Svelato il mistero della visita di Haftar a Roma?

Svelato il mistero della visita di Haftar a Roma?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Svelato l'arcano della segreta visita del generale Haftar in Italia?

Chi aveva visto nei bilaterali tenuti con Tajani prima e Meloni dopo - totalmente secretati - uno scatto di sovranità e indipendenza del governo italiano potrebbe presto ricredersi.

L'autorevole media libico Lybia Press riporta in questo momento la notizia di un incontro avvenuto a Roma tra il capo delle forze armate libiche e il presidente protempore del Senato Usa Patty Murray. Secondo il media libico "gli incontri con le autorità italiane servivano solo a coprire questo summit".

Avete capito bene? Gli Stati Uniti che sostengono e impongono il sostegno alle milizie che tengono sotto scacco la Tripolitania non possono incontrare direttamente il generale Haftar e quindi avrebbero organizzato l'incontro in una delle colonie più malleabili.

Se confermata la notizia sarebbe l'ennesima riprova che il nostro paese è stato declassato da maggiardomo dell'Impero a semplice usciere dello stesso.

Dopo il suo articolo rilanciato oggi su l'AntiDiplomatico, Michelangelo Severgnini dai suoi account social rilancia la notizia con questo commento che vi riproponiamo per intero: 

L'ITALIA È UN LUOGO D'INCONTRI

Il sito Libya Press qualche minuto fa ci dà una prima notizia sulla visita di Haftar a Roma.
Come scritto questa mattina, l'iniziativa non poteva essere italiana.
E qui ne abbiamo la conferma.
Allora può essere Haftar ad essere stato convocato.
I temi dell'incontro sono quelli già scritti questa mattina.
L'unica cosa che si può aggiungere è che il governo italiano non è più nemmeno un interlocutore secondario. È, diciamo così, un usciere, una dama da servizio, una camera privé per gli incontri più scabrosi.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti