NYT, il missile sul mercato del Donbass e come opera la censura in Italia

NYT, il missile sul mercato del Donbass e come opera la censura in Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Alessandro Bianchi


“Missile sulle bancarelle. Putin fa strage al mercato: 17 morti tra le macerie”. Repubblica, 6 settembre 2023.





“Strage in un mercato affollato in Ucraina, l’esplosione del missile russo tra i negozi: 16 morti, c’è anche un bambino – Il video”. Open, 6 settembre 2023.





Oggi il New York Times pone fine alla fake news resa virale il 6 settembre dai media corporativi italiani, scrivendo come in base alle prove raccolte e analizzate – “tra cui frammenti di missili, immagini satellitari, dichiarazioni di testimoni e post sui social media” – il crimine contro l’umanità nel mercato di Konstantynovka (Donbass) “è stato il risultato di un missile di difesa aerea ucraino errante sparato dal sistema di lancio Buk".

Per il NYT, in particolare, i filmati delle telecamere di sorveglianza mostrano che il missile sia stato lanciato dalla direzione del territorio controllato dall'Ucraina. Altro elemento importante rivelato dal giornale statunitense: “pochi minuti prima dell'attacco a Konstantynovka, l'esercito ucraino ha lanciato due missili terra-aria dal villaggio di Druzhkovka, situato a una distanza di 16 chilometri da Konstantynovka. La tempistica di questi lanci è coerente con quella del [lancio del] missile che ha colpito il mercato di Konstantynovka".

Caso chiuso. Per l’ennesima volta il NYT arriva dieci giorni dopo quello che era palese da tempo (qui l’articolo di fact-checking di Marinella Mondaini pubblicato da l’AntiDiplomatico), ma quello che resta è che due settimane dopo in Italia la notizia vera resta censurata, mentre la fake news è ancora ampiamente visibile nel web. 

I portavoce del regime di Kiev in Italia che lavorano per la terza guerra mondiale ogni giorno, Repubblica in particolare, avevano dato per buona la versione che era stata un missile lanciato dal sistema di difesa aerea S-300, anche se quest'ulltimo ha una testata diversa da quella esplosa nel mercato in Donbass. Quello che era palese anche prima, oggi trova la conferma di una fonte inattaccabile come il NYT.

E infatti, oggi, Open ha dovuto riportarlo, ma con questo titolo molto meno enfatico del precedente. 



Notate l'utilizzo delle virgolette, come se fosse una dichiarazione di qualcuno buttata lì come una boutade e non la certificazione che il giornale fondato da Enrico Mentana avesse diffuso e reso virale una bufala inventata dal regime di Kiev per aumentare la pressione internazionale durante la visita di Blinken a Kiev.

Bufala smascherata perfino dagli Stati Uniti.

Open riporta sì l’articolo del NYT, dicevamo, ma non come fa di solito quando si parla della stampa a stella e strisce. Non ci sono affermazioni dogmatiche. Non come la verità assoluta, al contrario, con tono dubitativo e tanti  “secondo il NYT…”. Ma soprattutto lo fa senza scusarsi con i suoi lettori per l’articolo del 6 settembre, il quale rimane in questo momento online e con lo stesso titolo che indica “missile russo”!

Open, il fact checker della verità sul web, ha sentenziato che era russo il 6 settembre e ha avuto due settimane di tempo per censurare tutti coloro che avevano diffuso la versione oggi confermata anche dal NYT. Notate bene: la pagina Facebook de l’AntiDiplomatico - un giornale online regolarmente registrato al tribunale civile di Roma - con 150 mila iscritti è stata prima chiusa e ancora oggi è in una situazione di grave “shadowbanning” per l’azione “indipendente” dei fact-checker di Open.

Repubblica fa ancora peggio perché ignora totalmente la notizia del NYT e lascia la unica versione di “Putin fa strage sul mercato” come la sua versione dei fatti.

Proprio ieri, ironicamente, a l’AntiDiplomatico è arrivato il nuovo “controllo” di NewsGuard, l’agenzia statunitense che con i suoi bollini (rossi o verdi) e la sua collaborazione con i browser e social media suoi connazionali decide semplicemente quello che potete o non potete leggere su internet. L’AntiDiplomatico, che ancora una volta vi ha fornito la versione a cui arriva anche il NYT 10 giorni dopo, ha il bollino rosso, mentre Open continua a essere, per NewsGuard, il “sito più attendibile”. Benvenuti nel paese della trilogia distopica, perfettamente descritta dall’Ambasciatore Bradanini su l’AntiDiplomatico.


P.s. Alla signora Giulia Pozzi di NewsGuard, alla quale forse non è stato chiaro il nostro precedente messaggio, risponderanno i nostri legali nei prossimi giorni. La lunga marcia de l'AntiDiplomatico contro la censura (a stelle e strisce) continua. 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti