Vittoria per il popolo venezuelano: le sanzioni statunitensi si alleggeriscono

Vittoria per il popolo venezuelano: le sanzioni statunitensi si alleggeriscono

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato il rilascio di "quattro autorizzazioni generali" per sospendere "sanzioni selezionate", "in risposta alla roadmap elettorale" concordata tra il governo venezuelano e un settore dell'opposizione alle Barbados, "e a sostegno del popolo venezuelano", secondo un comunicato pubblicato dall'agenzia sul suo sito web.

In una dichiarazione firmata dal sottosegretario per il Terrorismo e l’Intelligence Finanziaria, Brian E. Nelson, si afferma che Washington "accoglie con favore" l'accordo e che, "in risposta a questi sviluppi democratici", ha deciso di autorizzare "le transazioni che coinvolgono i settori del petrolio e del gas e dell'oro del Venezuela, oltre a rimuovere il divieto di commercio secondario".

Tuttavia, si avverte che l'amministrazione di Joe Biden è pronta "a modificare o revocare le autorizzazioni in qualsiasi momento" nel caso in cui i rappresentanti del governo "non rispettino gli impegni assunti", indicando che le "restanti coercizioni" imposte dalla Casa Bianca "rimangono in vigore".

Le licenze sono:

- Licenza generale per sei mesi, che autorizza temporaneamente transazioni nel settore del petrolio e del gas. La licenza sarà rinnovata solo se il Venezuela rispetterà gli impegni sul calendario elettorale e altri impegni nei confronti di "coloro che sono ingiustamente detenuti".

- Licenza generale che autorizza le transazioni con Minerven (la compagnia mineraria d'oro di proprietà dello Stato venezuelano) che, secondo il Dipartimento del Tesoro, avrebbero l'effetto di ridurre il commercio di oro sul mercato nero.

- Due licenze sono state modificate per rimuovere il divieto di commercio secondario di alcune obbligazioni sovrane venezuelane, del debito e delle azioni di PDVSA. Il divieto di negoziazione sul mercato primario delle obbligazioni venezuelane rimane in vigore. Il Tesoro statunitense ritiene che ciò avrebbe anche l'effetto positivo di allontanare gli attori nefasti di questo mercato e osserva che genererebbe benefici finanziari "trascurabili" per il governo venezuelano.

Progetto con Trinidad e Tobago

Secondo le agenzie internazionali, mercoledì l'OFAC ha concesso una modifica richiesta dal governo di Trinidad e Tobago a una licenza che consente lo sviluppo congiunto di un progetto di gas offshore con il Venezuela. Il ministro dell'Energia di Trinidad e Tobago, Stuart Young, ha informato che si tratta dello sviluppo e della produzione del giacimento venezuelano Dragon, che si trova vicino al confine marittimo con il suo Paese e contiene fino a 4,2 trilioni di piedi cubi di gas.

L'emendamento, ha affermato, consentirà di effettuare pagamenti "in valuta fiat, dollari USA, bolivar e mezzi umanitari" a Caracas per il gas fornito dalla PDVSA, il che significa un'esenzione dalle sanzioni di Washington sul Paese sudamericano. "Questo è un passo significativo verso il completamento dello sviluppo, della produzione e dell'esportazione del gas venezuelano da Dragon a Trinidad e Tobago", ha dichiarato Young.

La licenza modificata avrà una durata di due anni, fino al 31 ottobre 2025.

Rodríguez: "La revoca parziale delle sanzioni è un buon primo passo"

Dal Palazzo Miraflores, il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha realizzato una trasmissione in cui ha parlato con la squadra di governo che martedì si è recata alle Barbados, per partecipare alla firma degli accordi con la Piattaforma Unitaria dell'opposizione venezuelana.

"Pochi minuti fa è stato pubblicato un comunicato in risposta agli accordi firmati alle Barbados", ha spiegato Jorge Rodríguez, capo della commissione di dialogo del governo. "Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti concede un'ampia licenza per la produzione, la commercializzazione, l'esplorazione e la vendita di Petróleos de Venezuela", ha detto.

Ha confermato che la licenza include anche la produzione, la commercializzazione e l'esplorazione del gas e "tutto ciò che ha a che fare con i materiali e i servizi", una delle maggiori difficoltà che l'industria petrolifera deve affrontare per mantenere le proprie strutture.

La licenza consente l'importazione di materiali, beni e servizi e la realizzazione di nuovi investimenti. “Resta completamente aperta la posibilità a qualsiasi azienda o persona che voglia venire a investire in Venezuela nel settore del petrolio e del gas", ha dichiarato Rodriguez.

Questa disposizione include la possibilità che il Venezuela possa vendere petrolio e gas e utilizzare le risorse come rimborso del debito ai creditori del Paese, compresi i creditori dell'industria petrolifera nazionale. Queste stesse disposizioni sono state ottenute per la produzione e la commercializzazione dell'oro.

Revocate le sanzioni a Conviasa

Il deputato Jorge Rodríguez ha anche confermato che il Dipartimento del Tesoro ha revocato le sanzioni sulla compagnia aerea statale venezuelana Conviasa, una società che potrà fornire servizi ed effettuare transazioni relative al rimpatrio dei cittadini venezuelani nei Paesi della regione. La disposizione include tutto ciò che riguarda i servizi, le tasse di atterraggio, il catering e il carburante.

Ha detto che il Venezuela capisce che questa disposizione ha un’applicazione progressiva, anche se ha respinto l'idea che debba essere così perché l'intero Paese sta chiedendo la revoca totale delle sanzioni. Tuttavia, ha sottolineato che si tratta di "un buon primo passo".

La BCV autorizzata a effettuare transazioni petrolifere

Il vicepresidente esecutivo della Repubblica, Delcy Rodríguez, ha commentato che la revoca parziale delle sanzioni include una disposizione che autorizza la Banca Centrale del Venezuela (BCV) a effettuare transazioni con gli asset petroliferi del Paese. "Questo conferisce legalità internazionale alle libertà economiche, commerciali e finanziarie, perché in ultima analisi, ciò che viene espresso qui è la resistenza vittoriosa del popolo venezuelano nel non riconoscere alcuna giurisdizione straniera, ma la giurisdizione venezuelana", ha affermato.

Ha detto che questo passo è un segno che il Paese, il governo e il popolo, hanno avuto ragione nel dire che "abbiamo il diritto di sviluppare il petrolio, di sfruttare l'oro, di esportare il gas, che sono la ricchezza naturale del nostro Paese".

Quindi, ha commentato di conseguenza, questo successo per il Venezuela dovrebbe essere il preambolo per la completa abolizione delle sanzioni contro il Paese.

Un passo verso la rimozione completa delle sanzioni

In conclusione, l'annuncio del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti riguardo alla revoca parziale delle sanzioni nei confronti del Venezuela rappresenta un significativo passo per l'apertura di opportunità economiche per il Paese sudamericano. Queste misure sono state adottate in risposta agli accordi raggiunti tra il governo venezuelano e l'opposizione, sottolineando l'importanza della diplomazia e della cooperazione internazionale.

Le licenze generali concesse per il settore del petrolio e del gas, l'oro e altre transazioni economiche offrono al Venezuela la possibilità di rafforzare la sua industria petrolifera, migliorare il commercio dell'oro e promuovere investimenti stranieri nel settore energetico. Inoltre, la revoca delle sanzioni su Conviasa e l'autorizzazione alla Banca Centrale del Venezuela per le transazioni petrolifere rappresentano passi significativi verso una maggiore prosperità per il popolo venezuelano in questi anni pesantemente colpito dalle criminali sanzioni unilaterali imposte da Washington e i suoi vassalli.

Questo successo dovrebbe essere visto come un preambolo alla possibile abolizione completa delle sanzioni contro il Paese, offrendo speranza e opportunità per un futuro migliore per il Venezuela e il suo popolo che ha dato una nuova dimostrazione di eroica resistenza alla tracotanza dell’imperialismo statunitense che con le sue sanzioni pretendeva di abbattere la Rivoluzione Bolivariana. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti