Non è solo benzina. Il valore simbolico e geopolitico delle petroliere iraniane in Venezuela

Non è solo benzina. Il valore simbolico e geopolitico delle petroliere iraniane in Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

Fortune, la prima delle cinque petroliere iraniane è arrivata in Venezuela. Gli avvertimenti in stile mafioso e le minacce degli Stati Uniti non hanno fermato il viaggio delle navi salpate dal porto di Bandar Abbas in Iran. 

 

Qualcuno dirà: si tratta di un semplice viaggio di navi con un determinato carico, in questo caso benzina, come tanti avvengono quotidianamente nel mondo. Perché tanta enfasi?

 

Non è proprio così. Si tratta di un evento di portata storica, con risvolti geopolitici non trascurabili. 

 

In primo luogo Venezuela e Iran sono due paesi che da anni subiscono pesanti attacchi da parte degli Stati Uniti. Entrambi i paesi subiscono anche gli effetti delle sanzioni illegali e criminali imposte dal regime di Washington. 



 

Da qui il valore altamente simbolico. I due paesi distanti geograficamente, ma accomunati dalla lotta antimperialista, hanno mostrato al mondo intero, ai popoli che tutti i giorni patiscono le conseguenze dei criminali blocchi imperiali, che è possibile essere solidali e portare avanti la cooperazione tra paesi con vedute comuni nonostante le minacce dal sapore mafioso e i proclami della banda criminale che governa gli Stati Uniti. 

 

«La benzina iraniana che arriva in Venezuela è una pietra miliare nella lotta per la sovranità, l'indipendenza e la pace», ha affermato tramite il social network Twitter Samuel Moncada, ambasciatore venezuelano presso le Nazioni Unite.  

 

Insieme al carico di benzina, le petroliere trasportano sostanze, additivi, tecnici specializzati. Insomma, tutto il necessario per rimettere in piedi le raffinerie venezuelane il cui lavoro è stato strozzato dai blocchi, i sabotaggi e il costante lavoro contro il paese di alcune quinte colonne dell’imperialismo statunitense. Senza contare che agli effetti nefasti del blocco economico bisogna aggiungere la brutale caduta del prezzo del petrolio che ha colpito pesantemente un paese come il Venezuela il cui bilancio è basato sulle esportazioni del greggio. 

 

Dicevamo dei risvolti geopolitici. Questi non sono affatto da trascurare. In un articolo di analisi apparso su Sputnik vengono citate alcune parole del politologo Martín Pulgar: «Va ricordato che gli Stati Uniti sono diventati un impero attraverso il controllo dei Caraibi. Si considerano un impero attraverso quello che chiamano il Mediterraneo americano. Se non controlli il tuo vicino straniero e lo domini, non sei un potere, perdi peso nella geopolitica mondiale». 

 

Per Carlos Machado, politologo e capo della Situation Room presso l'Osservatorio Internazionale della Gioventù e degli Studenti del Venezuela, l'idea del blocco non è solo un esercizio di pressione sul Venezuela, ma una mossa per rendere esplicito il potere degli Stati Uniti nell’emisfero.  

 

«Se guardiamo dal contesto dell'Oceano Atlantico, possiamo vedere come l'influenza esercitata dagli Stati Uniti dalla sua costa meridionale verso il Mar dei Caraibi, poiché dal punto di vista del teorico Alfred Mahan, il paese nordamericano dovrebbe preservare il Golfo del Messico e il Mar dei Caraibi come aree esclusivamente statunitensi e dovrebbe anche evitare in ogni modo il dominio di qualsiasi altra potenza straniera», afferma Machado.

 

L'arrivo delle navi iraniane in Venezuela, nelle parole di Machado, ha causato che «il governo degli Stati Uniti inizi ad agire in modo incontrollato poiché per loro il loro spazio vitale viene violato e a loro volta cadono nel dilemma se entrare in un conflitto diretto con l'Iran? O no, perché va notato che la guerra a livello navale comporta molta usura e che entrambi gli eserciti sono ben equipaggiati». 

 

Questa è la prima volta che l’Iran esporta del combustibile in America Latina. 

 

L’arrivo della prima nave in Venezuela è stato così salutato dal ministro del Petrolio del Venezuela, Tareck El Aissami: «Le navi della sorella Repubblica Islamica dell'Iran sono già nella nostra Zona Economica Esclusiva, come diceva il nostro amato comandante Chávez, ‘La  Venezuela Azul’, scortate dalla nostra Armada Bolivariana come simbolo di fratellanza e forza della nostra unione».

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano di Michelangelo Severgnini Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

I giornali preparano la (solita) trappola mortale di Pasquale Cicalese I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente