riduzione dei costi, una riduzione che riguarderà il 10% delle forze attive
Il 23 aprile scorso erano stati annunciati 3.753 esuberi. Nel frattempo sono anche state cancellate 3.400 posizioni vacanti.
Si tratta dei licenziamenti più corposi dopo quelli di Meta, Cisco, PayPal e Microsoft. L’azienda parla di duplicazione dei ruoli a tutti i livelli e di necessità di raggiungere un nuovo traguardo di produttività (sfchronicle.com). 

 


La produttività è rappresentata dal margine tra ricavi ottenuti dalla vendite e costi di produzione. La concorrenza – se fossimo in un regime di concorrenza – impone alle aziende un costante aumento della produttività.

Nel suo ultimo rapporto trimestrale, McKinsey parla di un cambiamento importante nei linguaggi delle aziende. L’utilizzo di termini quali “decoupling”, “derisking”, “reshoring”, “nearshoring” e “friendshoring” nelle presentazioni aziendali è aumentato di oltre 20 volte tra il 2018 e il 2022. Il sottotesto di questi termini è spesso la geopolitica, che è sempre più un vezzo dei discorsi sul commercio e il business. 

Le tariffe medie sugli scambi di beni tra Cina e Stati Uniti sono aumentate da tre a sei volte dal 2017. Più in generale, si legge nel rapporto, ogni anno il numero di nuove restrizioni al commercio globale è in costante aumento. Si è passati da circa 650 nuove restrizioni del 2017 alle oltre 3.000 del 2023.

I modelli commerciali globali stanno cambiando. Dal 2017, Cina, Germania, Regno Unito e Stati Uniti hanno ridotto la distanza geopolitica dei loro scambi commerciali del 4-10%. 

Il rapporto parla diffusamente della produttività. Il 2024 sarà l’anno giusto. Sarà l'inizio di un'era di abbondanza futura. Se le aziende americane, si legge nel rapporto, riusciranno ad aumentare la produttività, potranno non solo superare i concorrenti, ma anche contribuire a fare del 2024 l'inizio di un'era di abbondanza. 

Sembra un compito impossibile. Ma McKinsey è sicura. L’aumento ci sarà e sarà basato su tre nuovi (sic!) pilastri: 1) riqualificazione dei lavoratori; 2)  controllo dell'aumento dei prezzi delle materie prime e dei tassi di interesse; 3) investimento in tecnologia IA.

Il fatto è che siamo in un regime di concorrenza farlocca, e di prezzi farlocchi. L’auto prodotta da Tesla risponde a un bisogno indotto, artificiale, a un consumo superfluo di stampo ecologista che non risponde ai calcoli dell’economia. E l’economia è risucchiata dalla geopolitica, perché delle sue presunte regole non rimane niente, se non il potere – o il non poter più. Non potere che si manifesta nel fuga dei capitali e della produzione in aree del mondo dove le regole dello scambio sono ancora operative e dove si riesce a tenere insieme la baracca e a valorizzare un capitale in eccesso. Non senza la foglia di Fico del reshoring.

Vedi Candy-Italia, foglia di Fico per Haier.

Leo Essen

Leo Essen

Ha studiato all’università di Bologna con Gianfranco Bonola e Manlio Iofrida. È autore di Come si ruba una tesi di laurea (K Inc, 1997) e Quattro racconti al dottor Cacciatutto (Emir, 2000). È tra i fondatori delle riviste Il Gigio e Da Panico. Scrive su Contropiano e L’Antidiplomatico.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti