Roger Waters: "Dovremmo costruire statue di Assange, non punirlo"

Roger Waters: "Dovremmo costruire statue di Assange, non punirlo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Rogers Waters, co-fondatore ed ex frontman della band musicale Pink Floyd, ha affermato che il fondatore di WikiLeaks Julian Assange dovrebbe essere onorato con statue per le informazioni che ha portato al mondo come giornalista.

"Dovremmo costruire statue di Julian Assange nelle nostre piazze, non punirlo.  Quello che ha fatto è esporre verità scomode", ha detto Waters in un'intervista a RT.

Secondo la leggenda del rock, Assange "è uno degli esseri umani più importanti sulla Terra" e "uno dei pochi giornalisti veri e propri sulla Terra" .

Ieri, l'Alta Corte di Londra ha stabilito che Assange può appellarsi alla Corte Suprema del Regno Unito contro la decisione sulla sua estradizione negli Stati Uniti, che è stata autorizzata il mese scorso.

Tuttavia, il tribunale gli ha negato il permesso per un ricorso diretto, il che significa che la Corte Suprema deciderà se esaminare o meno il suo caso.

Waters ha definito la decisione della corte una "piccola vittoria" nella battaglia legale durata anni del fondatore di WikiLeaks. Inoltre, ha insistito sul fatto che l'accusa di Assange è una "farsa" e che l'attivista australiano "non avrebbe dovuto passare un solo giorno" dietro le sbarre.

Attraverso il suo account Twitter, l'artista britannico ha inviato un messaggio al presidente degli Stati Uniti Joe Biden: "Ciao, Biden! Lascia in pace Assange", ha scritto.

Assange è accusato negli Stati Uniti di aver pubblicato centinaia di migliaia di pagine di documenti militari segreti e cablogrammi diplomatici riservati sulle attività del Paese nordamericano nelle guerre in Iraq e Afghanistan, che sono stati diffusi dal suo portale di fuga di notizie WikiLeaks.

Per le accuse contro di lui negli Stati Uniti,  potrebbe rischiare fino a 175 anni di carcere .

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti