Quella che viene disonestamente definita "propaganda russa" è solo la visione del mondo multipolare

Quella che viene disonestamente definita "propaganda russa" è solo la visione del mondo multipolare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Coloro che reagiscono alle opinioni differenti inventando immediatamente teorie del complotto invece di riconoscere il fatto oggettivamente esistente che è impossibile per ogni persona al mondo pensare allo stesso modo, probabilmente soffrono di problemi psicologici non diagnosticati ma molto seri. Anche senza essere uno psicologo, si può concludere che il denominatore comune che collega questi individui malati è che sono tutti per lo meno vittime della propaganda statunitense che li ha indottrinati a immolarsi per gli errori legati all'ordine mondiale unipolare immaginato dagli Stati Uniti.

Chiunque abbia condiviso pubblicamente un'interpretazione degli eventi internazionali che contraddice quella del governo degli Stati Uniti (USG) è stato quasi certamente attaccato per aver presumibilmente diffuso "propaganda russa" o addirittura essere un cosiddetto "propagandista russo" da quelli che non sono d'accordo con loro. Questi troll, che possono essere facilmente manipolati per sfondare lo shadowban dei social media sul proprio account e quindi promuovere inavvertitamente le loro opinioni contrarie tramite l'algoritmo se sanno come farlo, non possono accettare che qualcuno sia in grado di pensare in modo diverso da loro quando si arriva alle questioni politiche internazionali. 

La religione laica legata all'ordine mondiale unipolare immaginato dagli Stati Uniti predica l'universalità del modello liberal-globalista degli Stati Uniti su cui basa la sua egemonia globale e che i suoi aderenti sono stati convinti sia inevitabile. I junior partner occidentali degli USA, che possono essere descritti più accuratamente come vassalli, sono coinvolti in questa truffa quando gli viene detto che l'ideologia suprematista screditata dell'"Eccezionalismo americano" è semplicemente una propaggine dell'"Eccezionalismo occidentale", ma la loro civiltà condivisa richiede agli Stati Uniti di “guidare dal fronte” per “difendere i loro valori” e “civilizzare i barbari” in tutto il mondo. È messianica, suprematista e letteralmente fascista.

L'opposto dell'unipolarità è la multipolarità, che si riferisce alla convinzione che le relazioni internazionali siano più eque e solo se c'è più di un singolo leader globale come l'egemone statunitense in declino. In relazione a ciò, coloro che sostengono questa scuola di pensiero riconoscono anche la diversità dei modelli economici, storici e socio-politici, nonché il diritto sovrano di ogni paese di scegliere quelli che sono i migliori per promuovere gli interessi del maggior numero di persone. Sono completamente contrari all'imposizione aggressiva di modelli stranieri agli altri e credono che tutto dovrebbe sempre essere fatto volontariamente invece che sotto la coercizione. La visione del mondo conservatrice-sovranista del multipolarismo non ha nulla in comune con quella liberal-globalista dell'unipolarità poiché è inclusiva, rispettosa dei diritti sovrani di tutti, e quindi l'epitome dell'antifascismo a differenza della sua controparte ideologica.

Mentre i liberal-globalisti unipolari (ULG) cercano di confondere il mondo facendogli credere nel loro "ordine basato sulle regole" (RBO) definito soggettivamente, questa è in realtà solo l'imposizione selettiva di doppi standard per far avanzare gli obiettivi geostrategici egoistici degli Stati Uniti, i conservatori-sovranisti multipolari (MCS) insistono sul fatto che l'unico legittimo RBO è quello sancito dalla Carta delle Nazioni Unite. Un'altra differenza concettuale inconciliabile tra loro è che l'ULG ricorre sempre a teorie del complotto inventate per spiegare perché altri non sono d'accordo con la loro interpretazione degli eventi internazionali. I conservatori-sovranisti, d'altra parte, promuovono sempre dibattiti rispettosi tra coloro che la pensano diversamente perché sostengono una diversità di discorso. A differenza dell'ULG, l'MCS rispetta l'intelligenza di tutti abbastanza da consentire loro di prendere una decisione su cosa credere dopo aver ascoltato punti di vista differenti.

Merita anche di essere menzionato che l'ULG nega l'esistenza della transizione sistemica globale (GST) in corso poiché si sono convinti che la loro visione del mondo è universalista e quindi inevitabilmente sarà seguita da tutti alla fine mentre l'MCS è effettivamente entusiasta dell'emergere Ordine Mondiale Multipolare che definisce veramente lo stato attuale delle Relazioni Internazionali. Questa seconda scuola di pensiero non si aspetta che nessuno dei modelli economici o socio-politici nascenti delle Grandi Potenze diventi lo standard globale, né sosterrebbe mai nessuno di loro aspirando a un tale ruolo nel sostituire gli Stati Uniti e quindi essenzialmente diventando ciò a cui tutti attualmente si oppongono in linea di principio. Piuttosto, il risultato principale che tutti stanno perseguendo è semplicemente un sincero ritorno all'RBB sancito dalle Nazioni Unite in modo che tutti possano svilupparsi in modo indipendente secondo il loro diritto sovrano di farlo, comunque ritengano sia meglio per la maggior parte del loro popolo.

C'è anche un'evidente divisione geopolitica tra ULG e MCS: i primi citati sono per lo più concentrati nel "Golden Billion" (GB) dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti mentre i secondi si trovano principalmente all'interno del Global South (GS). La Russia ha fatto parte del GB (o almeno le sue élite economiche hanno cercato di farne un membro di questo club esclusivo) durante gli anni in cui ha partecipato al G8, ma oggigiorno può essere descritta molto più accuratamente come parte del GS dopo essere stata espulsa da quel gruppo, e soprattutto a seguito delle sanzioni senza precedenti dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti contro di essa in risposta all'operazione militare speciale in corso di Mosca in Ucraina. Dopo aver chiarito ciò, è giunto il momento di toccare brevemente un'altra differenza tra GB e GS, che è il potenziale conflitto all'interno di ciascun "blocco".

Il GB è sotto il completo controllo totalitario degli Stati Uniti con poche eccezioni, e anche quelli che cercano di affermare la loro autonomia strategica solo molto raramente con successo. Il GS, al contrario, è in realtà afflitto da alcune contraddizioni geopolitiche tra i suoi molti altri membri che hanno portato a legami tesi tra loro e persino all'occasionale scoppio di conflitti. Esempi importanti includono Armenia e Azerbaigian, Cina e India, Cina e Vietnam, Egitto ed Etiopia, India e Pakistan, Iran e Arabia Saudita e Russia e Turchia, tra gli altri. Ciò non aggiunge credito alla cosiddetta "Teoria democratica della pace" (DPT) dell'ULG, ma in realtà mostra quanto sia naturale la visione del mondo dell'MCS rispetto a quella artificiale dell'ULG.

Per spiegare meglio, il DPT è una narrativa fuorviante di guerra dell'informazione riciclata attraverso il mondo accademico e mirata a indottrinare le persone a credere erroneamente che l'applicazione universale della visione del mondo dell'ULG sia l'unico modo per raggiungere la pace globale. Questo è utopico, il che significa quindi che è destinato a essere distopico esattamente come tutti i precedenti progetti di questo tipo alla fine si sono rivelati nel corso della storia poiché quel risultato contraddice la natura umana. L'unica "pace" presente nella "sfera di influenza" dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti è quella che viene imposta in modo aggressivo dall'egemone nordamericano ai suoi vassalli dopo averli spogliati della loro autonomia strategica per dominarli perennemente. Il dissenso non è consentito e viene sempre risposto attraverso vari mezzi di guerra ibrida per punire i "ribelli".

L'esistenza di conflitti e tensioni tra quegli Stati che supportano la visione del mondo dell'MCS non è una prova a sostegno del DPT dell'ULG, ma in realtà una prova che la società umana non sarà mai perfetta, non importa quanto aspira ad esserlo poiché le differenze di interesse sono naturali tra paesi diversi. Possono essere gestite in modo più efficace da tutte le parti applicando sinceramente i principi dell'RBB sancito dalle Nazioni Unite nelle loro relazioni reciproche, anche se ciò ovviamente non implica che il conflitto e la tensione scompariranno mai dalla società umana. Tutto ciò che fa è rendere le loro controversie più gestibili che nel sistema internazionale relativamente molto più anarchico del presente. Considerando questo, la visione del mondo dell'MCS è più pragmatica, realistica e umana rispetto al DPT dell'ULG.

Tornando all'osservazione che ha ispirato questa analisi, è quasi certo che ogni volta che qualcuno inventa immediatamente una teoria del complotto in risposta a qualcun altro che condivide pubblicamente un'interpretazione degli eventi che contraddice quella dell'USG, quello che lancia questo attacco ad hominem contro il proprio interlocutore è indottrinato dall'ULG a sostenere la screditata visione del mondo suprematista "American/Western Eccezionalista" che è la religione laica non ufficiale tra i molti all'interno del GB. Allo stesso modo, chi condivide la visione contraria che mette in discussione gli USG è con ogni probabilità un MCS che probabilmente è anche lui del GS o è uno di quei coraggiosi dissidenti all'interno del GB. La conclusione indiscutibile è che l'ULG è un ideologo fascista mentre il MCS è un libero pensatore che rispetta tutti.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare di Francesco Santoianni Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica