La Cina è pronta ad elaborare un piano per togliere agli USA l'egemonia sul Medio Oriente

La Cina è pronta ad elaborare un piano per togliere agli USA l'egemonia sul Medio Oriente

"La Cina, la seconda economia più grande del mondo, sembra essere in procinto di elaborare un nuovo piano per il Medio Oriente che col tempo eroderà il dominio americano nella regione", secondo l'analista Darius Shahtahmasebi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Segue l'analisi di Darius Shahtahmasebi, analista politico e legale in Nuova Zelanda, la sua attività si concentra sulla politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente, Asia e regione del Pacifico. Esercita la professione di  avvocato in due giurisdizioni internazionali.
 
Certo, l'influenza di Washington in Medio Oriente è costantemente scomparsa da qualche tempo. È diventato chiaro che questo è stato il caso dopo che gli Stati Uniti hanno rovesciato un dittatore anti-iraniano, Saddam Hussein, in Iraq e sostituito il suo governo con una leadership dominata dagli sciiti a favore di Teheran. 
 
Tuttavia, le cose sono peggiorate davvero qualche anno dopo in Siria, che ha visto la Russia emergere come una grande potenza la cui presenza fisica potrebbe non solo impedire un'invasione USA, ma potrebbe potenzialmente mediare accordi di pace duraturi.
 
Non dovrebbe quindi sorprendere di vedere anche la Cina riempire volentieri il vuoto lasciato da una superpotenza che si sta lentamente deteriorando. Il Forum di sicurezza del Medio Oriente, tenutosi a Pechino alla fine di novembre, ha riunito oltre 200 rappresentanti sia del Medio Oriente che della Cina per discutere della "nuova idea" di Pechino per il Medio Oriente.
Secondo  The Diplomat , la maggior parte dei partecipanti al vertice "ha criticato la politica unilaterale ed egemonica degli Stati Uniti in Medio Oriente ", spingendo al contempo alla fine "dell ' ingiusto ordine regionale che è risultato dall'intervento e dalla pressione degli Stati Uniti ".
 
Ho l'impressione che questo frammento dipinga un quadro abbastanza accurato di ciò che è accaduto in ottobre quando circa 1.000 truppe statunitensi che si ritiravano dalla Siria attraversarono l'Iraq senza permesso. 
 
Nonostante tutte le principali critiche alla Cina e alla sua politica estera in espansione in Asia-Pacifico, Medio Oriente e Africa, questo deve essere uno dei principali punti di contesa che separa la Cina dagli Stati Uniti.
 
La Cina non denuncia apertamente gli stati mediorientali alla sottomissione. Non sanziona gli stati unilateralmente che non rispettano un particolare ordine mondiale. In termini pratici, non cerca di mettere una parte (diciamo, Arabia Saudita o Israele) contro un'altra parte (diciamo, l'Iran). Pechino, da parte sua, cerca attivamente di lavorare con tutti i suoi partner del Medio Oriente per raggiungere la sua visione di crescita condivisa.
 
La Cina non ha invaso o intervenuto in Medio Oriente senza il consenso dello stato ospitante. Di fatto, Pechino ha circa 1.800 soldati di stanza nella regione come parte del processo di mantenimento della pace delle Nazioni Unite. Questo è inferiore alle circa 2000 truppe statunitensi che hanno "invaso illegalmente la Siria ", come descritto dal presidente Bashar Assad. Il Golfo ospita dalle 45.000 alle 65.000 truppe statunitensi e in Afghanistan ci sono almeno dalle 12.000 alle 13.000 truppe statunitensi che attualmente combattono ancora una guerra che non può mai essere vinta. Anche mentre scrivo, gli Stati Uniti stanno prendendo in considerazione l'idea di schierare altre 14.000 truppe in Medio Oriente nel tentativo di contrastare l'Iran.
 
Curiosamente, tra i quattro punti di intesa comune tra la Cina e i partecipanti al Forum di sicurezza del Medio Oriente c'era un'idea per realizzare una pace finale tra Palestina e Israele in modo giusto ed equo. Mentre Jared Kushner sta svolgendo un lavoro stellare e stand-up nel mettere insieme un piano di pace, non riesco a immaginare come il mondo prenderà mai di nuovo sul serio gli Stati Uniti se la Cina è in grado di batterli a pugni e mettere Israele -e la questione palestinese sulla via della pace.
 
Certo, uno scenario improbabile, dato ciò che sarebbe in gioco per Israele se dovesse fare importanti concessioni ai palestinesi, quindi dovremo attraversare quel ponte quando ci arriveremo.
Finora, la Cina ha concluso accordi di partenariato con almeno 15 stati del Medio Oriente , tra cui l'Arabia Saudita, un alleato integrante degli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, Pechino è anche il maggiore partner commerciale degli Emirati Arabi Uniti.
 
Potrebbe essere per queste ragioni che il capo della NATO Jens Stoltenberg ha annunciato la scorsa settimana che la NATO avrebbe individuato la Cina e cercato di " affrontare il problema " che pone una Cina in crescita? (O la NATO sta solo cercando qualcosa da fare per giustificare la sua esistenza ?)
 
Non fraintendetemi. Anche se la stretta americana della regione dovesse ridursi nella misura in cui le forze armate statunitensi fossero effettivamente estromesse, la storia recente ci ha detto che gli Stati Uniti hanno sempre una carta vincente selvaggia nella manica: la forza bruta della loro potenza militare. Alla fine della giornata, anche se la "nuova idea" della Cina ha visto meno dipendenza dagli Stati Uniti e una maggiore spinta verso una regione del Medio Oriente più stabile e cooperativa, è improbabile che gli Stati Uniti scendano senza oscillare alcuni pugni (o missili) lungo la strada. E non possiamo nemmeno dimenticare il redditizio commercio di armi di Washington che continuerà a fornire un'ancora di salvezza per gli anni a venire.
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti