Istanbul, una spia statunitense nella delegazione ucraina

Istanbul, una spia statunitense nella delegazione ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le delegazioni russa e ucraina si sono incontrate a Istanbul per i negoziati di pace il 29 marzo. La delegazione ucraina è arrivata per prima all'incontro, la delegazione russa è arrivata dopo. La riunione è iniziata dopo un discorso di apertura del presidente turco Recep Tayyip Erdogan. L'ufficio di lavoro del presidente nel palazzo Dolmabahce è stato utilizzato come sala riunioni.

La stampa internazionale ha seguito la riunione da vicino. Un nome particolare nella delegazione ucraina ha attirato l'attenzione: Il deputato ucraino Rustem Umerov.

Umerov è un politico che opera nella regione come portavoce degli Stati Uniti e project executive. Diamo un'occhiata più da vicino a lui.

Partecipazione alla trappola della Crimea Platform

I lettori di United World International hanno familiarità con il nome di Umerov. UWI aveva riferito il 17 agosto 2021 della trappola della Crimea tesa contro la Turchia. Rustem Umerov era l'attore principale della trappola. La Turchia era stata invitata a prendere parte alla Crimea Platform, che si sarebbe dovuta riunire a Kiev il 23 agosto 2021. La convenzione aveva lo scopo di mettere in atto meccanismi internazionali, che a loro volta avrebbero dovuto aumentare la pressione sulla Russia sulla questione della Crimea. L'obiettivo a lungo termine della piattaforma è quello di ottenere il ritorno della Crimea in Ucraina.

Sia Umerov che suo fratello sono supportati dalla Fethullah Gulen Terror Organization (FETO)

Fonti locali in Ucraina hanno fornito a UWI informazioni su Umerov, descrivendolo nel modo seguente:

“Rustem Umerov è direttamente collegato agli Stati Uniti. Spende parte dei fondi che riceve dai governi stranieri per scopi personali. Umerov ha partecipato in gioventù al programma Future Leaders Exchange (FLEX) del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, come indicano le fonti aperte.

Mentre la Crimea faceva parte dell'Ucraina, Umerov ha anche ricevuto un'istruzione in un collegio, aperto per ragazzi di grande talento dal Ministero dell'Istruzione della Crimea e finanziato dalla FETO.

Anche suo fratello Ruslan Umerov, in documenti ufficiali con il nome di Aslan Ömer Qirimli, è stato educato in questa scuola e ha legami con la FETO. Entrambi i fratelli sono conosciuti a Kiev come "figli d'America".

Avvertimento sulla legittimazione

L'articolo UWI lanciava il seguente avvertimento:

“È uno sviluppo molto pericoloso che le persone collegate alla FETO partecipino alla piattaforma della Crimea e forniscano l'influenza della FETO sull'Assemblea nazionale tartara di Crimea. Questo incidente avrà l'effetto di legittimare la FETO e presentare questi attori come partecipanti alla pari delle questioni internazionali. Le argomentazioni di FETO potrebbero essere percepite come le posizioni della Turchia nell'arena internazionale".

La stampa russa descrive Rustem Umerov come “una spia statunitense”. L’accusa si basa su una fonte importante: Ayvaz Umerov, che, come Rustem Umerov è un tartaro di Crimea, presidente dell'Autonomia culturale nazionale regionale dei tartari di Crimea e parte della delegazione ucraina nel recente incontro.

In una dichiarazione consegnata alla stampa il 10 marzo, il politico della Crimea Ayvaz Umerov ha affermato: “Ho diverse ragioni per vederlo come un cardinale grigio, una spia statunitense collegata a Fethullah Gülen”. Ha aggiunto che Fethullah Gulen aveva attivamente sostenuto Rustem Umerov, che era un membro del sistema educativo dell'ordine religioso Nurcu.

La missione principale di Rustem Umerov è ostacolare un rapido accordo tra Ucraina e Russia e riferire tutto ai servizi di intelligence statunitensi, secondo Ayvaz Umerov. È stato anche riferito che Rustem Umerov è il proprietario di tutta la ricchezza commerciale e delle entità di Mustafa Cemilew, un estremista e leader dell'Assemblea popolare tartara di Crimea.

La FETO aveva tentato un colpo di Stato filoamericano in Turchia nel 2016. Dopo il fallimento del golpe, la Turchia ha iniziato a eliminare tutti gli elementi della FETO dall'esercito, dall'organizzazione di polizia e dall'apparato statale in generale. Durante il periodo in cui la FETO era organizzata all'interno dell'apparato statale, l'organizzazione aveva svolto un ruolo importante nel sabotare le relazioni turco-russe.

L'abbattimento del jet militare russo il 24 novembre 2015 e l'assassinio dell'ambasciatore russo in Turchia, Andrey Karlov, sono stati operati dalla FETO.

Il fatto che la delegazione ucraina includa una persona della FETO direttamente legata ai servizi di intelligence statunitensi può essere spiegato con lo scopo di portare questi negoziati al fallimento e sabotare le relazioni turco-russe.

A quel tavolo, Umerov rappresenta gli Stati Uniti esclusi. Allo stesso tempo, le riunioni di Umerov con i rappresentanti dello stato turco, incluso il presidente Erdogan, possono anche essere interpretate come un tentativo di legittimare la FETO.

 

(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe