Emilio Scalzo, un altro pericoloso criminale per solidarietà

Emilio Scalzo, un altro pericoloso criminale per solidarietà

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Emilio Scalzo dovrebbe essere estradato in Francia, per essere incarcerato prima e processato poi, per una fantomatica aggressione ad un agente di polizia. La verità è che Emilio ha semplicemente difeso un migrante da ingiustificate brutalità poliziesche, che oltre frontiera avvengono come e più che qui. Perché Emilio, di cui ho l’onore di essere amico, è una persona buona e generosa, che ha coltivato una coscienza limpida e rigorosa in anni di lotte nel movimento NoTav.

Questa coscienza, che lo spinge a impegnarsi contro ogni sopraffazione e violenza, lo ha portato alla frontiera tra Italia e Francia, dove ogni giorno i migranti soffrono la persecuzione e la ferocia dei governi e delle leggi dei due paesi. Emilio ha soccorso e aiutato quelle persone e per questo ha commesso uno dei reati più gravi per il sistema attuale: la solidarietà con gli oppressi e gli indifesi.

Così un tribunale italiano ha deciso di estradarlo in Francia, affinché sia lì giudicato come merita. Come merita lui e come ha meritato Mimmo Lucano, condannato a più di 13 anni di carcere per aver aiutato migranti ad uscire dalla clandestinità. Come merita Nicoletta Dosio, già incarcerata e ora sotto processo per 130, CENTOTRENTA, evasioni. Come meritano Dana e le altre e gli altri incriminati e incarcerati per reati di solidarietà e lotta contro le ingiustizie.

Perché nel sistema attuale se difendi una persona povera e sfruttata, oppure un lembo della natura, sei un criminale violento. Se invece la povertà e la devastazione ambientale le produci, allora sei un grande imprenditore benefattore dell’umanità. Un poco alla volta nel nome della legalità del profitto siamo tornati ai Miserabili, a Jean Valjean condannato a venti anni per aver rubato un pane.
Un sistema che estrada Emilio, condanna Mimmo, processa Nicoletta, perseguita tante e a tanti altri colpevoli solo di praticare la solidarietà e lottare per la giustizia, merita solo di essere rovesciato nella vergogna.
Forza caro Emilio, criminale per solidarietà, sono tuo convinto complice, sono e siamo con te.

Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia