Il presidente messicano mette in discussione l'accordo di libero scambio con gli Stati Uniti a favore della sovranità nazionale

Il presidente messicano mette in discussione l'accordo di libero scambio con gli Stati Uniti a favore della sovranità nazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Yunus Soner

Le riforme energetiche del Messico continuano ad alimentare le tensioni con il vicino settentrionale del Paese, gli Stati Uniti. Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha presentato l'ultimo episodio pubblico nella sua conferenza stampa quotidiana del 28 luglio, quando ha messo in discussione l'accordo di libero scambio tra Messico, Stati Uniti e Canada, l'USMCA. L'USMCA è stato firmato nel 2018 come seguito del famigerato NAFTA.

"Non cederemo l'indipendenza a un governo straniero"

Alla domanda sull'avvio di consultazioni nell'ambito dell'USMCA e se il suo governo fosse disposto ad abbandonare l'accordo per difendere la sovranità nazionale, il presidente López Obrador ha risposto:

"Ho parlato dei punti che ci aiutano a capire la questione:

Primo, la vicinanza al più grande mercato del mondo, e quindi l'importanza del trattato, che è importante senza dubbio.

Secondo, ho parlato di onestà.

E, terzo, di giustizia. Ebbene, prima di tutto, anche nel caso del mercato più importante del mondo, se avere accesso a quel mercato implica la rinuncia alla sovranità, non lo accettiamo. Non cederemo la nostra indipendenza a nessun governo straniero. Inoltre, non hanno ragione, anche se hanno molti leccapiedi, traditori, che li applaudono nel nostro Paese, non hanno ragione".

Rappresentante commerciale degli Stati Uniti: Le misure messicane "minano le imprese americane e l'energia prodotta negli Stati Uniti a favore delle imprese statali"

Il Presidente messicano ha reagito così alle proteste degli Stati Uniti contro le riforme energetiche del suo governo. In una dichiarazione alla stampa del 20 luglio, il Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti Katherine Tai ha affermato che le misure messicane "minano le aziende americane e l'energia prodotta dagli Stati Uniti a favore dell'azienda elettrica statale messicana, la Comisión Federal de Electricidad (CFE), e dell'azienda statale del petrolio e del gas, la Petróleos Mexicanos (PEMEX)".

Tai ha continuato affermando: "Questi cambiamenti politici hanno un impatto sugli interessi economici degli Stati Uniti in diversi settori e disincentivano gli investimenti dei fornitori di energia pulita e delle aziende che cercano di acquistare energia pulita e affidabile".

Insieme al Canada, il governo statunitense ha presentato una lettera di reclamo e ha introdotto consultazioni legali nell'ambito dell'USMCA. Le tre parti hanno tempo per trovare un accordo fino al 19 agosto. In caso di insuccesso, possono richiedere l'intervento di un panel per le controversie.

Nel dettaglio, il testo statunitense denuncia le seguenti misure messicane:

1. La legge sull'energia elettrica, così come emendata, invita l'operatore nazionale a favorire la società statale CFE rispetto ai concorrenti privati nella distribuzione dell'elettricità nella rete messicana. La lettera denuncia che "il Messico non ha accordato il trattamento nazionale alle merci statunitensi" e "il Messico non ha accordato agli investitori statunitensi e ai loro investimenti un trattamento non meno favorevole di quello accordato, in circostanze simili, agli investitori messicani e ai loro investimenti".

2. Inazione, ritardi, dinieghi e revoche delle capacità delle imprese private di operare nel settore energetico messicano. In particolare, il governo e la burocrazia messicani sono stati criticati dai funzionari statunitensi per aver ostacolato la capacità delle aziende americane di gestire impianti di energia rinnovabile, come impianti eolici e solari, importare ed esportare elettricità e carburante, immagazzinare o trasbordare carburante e costruire o gestire stazioni di rifornimento al dettaglio".

3. Rinvio dell'obbligo di fornitura di gasolio a bassissimo tenore di zolfo solo per Pemex. Nel dicembre 2019, la Commissione di regolamentazione dell'energia del Messico (Comisión Reguladora de Energía, o CRE) ha emanato un regolamento che concede solo a Pemex una proroga di cinque anni per conformarsi ai requisiti relativi al contenuto massimo di zolfo previsti dalla norma sul gasolio per autotrazione in vigore, che a partire dal dicembre 2018 imponeva la vendita di gasolio a bassissimo tenore di zolfo in tutto il Messico. Questa misura esclude praticamente gli esportatori statunitensi di gasolio in Messico.

Inaugurata una raffineria di petrolio messicana per diminuire le importazioni dagli Stati Uniti

Il governo messicano persegue da tempo una politica energetica che rafforza il ruolo delle compagnie statali nel settore. Inoltre, il Messico ha recentemente inaugurato nuove raffinerie di petrolio sul proprio territorio. Nel suo rapporto di governo del terzo trimestre del 2021, il Presidente messicano ha dichiarato:

"Ma, soprattutto, abbiamo interrotto le privatizzazioni nel settore energetico, cioè nel petrolio e nell'elettricità. Questa nuova politica energetica mira a produrre la benzina che il Paese utilizza qui in Messico e a smettere di importarla. A tal fine, continuano ad essere stanziate risorse per la modernizzazione delle sei raffinerie di petrolio esistenti. In tre anni, l'investimento pubblico a questo scopo è stato di oltre 33,58 miliardi di pesos (TN-1). Quando siamo entrati in carica, queste raffinerie erano abbandonate e la precedente amministrazione aveva iniziato a vendere gli impianti (come quelli di idrogeno) presenti all'interno delle loro strutture. All'inizio della nostra amministrazione le raffinerie producevano 511.000 barili al giorno e ora ne lavorano 706.000, cioè il 38% in più".

Il 1° luglio López Obrador ha inaugurato la raffineria di petrolio Olmeca a Dos Bocas, che con una capacità di 340.000 barili al giorno diventerà il più grande impianto di PEMEX.

Come riporta lexology, gli Stati Uniti e il Canada avvieranno consultazioni con il Messico entro 30 giorni dalla richiesta di consultazioni. Se le questioni oggetto delle richieste di consultazione non vengono risolte entro 75 giorni dalle richieste, gli Stati Uniti e il Canada possono richiedere l'istituzione di un panel, che supervisionerà e deciderà l'esito della controversia. Se il panel si pronuncerà a favore degli Stati Uniti e del Canada e il Messico non si conformerà alla decisione, gli Stati Uniti e il Canada saranno autorizzati a prendere misure di ritorsione contro il Messico, come tariffe sulle importazioni dal Messico, equivalenti all'importo del danno economico subito.

Nella sua conferenza stampa, il Presidente López Obrador ha citato l'articolo 8 dell'USMCA, che "riconosce al Messico la proprietà diretta, inalienabile e imprescrittibile degli idrocarburi".

Il Messico si ritira dall'USMCA? "Vedremo quando sarà il momento, ora si tratta di ragionamenti”

Alla domanda se si ritirerà dall'USMCA, López Obrador ha risposto innanzitutto dicendo "lo vedremo quando sarà il momento", e ha aggiunto che rifiuterà il "giornalismo volgare". Il presidente messicano ha anche sottolineato la dipendenza degli Stati Uniti dalla produzione in Messico.

Ha concluso le sue parole dicendo: "Quindi, quello che i conservatori vogliono è legare i coltelli, sono molto fondamentali. Ma non è così, questo ha a che fare con gli argomenti".

Ma data la posizione pubblica e di principio di López Obrador sul rafforzamento del settore energetico pubblico in Messico, e la forte spinta degli Stati Uniti verso la transizione energetica, che tra l'altro apre nuove sfere di investimento per le aziende statunitensi, sembrano inevitabili forti discussioni.


(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra