Sclavo e le privatizzazioni di Draghi. Ecco perché ci siamo ridotti a elemosinare i vaccini contro il Covid

Sclavo e le privatizzazioni di Draghi. Ecco perché ci siamo ridotti a elemosinare i vaccini contro il Covid

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Articolo pazzesco sul FQ di oggi che spiega come fino alla fine degli anni Ottanta l'Italia avesse diverse aziende all'avanguardia nella produzione di vaccini, tra cui la Sclavo, poi assorbita dal gruppo Eni, che negli anni Cinquanta aveva addirittura attratto Albert Sabin, inventore del vaccino contro la poliomelite.
Poi, nei primi anni Novanta, anche la Sclavo, come tante altre imprese, è finita sotto la scure della furia privatizzatrice (e svenditrice) dei "modernizzatori" (tra cui, in primissima fila, Mario Draghi). Ed è così passata prima nelle mani della potente famiglia toscana dei Marcucci (padre dell'attuale senatore renziano), che poco dopo, da bravi speculatori, l'hanno smembrata e poi venduta a diversi gruppi esteri (il settore vaccini è finito alla svizzero-americana Biocine).
Con il risultato che oggi l'Italia si vede costretta a elemosinare agli stranieri quello che un tempo saremmo stati perfettamente in grado di produrci in casa. A dimostrazione di come la privatizzazione e svendita all'estero di molti dei nostri gioielli industriali, negli anni Novanta, abbia comportato non solo un altissimo costo economico e sociale, ma abbia compromesso la stessa sicurezza nazionale del nostro paese. E - nella pandemia attuale - provocato un numero incalcolabile di morti evitabili.
Ce ne sarebbe abbastanza per una nuova Norimberga. Peccato che uno dei principali architetti dello smantellamento dell'industria italiana sia proprio colui che adesso è stato chiamato a "salvare" l'Italia: Mario Draghi.

Thomas Fazi

Thomas Fazi

Economista, saggista e membro del direttivo nazionale di "Italexit". Autore con W. Mithchell di "Sovranità e barbarie" (Meltemi). Su twitter:  @battleforeurope

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti