Paura per il Lockdown da coronavirus? Allora pensiamo alla Palestina

Paura per il Lockdown da coronavirus? Allora pensiamo alla Palestina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Segue l'analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo
 
 
Con il supporto mediatico di Donald Trump, centinaia di repubblicani dell'America più profonda sono usciti per protestare contro il confinamento imposto dai governatori democratici di città come il Michigan, il Minnesota o la Virginia per contenere il COVID-19 per il quale oltre 40.000 statunitensi sono già morti. Stati Uniti. Accecati dall'individualismo più irresponsabile e autodistruttivo, invocano la "libertà", incapaci di sostenere un milionesimo di ciò che i loro alleati israeliani amano proteggere alle Nazioni Unite o ascoltare alle riunioni delle Nazioni Unite ogni giorno, la sua lobby per eccellenza: l'AIPAC.


 
Ed è vero che è iperbolico confrontare il confinamento di Stati Uniti, Israele o Spagna per combattere il coronavirus con le politiche delle autorità israeliane nei confronti dei palestinesi a Gaza e in Cisgiordania. È certamente iperbolico perché mentre alcuni devono solo restare a casa, al massimo senza poter andare a Walmart a comprare un fucile a prezzo scontato, gli altri vivono anche sotto la minaccia di arresti extragiudiziali, torture, rapine notturne o interrogatori illegali .
 
Mentre migliaia di israeliani si trovano nel mezzo della quarantena, possono scendere in piazza per protestare con calma contro Netanyahu, il diritto di protestare dai cittadini di Gaza è limitato dai cecchini sionisti. Ed è che la mediocrità delle società sfruttate nel conforto del "primo mondo", sazia di diritti ma incapace di assumersi un minimo di responsabilità, rende ciò che alcuni vedono come un colpo di stato e una minaccia alla libertà, essere il utopia delle libertà che molti palestinesi non possono immaginare. Ed è che gli ipocriti che rallegrano l'occupazione e i crimini di Israele, nel profondo, temono di guardarsi allo specchio. In fondo odiano tutto ciò che rappresentano.
Il confinamento con il coronavirus sembra duro? Il futuro - o meglio l'assenza di un futuro chiaro - è terrificante dopo la pandemia? Ora immaginate che ci siano intere generazioni che conoscono solo una vita simile. Ora smettiamo di immaginare e pensiamo a ciò che accade all'interno di ciò che potrebbe accadere in una delle più grandi carceri a cielo aperto del mondo: Gaza.
 
Nessuna libertà di movimento
 
Una delle maggiori critiche agli stati di emergenza e di allarme stabilite dai governi è la limitazione della circolazione dei cittadini. Dobbiamo anche aggiungere a questo la diaspora che vuole essere rimpatriata ma ha delle complicazioni nel processo.
 
Dopo la Nakba nel 1948, la maggior parte dei rifugiati palestinesi non è stata in grado di tornare in patria perché Israele lo ha impedito. Stiamo parlando di oltre mezzo secolo costretto a vivere lontano da casa, anche se ci sono risoluzioni delle Nazioni Unite in conformità con il diritto internazionale umanitario che garantisce il diritto al ritorno dei palestinesi.
 
Anche i palestinesi all'interno di Gaza e nei territori occupati non si trovano in una situazione migliore. Per entrare, uscire o spostarsi in Cisgiordania, i cittadini palestinesi devono superare diversi checkpoint delle diverse centinaia che sono sparse in tutto il territorio. Questi posti di blocco militari per entrare e uscire dalla Cisgiordania complicano ogni giorno chi deve attraversarli per andare al lavoro, dal dottore o per visitare i parenti. A ciò si deve aggiungere che se le autorità israeliane lo desiderano, possono isolare completamente la Cisgiordania annullando tutti i permessi di movimento. A Gaza i maggiori limiti e i palestinesi che vivono all'interno della "striscia" possono andarsene (tranne il transito in Cisgiordania, anche se necessitano di permessi) a condizioni eccezionali. Anche all'interno di Gaza, Israele ha istituito zone cuscinetto ristrette alla cui infrazione si risponde con fuoco vivo o arresti.
 
Futuro incerto
 
Il futuro dell'economia è la grande incertezza e forse ciò che può terrorizzarci maggiormente. Disoccupazione, riduzione dell'offerta, affitti, mutui ... In Palestina questa situazione diventa ancora più terribile , con una disoccupazione del 15% in Cisgiordania e del 45% a Gaza nel 2019; in condizioni normali. In alcuni governatorati i dati sono peggiori, raggiungendo il 57% di disoccupazione a Deir al-Balah nel 2018.
 
 
Nella maggior parte dei paesi che hanno optato per il lockdown non viviamo nella paura che da un momento all'altro i soldati entrino dalla porta principale e ci arrestino. Non viviamo nella paura che un giorno distruggeranno la nostra casa.
 
La situazione di assedio, i limiti del movimento e l'impossibilità di ricorrere alla pesca con Israele che blocca Gaza, anche via mare, significa che i giovani non hanno futuro o opzioni per aspirare a una vita migliore. E questa situazione non cambierà dopo la pandemia. Non ci saranno iniezioni di capitale o aiuti per andare avanti.
 
Per il 69% dei cittadini di Gaza di età compresa tra 19 e 29 anni, essere disoccupati è normale. E degli abitanti di Gaza che trovano lavoro nel settore privato, l'80% non riceve nemmeno il salario minimo di 1.450 shekel ($ 402). A seguito dell'Intifada del 2000, Israele ha revocato i permessi per lavorare sul suo territorio per decine di migliaia di palestinesi, al punto che meno del 2% degli abitanti di Gaza lavorava nel 2001 in Israele rispetto al 15,7% nel 1999. La situazione da allora, lungi dall'essere invertita, è peggiorata raggiungendo il 75% di povertà nella Striscia di Gaza l'anno scorso.
 
Controllo ferreo
 
Alcuni paesi hanno imposto il coprifuoco o il confinamento pena una multa o, in alcuni casi, di detenzione. Ci sono governi che considerano il monitoraggio del movimento dei cittadini infetti attraverso i loro smartphone o anche l'applicazione della censura contro ciò che le autorità considerano false notizie.
 
La pandemia da coronavirus potrebbe essere un'opportunità per cercare di capire minimamente cosa stanno subendo in Palestina. Ma non lo sarà. Alla fine della pandemia, le politiche di e per Israele rimarranno le stesse. I sionisti più recalcitranti continueranno a salutare ciò che l'ipocrita tanto teme.
 
Tuttavia, a differenza dei palestinesi, in Spagna (per fare un esempio ravvicinato, ma è applicabile alla maggior parte dei paesi che hanno optato per il confinamento per fermare COVID-19) non viviamo nella paura che un giorno, in qualsiasi momento, i soldati entrano nella porta della casa e ci portano via incappucciati. Non viviamo nella paura che la nostra casa venga abbattuta ogni giorno. Non passiamo l'isolamento con interruzioni di corrente, acqua o telecomunicazioni .
 
I giornalisti preoccupati per la deriva autoritaria che può essere seguita dalla censura delle "notizie false", pasticciate o come tutti vogliono fare riferimento alle notizie false, possono essere certi che non fermeranno un proiettile con il corpo mentre scrivono "le loro cose" su twitter. Perché Israele non ha bisogno di scuse o leggi eccezionali per sparare o imprigionare giornalisti palestinesi.
 
La pandemia di coronavirus potrebbe essere un'opportunità per noi di entrare in empatia. Un'opportunità per noi di pensare a ciò che i sionisti sostengono e se vogliamo esserne complici. Un'opportunità per cercare di capire minimamente a cosa sono soggetti in Palestina. Un'opportunità per ripensare l'impatto delle politiche di guerra mondiale della NATO. Ma non lo sarà. Alla fine della pandemia, le politiche di e per Israele rimarranno le stesse. 
 

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente