La prima funzionaria ebrea dell'Amministrazione Biden si dimette in protesta del massacro a Gaza

La prima funzionaria ebrea dell'Amministrazione Biden si dimette in protesta del massacro a Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un altro membro dell'amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è dimesso pubblicamente per protestare contro il continuo sostegno degli Stati Uniti a Israele durante la sua guerra contro Gaza, ha riferito l'agenzia di stampa Associated Press.

Lily Greenberg Call, assistente speciale del capo del personale del Dipartimento del Ministero degli Interni degli Stati Uniti, ha scritto nella sua lettera di dimissioni che non poteva "in buona coscienza continuare a rappresentare" l'amministrazione, ha riferito Mercoledì l'AP.

La Call, ebrea, ha anche condannato i commenti che Biden ha fatto dall'inizio della guerra di Gaza in ottobre, tra cui uno in cui avvertiva che "non ci sarebbe stato un ebreo al mondo al sicuro" senza l'esistenza di Israele.

"Sta facendo degli ebrei il volto della macchina da guerra americana. E questo è profondamente sbagliato", ha dichiarato in un'intervista all'agenzia di stampa.

Dall'inizio del conflitto, il 7 ottobre, diversi funzionari dell'amministrazione Biden, tra i quali un ex ufficiale dell'esercito, si sono dimessi pubblicamente per la politica degli Stati Uniti a Gaza.

Le dimissioni sono arrivate in mezzo alla rabbia diffusa nel Paese per l'inequivocabile sostegno di Biden a Israele, nonostante il crescente numero di morti nella Striscia di Gaza e le accuse alle forze israeliane di commettere un genocidio contro i palestinesi dell'enclave.

Più di 35.000 palestinesi sono stati uccisi dall'inizio del conflitto e il continuo assalto e assedio di Israele al territorio ha creato una crisi umanitaria terribile. Centinaia di migliaia di persone sono state sfollate internamente.

Ma nonostante il terribile bilancio dell'offensiva militare israeliana e la recente decisione di sospendere una spedizione di armi statunitensi a Israele, l'amministrazione Biden ha segnalato questa settimana l'intenzione di inviare altri 1 miliardo di dollari in assistenza militare a Israele.

La notizia ha suscitato la condanna dei sostenitori dei diritti, che per mesi hanno esortato Washington a sospendere tutti i trasferimenti di armi al suo principale alleato in Medio Oriente.

Un recente rapporto del Dipartimento di Stato americano ha rilevato che le forze israeliane hanno probabilmente utilizzato le armi fornite dagli Stati Uniti in modo "non conforme" al diritto internazionale. Tuttavia, non ha identificato violazioni tali da porre fine agli aiuti militari di Washington.

Nella giornata di mercoledì, Josh Paul - ex funzionario del Dipartimento di Stato che si è dimesso a ottobre per la politica statunitense su Gaza - ha dichiarato che le ultime dimissioni dell'amministrazione Biden indicano che "la marea sta cambiando".


--------------------------------------------------------


A GAZA LA SITUAZIONE UMANITARIA E' FUORI CONTROLLO. LA PULIZIA ETNICA DECISA

C'E' UNA ONG, GAZZELLA ONLUS, CHE NON SI ARRENDE A QUESTE BARBARIE E OGNI GIORNO, EROICAMENTE, PORTA BENI DI PRIMA NECESSITA' ALLA POPOLAZIONE STREMATA




L'ANTIDIPLOMATICO E LAD EDIZIONI, INSIEME A Q EDIZIONI, E' IMPEGNATA ALLA RACCOLTA FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti