“Multilateralismo e multipolarismo offrono all'Africa nuove strade per una propria traiettoria di sviluppo”

“Multilateralismo e multipolarismo offrono all'Africa nuove strade per una propria traiettoria di sviluppo”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

“Dopo aver ottenuto l'indipendenza, i paesi africani hanno perseguito una decolonizzazione legata all'ex metropoli, con conseguente mancanza di indipendenza economica e industrializzazione. Ma oggi il multilateralismo apre nuove possibilità per stabilire una vera e propria traiettoria di sviluppo africano”, ha affermato Chris Matlhako, vice segretario generale del Partito Comunista Sudafricano.

“Lo sviluppo africano ha cicli di circa 60 anni. Il continente ha combattuto per 60 anni per l'indipendenza politica dalle potenze coloniali, raggiunta negli anni '60. Seguì poi un'altra ondata, durata anch'essa 60 anni, dove ex potenze coloniali e nuove potenze, Francia e Stati Uniti, hanno stabilito un dominio neocoloniale sul continente. Oggi è iniziata la terza ondata, dove potenze emergenti come Cina, Russia e Turchia sostengono una nuova tendenza all'indipendenza del continente”, ha affermato Do?an Duyar, esperto di Nord Africa con base in Algeria.

Entrambi sono intervenuti al webinar, che United World International ha organizzato il 15 ottobre, dal titolo “Africa e Multilateralismo”, con la partecipazione di giornalisti ed esperti di vari Paesi.

L'esperto di UWI Yunus Soner ha aperto il webinar con brevi osservazioni. Soner ha affermato che il declino globale dell'egemonia statunitense è rispecchiato nel continente africano dall'instaurazione di fatto del multipolarismo. L'emergere di nuove potenze nel continente, come Cina, Russia e Turchia, offre ai paesi africani nuove opportunità e nuove soluzioni per i problemi del continente che escludono le ex potenze coloniali, ha aggiunto.

Post-indipendenza legata alle ex potenze coloniali

Chris Matlhako ha sottolineato che il processo post-indipendenza del continente ha mancato di una propria traiettoria di sviluppo, perché era legato all'ex potenza coloniale. Ad esempio, i paesi dell'Africa occidentale non hanno introdotto valute nazionali e banche centrali, ma dipendono dalla Francia. Nel frattempo, gli Stati Uniti come nuova potenza nel continente hanno stabilito varie basi militari, imponendo le loro politiche economiche e diventando una delle principali fonti di reddito in valuta forte, ha affermato.

Ha fornito l'esempio del Sudan diviso dall'intervento Usa, dello Zimbabwe, dove il Regno Unito ha imposto sanzioni ed embarghi per fermare una riforma agraria e del Mozambico, dove la Francia sta intervenendo militarmente per proteggere gli interessi delle sue compagnie petrolifere. L'Africa centrale nel frattempo è stata lasciata sotto sorveglianza della Francia, ha affermato Matlhako.

Questo processo dominato dalle ex potenze coloniali ha impedito all'Africa di integrarsi in termini politici, dove ad esempio la Francia cerca di minare l'Unione Africana, e ha rallentato l'integrazione culturale del continente. Matlhako ha menzionato la mancanza di un satellite di proprietà africana e il fatto che France24 o BBC Africa sono ancora i principali organi di informazione del continente, mentre per andare da Johannesburg all'Algeria bisogna volare via Parigi.

“L'Africa sarà il nuovo centro globale”

L'esperto Do?an Duyar ha confermato che gli anni passati sono appartenuti alla dominazione neocoloniale, ma ha sottolineato il peso futuro dell'Africa a livello globale. Ha detto che con la sua popolazione in aumento, che dovrebbe raggiungere i 4,8 miliardi e il 40% della popolazione mondiale nel 2100, i suoi bisogni e le sue risorse che attendono lo sfruttamento, l'Africa costituisce il futuro peso massimo nella politica e nell'economia globali. Duyar lo ha definito un “grande risveglio nel continente africano paragonabile all'esplosione di un vulcano”.

A questo punto, Matlhako ha avvertito che in passato l'Africa non è stata in grado di utilizzare la propria base naturale e mineraria per lo sviluppo, perché il valore di queste risorse è stato portato altrove. Ha avvertito che con l'attuale modello economico, diversi paesi africani potrebbero non essere in grado di pagare il proprio debito alle organizzazioni internazionali nei prossimi 5-10 anni.

La Cina in Africa

Ma entrambi gli esperti concordano sul fatto che il multipolarismo e le crescenti attività della Cina potrebbero sostenere l'industrializzazione dell'Africa.

Chris Matlhako del Partito Comunista del Sudafrica ha affermato che, sebbene alcuni progetti cinesi come la costruzione di palazzi presidenziali siano "non così positivi", la maggior parte delle attività infrastrutturali cinesi è "chiave per l'industrializzazione", come la costruzione di porti e linee di trasporto.

Inoltre, ha aggiunto, il Forum Cina-Africa è diventato “una piattaforma molto importante”, offrendo possibilità di imparare dalla Cina in campi come la costruzione di città e la lotta alla povertà. Matlhako ha sottolineato: “La Cina offre un esempio riuscito di sviluppo e costruzione socialista”.

Duyar ha confermato che dal 2013, la Cina fornisce ai paesi africani nell'ambito della Belt and Road Initiative maggiori alternative economiche e l'indipendenza dalle ex potenze coloniali. Ma, ha aggiunto, le questioni di sicurezza stanno soprattutto nella Zona del Sahel in primo piano, dove gli Stati hanno la forza militare più debole in termini di confronto internazionale. Duyar ha affermato che, ad esempio, il contributo cinese, ma anche russo e turco alla sicurezza nella zona del Sahel in termini di lotta al terrorismo è fondamentale per far avanzare ulteriormente lo sviluppo economico.

Multilateralismo, BRICS e G-77

Combattere il terrorismo è la chiave della sovranità, il cui rispetto secondo Matlhako sarà al centro del multilateralismo. Secondo la sua opinione, un attore chiave per il multilateralismo saranno i BRICS, il Movimento G-77 e il Movimento dei Non Allineati. Una nuova banca di sviluppo può sostituire il Fondo Monetario Internazionale, ha affermato Matlhako, avvertendo che paesi come la Francia cercheranno di minare le iniziative previste.

Relazioni Turchia-Africa

Il webinar ha discusso in due capitoli anche le attività turche in Africa. Affermando che il vertice turco-africano fornisce "nuove dimensioni all'Africa", Matlhako ha sottolineato che ad esempio Turkish Airlines è la compagnia aerea che vola verso la maggior parte delle città africane, superando altre come Air France o British Airways. Ha anche affermato che la Turchia ha un forte settore manifatturiero, di cui i paesi africani possono beneficiare. “Sul fronte politico, la Turchia ha un ruolo nel mitigare l'egemonia statunitense”, ha affermato Matlhako del Partito Comunista Sudafricano.

Duyar ha affermato che dal 2013, i paesi africani stanno vivendo la loro seconda guerra di liberazione contro le ex potenze coloniali come la Francia e le egemonie neocoloniali come gli Stati Uniti. Ha sottolineato che la Turchia, che ha iniziato il XX secolo con la propria Guerra di Liberazione, sta dalla parte dei paesi africani in questo conflitto.

Turchia e Russia in Libia

Il ruolo della Turchia è stato discusso più specificamente nel contesto della Libia, dove Soner ha aperto la discussione ricordando che un intervento della NATO guidato dagli Stati Uniti per rovesciare Muammar Gheddafi ha portato il paese in una guerra civile.

Matlhako ha sottolineato l'importanza delle relazioni turco-russe, proprio come in Siria, e ha osservato che gli Stati Uniti e la NATO hanno "armato le relazioni internazionali".

Duyar ha detto che la Libia è stata presa di mira dall'Occidente con la cosiddetta Primavera Araba, ma l'intervento turco ha fermato quei piani imperialisti, contribuendo positivamente anche alla situazione in Mali e Algeria. Ha affermato che la cooperazione di Cina, Russia e Turchia tra loro e le forze politiche locali è il fattore chiave per proteggere la sovranità e l'unità dei paesi.

Anche l'esperto UWI Mehmet Perinçek ha contribuito alla discussione. “Militarmente, Turchia e Russia potrebbero agire come garanti della sicurezza in Libia istituendo zone di sicurezza di cui sono responsabili. Non sto parlando di zone di influenza o di divisione del paese. L'unità della Libia è il punto più importante. Questo è l'obiettivo principale. Sto parlando di prevenire un nuovo conflitto. Stabilizzare lo status quo e avviare una reale, non effimera unificazione dei centri di potere in Occidente e Oriente, tenendo conto degli interessi di tutte le sue forze politiche, confessionali, etniche e tribali, tenendo conto dei vicini della Libia", ha affermato.

Perinçek ha aggiunto: “La Libia potrebbe diventare un luogo dove, a seguito di accordi tra Turchia e Russia, verrebbe chiuso l'accesso alle distruttive forze occidentali. Gli Stati Uniti e la Francia stanno ora cercando di spingere la Turchia e la Russia fuori dalla Libia. Tuttavia, la Turchia e la Russia stessa potrebbero spingere le potenze imperialiste fuori dalla Libia se potessero accordarsi sulla sicurezza delle diverse parti del paese".

Il webinar si è concluso dopo domande e risposte con un consenso generale sul fatto che il multilateralismo e il multipolarismo forniscono ai paesi africani un percorso per la propria traiettoria di sviluppo.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese su United World International

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti