L'Artico è il prossimo teatro statunitense per il duplice contenimento di Russia e Cina

L'Artico è il prossimo teatro statunitense per il duplice contenimento di Russia e Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La dottrina americana del "vantaggio in mare"

Lo scorso giovedì è stato un giorno molto importante per più motivi. Mentre il mondo stava guardando la conferenza stampa di fine anno del presidente Putin, la marina statunitense ha svelato la sua dottrina del "vantaggio in mare". Quest'ultima ha attirato l'attenzione di RT per aver identificato la Russia e la Cina come i principali rivali degli Stati Uniti, ma da allora non è riuscita a generare alcuna presa significativa nella comunità Alt-Media. È un errore perché il documento è una lettura completa per chiunque desideri comprendere meglio la strategia navale nordamericana nel prossimo secolo. Dopotutto, le primissime parole della sua prefazione recitano minacciosamente che "Le nostre azioni in questo decennio plasmeranno l'equilibrio di potere marittimo per il resto di questo secolo", sottolineando così il significato strategico supremo di questa dottrina. Ci sono molti aspetti che possono e devono essere analizzati, ma forse il più lungimirante tra loro riguarda il tentativo di doppio contenimento statunitense della Russia e della Cina nell'Oceano Artico.

Competizione polare

Non è scritto molto su questo nel testo, ma è palesemente chiaro che questa regione diventerà il prossimo teatro per lo sviluppo di quella strategia finora fallita. Entrambe le Grandi Potenze multipolari hanno interessi quasi identici in termini di utilizzo di quella che la Russia considera la rotta del Mare del Nord e la Cina considera la Via della Seta polare come scorciatoia per facilitare il commercio marittimo con l'Europa. Sono anche entrambi molto interessati agli enormi depositi di idrocarburi della regione. L'America è quindi naturalmente costretta a interferire con entrambi questi obiettivi nel tentativo di ritardare il più a lungo possibile la sua svanita egemonia unipolare. Rende trasparente il suo intento scrivendo quanto segue nel testo:

“Non possiamo cedere l'influenza nelle aree di concorrenza quotidiana emergente, comprese le acque regionali degli Stati Uniti e l'Artico. I prossimi decenni porteranno cambiamenti nella regione artica che avranno un impatto significativo sull'economia globale, data la sua abbondanza di risorse naturali e la sua posizione strategica. La Cina vede questa regione come un collegamento fondamentale nella sua iniziativa One Belt One Road. Le nazioni artiche stanno riaprendo vecchie basi, muovendo forze e rinvigorendo esercitazioni regionali. Queste tendenze persisteranno nei decenni a venire. Dobbiamo continuare ad operare in avanti e posizionare le nostre forze in modo appropriato".

Gli altri pochissimi riferimenti alla regione riguardano l'impatto geostrategico della ritirata del ghiaccio marino, la costruzione cinese di rompighiaccio polari e altre navi "a velocità allarmante" e le presunte ambizioni di Pechino di sfruttare la sua Belt & Road Initiative (BRI) allo scopo di "consentire alle sue forze di operare più lontano che mai dalle sue coste, comprese le regioni polari". C'è anche un breve accenno all'acquisizione programmata della Guardia Costiera del "Polar Security Cutter", ma queste sono le uniche volte in cui le regioni artiche o polari sono menzionate nella dottrina. Tuttavia, sono sufficienti per dimostrare che questo è un teatro emergente di rivalità tra grandi potenze.

Proposta provocatoria

Ciò che preoccupa di tutto questo è che la dottrina del "vantaggio in mare" fa una proposta molto provocatoria sull'atteggiamento navale degli Stati Uniti in tutto il mondo, incluso l'Artico considerando la sua inclusione nel documento. La più preoccupante riguarda l'osservazione che "Le attività senza la guerra possono ottenere effetti a livello strategico", che viene sfruttata come base per affermare che "Operare le nostre forze navali molto in avanti - in modo pericoloso e in ambienti contestati - solleva i rischi per rivali considerando il percorso di escalation e impedisce alla crisi di degenerare in una guerra". Questo dovrebbe presumibilmente contrastare preventivamente il "probabile tentativo di Russia e Cina di impadronirsi del territorio prima che gli Stati Uniti e i suoi alleati possano dare una risposta efficace, portando a un fatto compiuto", ma in realtà crea le condizioni per una guerra nucleare nel peggiore dei casi - scenario in cui questa mossa sconsiderata porti a un errore di calcolo.

Brinksmanship di Biden

Il presidente eletto Biden erediterà quindi quella che potrebbe essere forse la dottrina militare più pericolosa mai vista degli Stati Uniti, capace di mettere deliberatamente in pericolo le proprie forze navali con il presunto scopo di "impedire a una crisi di degenerare in guerra". In altre parole, cerca di inserire provocatoriamente le forze navali statunitensi al centro di una crisi con l'aspettativa che nessuno oserà sparare contro di loro altrimenti rischierebbero di innescare una guerra nucleare. Questa politica del rischio calcolato è estremamente pericolosa e può teoricamente svolgersi ovunque attraverso l'oceano globale, ma la sua potenziale presenza nell'Artico potrebbe facilmente arrivare a coinvolgere entrambi i rivali armati nucleari americani, considerando che questo è l'unico posto al mondo in cui hanno molto stretta sovrapposizione di interessi come è stato spiegato in precedenza. Poiché alcuni ritengono che gli Stati Uniti siano già molto indietro su questo fronte, potrebbero quindi ricorrere a misure così disperate allo scopo di imporre concessioni ai loro rivali o rischiare una guerra nucleare.

Pensieri conclusivi

La dottrina del "vantaggio in mare" della Marina degli Stati Uniti non è di buon auspicio per la pace globale, soprattutto considerando il fatto che propone una politica di quella che può essere definita de facto brinskmanship nucleare solo inserendo deliberatamente le sue forze al centro di una crisi con la Russia e/o la Cina per presunti scopi di "de-escalation". L'Oceano Artico è il punto di convergenza tra gli interessi navali di tutte e tre le parti, il che ne fa il teatro in cui questa politica potrebbe avere l'effetto più destabilizzante. Mentre è vero che gli Stati Uniti potrebbero farlo nel Mar Baltico, nel Mar Nero o nel Mar Cinese Meridionale, nessuno di questi rischierebbe di coinvolgere l'altro suo rivale eurasiatico e di provocare così una crisi veramente globale come se si fosse verificata nell'Artico. L'America potrebbe persino dare la priorità a questo se pensa che il suo bluff di guerra nucleare potrebbe portare alla regolamentazione delle forze militari lì dal momento che è così indietro rispetto alla Russia in questo teatro che quindi può ottenere il massimo dall'ingegneria inversa di quel risultato.

 

 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti