Crisi ucraina e posizione dell'India

Crisi ucraina e posizione dell'India

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Elif Ilhamoglu

Mentre la crisi ucraina continua, Washington sta cercando di aumentare la pressione occidentale sui paesi che non partecipano alle sanzioni contro la Russia. L'India è uno di questi paesi che non si unisce alla coalizione guidata dagli Stati Uniti contro la Russia, resistendo alle pressioni dell'Occidente. Con una tradizione di non allineamento, l'India si è astenuta dal votare le risoluzioni delle Nazioni Unite che impongono sanzioni a Mosca, dopo che la Russia ha lanciato l’operazione militare contro l'Ucraina il 24 febbraio. Mentre Washington cerca di minacciare il governo di Nuova Delhi, con un ‘Chinese stick', sta anche tentando di includere l'India nel patto di sicurezza AUKUS, insieme al Regno Unito, utilizzando la propaganda del conflitto ucraino. L'amministrazione di Nuova Delhi continua ancora il processo di acquisto dei sistemi di difesa missilistica S-400 dalla Russia. L'acquisto da parte dell'India di sistemi S-400 dalla Russia, nonostante la contrarietà di Washington, ha causato ulteriori polemiche. L'amministrazione statunitense, che non voleva che l'India si allineasse con Mosca, non ha imposto all'India "Countering America's Adversaries Through Sanctions ACT (CAATSA)". Hanno solo annunciato le loro preoccupazioni riguardo a questo problema.

Anche l'India non sta rispondendo alle richieste di Washington di "sanzioni alla Russia". Il primo ministro Narendra Modi si è astenuto dal prendere impegni per fermare o ridurre le importazioni di petrolio russo nel suo paese, nonostante le promesse di Biden di aiutare l'India a diversificare le sue fonti energetiche. Inoltre, l'India ha aumentato le sue importazioni di greggio russo e l'Indian Oil Corporation, gestita dallo Stato, ha acquistato 3 milioni di barili di petrolio dalla Russia nonostante le intense sanzioni dell'Occidente alla Russia. Inoltre, secondo le notizie dello statunitense S&P Global, l'India questo mese ha acquistato carbone di qualità 5500 NAR (5500 NAR, il potere calorifico netto del carbone in chilocalorie per chilogrammo) dalla Russia per 160-165 dollari la tonnellata. L'Unione Europea e il Giappone hanno annunciato che bandiranno il carbone russo questo mese.

Funzionari indiani hanno anche riferito di aver riavviato le esportazioni di tè e prodotti alimentari in Russia la scorsa settimana. L’India esporta in Russia tè, riso, frutta, caffè, frutti di mare, ed è stato notato che le transazioni di pagamento sono state fornite da Alfa-bank of Russia e da Bank of Maharashtra of India. Secondo la notizia, il commercio tra i due paesi è gestito il più possibile in rupie e rubli e alcune banche prevedono anche bonifici in euro.

Il governo indiano sta valutando la proposta russa di utilizzare SPFS per i pagamenti in rubli. Proseguono i preparativi per il sistema che consenta le operazioni di importazione ed esportazione tra i due paesi sulla base di rubli e rupie.

Anche il ministro degli Esteri russo Lavrov ha confermato la notizia. Riguardo alle buone relazioni con l'India, Lavrov ha affermato di sostenere il commercio dei paesi nelle proprie valute su questo percorso e ha aggiunto: "Per molto tempo abbiamo sostenuto l'uso dei pagamenti in valuta nazionale in cambio tra i due paesi. Sia il nostro che l'India hanno i loro sistemi finanziari. Utilizziamo questi sistemi più frequentemente ora". Lavrov ha anche aggiunto che saranno in grado di fornire tutto il necessario nel campo della difesa, oltre ai sistemi di difesa aerea S-400 forniti all'India. Il ministro degli Esteri russo ha protestato nel suo discorso per il fatto che Cina, India e Turchia, con cui la Russia ha stretti rapporti, sono costantemente sotto pressione da parte degli Stati Uniti.

Anche la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, ha sottolineato la stessa pressione che Lavrov ha menzionato nel suo discorso.

Durante la sua visita a Nuova Delhi per partecipare alla Solar Alliance il 25 aprile, il presidente della Commissione Europea ha parlato di come la guerra in Ucraina abbia colpito la regione indo-pacifica, ma non ha chiesto apertamente all'India di cambiare la sua posizione nei confronti della Russia. Von der Leyen, che ha attribuito alla Russia la responsabilità dell'aumento dei prezzi, della crisi alimentare ed energetica, ha affermato che l'Europa sostiene la pace e lo sviluppo nell'Indo-Pacifico. Le dichiarazioni dei funzionari statunitensi e le dichiarazioni del presidente della Commissione Ue sono state riportate dalla stampa indiana come "il capo dell'Ue gioca sui timori dell'India nei confronti dell'asse cinese".

Il "bastone cinese" occidentale non ha funzionato

La principale dichiarazione che ha portato la stampa indiana a commentare in questo modo è arrivata da Washington. Dalip Singh, vice consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, è uno degli artefici delle sanzioni contro la Russia. Ha avvertito l'India di non fidarsi della Russia in un possibile conflitto con la Cina all'inizio di aprile, quando ha visitato Nuova Delhi. La visita negli Stati Uniti si è svolta poco prima di quella del ministro degli Esteri russo Lavrov ed è stata percepita come un avvertimento per l'India. Lavrov, d'altra parte, ha fatto riferimento all'"avvertimento" di Dalip Singh durante la sua visita a Nuova Delhi, sottolineando la "solida amicizia" tra Russia e India.

Sembra che gli sforzi statunitensi ed europei per scoraggiare e intimidire l'India non abbiano avuto successo. L'amministrazione di Nuova Delhi, infatti, pur dimostrando la propria determinazione a mantenere il commercio con Mosca nonostante le sanzioni, sta cercando di migliorare le sue relazioni con la Cina, pur avendo da tempo problemi di confine. La visita del Consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi a marzo a Nuova Delhi, per la prima volta dal 2020, per un contatto diplomatico, ha suscitato reazioni. La visita di Wang è stata il più alto livello di contatto diretto tra i due paesi dal conflitto di confine del giugno 2020, in cui hanno perso la vita 20 soldati indiani e 4 soldati cinesi. Wang Yi ha visitato l'ultima volta il paese nel 2019.

Prima della visita, i media cinesi hanno scritto che Cina e India condividono posizioni simili nei confronti della Russia e lo scambio di opinioni tra i due Paesi “servirà alla stabilità della regione, nonostante gli sforzi di alcune potenze straniere”.

Uniti dalla crisi ucraina

Secondo gli esperti, l'astensione sia dell'India che della Cina nella sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla condanna dell'intervento militare russo, mostra che il conflitto in Ucraina crea un approccio comune tra i due paesi per quanto riguarda la politica globale e regionale. Mentre l'India percepiva il Pakistan e la sua alleata Cina come una minaccia, sembra che la crisi ucraina abbia cambiato questa percezione.

L'India vede nell'alleanza Quad, di cui Stati Uniti, Australia e Giappone e l'India stessa sono membri, come un fattore di equilibrio con la Cina. L'India ha importanti relazioni politiche, militari e commerciali con la Russia. Gli Stati Uniti che lasciano l'Afghanistan e la Cina, aumentando la loro influenza nel paese, hanno sollevato preoccupazioni per la sicurezza di Nuova Delhi. L'India sta rivalutando le sue relazioni con Cina e Pakistan, che hanno sostenuto la Russia nelle crisi ucraine per quanto riguarda l'equazione regionale e globale.

La visita di Wang Yi è fondamentale in questo senso. Secondo la stampa dopo la visita, Narendra Modi è stato invitato al Summit BRICS che si terrà alla fine di quest'anno. Si sottolinea che con questo invito Pechino punta a riunire allo stesso tavolo Russia, Cina e India. Il quotidiano Times of India ha pubblicato il seguente titolo sulla visita di Wang Yi: "'Keenly Felt' India, la Cina accetta di aderire all’accordo di non essere una minaccia per l'altro: Wang Yi durante la sua visita in India".

Un altro quotidiano indiano, The Tribune, ha scritto che la politica estera indipendente dell'India e il suo rifiuto di prendere posizione contro la Russia con la forza degli Stati Uniti non sono passati inosservati alla Cina. L'articolo ha sottolineato che l'India e la Cina hanno l'opportunità e la responsabilità di prendere l'iniziativa per porre fine alla guerra in Ucraina, pubblicata con il titolo: "È ora che l'India riesca a ricucire i propri legami".

Paura di perdere l'India

Gli Stati Uniti sono preoccupati per questo atteggiamento congiunto di India e Cina. Il sito di notizie statunitense Business Insider ha commentato che la guerra in Ucraina ha unito l'Occidente contro il "nemico comune", mentre a est si è formata una coalizione che ha tenuto in vita l'economia russa. L'articolo di Business Insider mostra che Cina e India sono le due economie che tengono in vita la Russia. L'articolo afferma che Mosca non sente la pressione come previsto dall'Occidente a causa delle sanzioni e sottolinea che Cina e India sono apertamente dalla parte della Russia o quantomeno non contro di essa.

Washington mira a posizionare l'India contro la Cina attraverso l'alleanza AUKUS che ha formato con la Gran Bretagna e il Giappone contro la Cina nell'Indo-Pacifico. Il think tank australiano Lowy Institute ha pubblicato un articolo con la collaborazione del Ministero della Difesa e in questo articolo ha raccomandato la cooperazione tra AUKUS e l'India nel campo della sicurezza marittima, del nucleare e di varie tecnologie di difesa per sviluppare una partnership globale con l'India.

Pertanto, la Cina vuole un vicino che risolva i suoi problemi in tempo, invece di un'India che si posizionerà contro se stessa nell'Asia-Pacifico. In questo modo, adotterà misure per aumentare la fiducia reciproca e manterrà le distanze dai piani USA-Regno Unito nella regione. La crisi ucraina ha dato questa opportunità sia a Pechino che all'India. I progressi di India, Russia e Cina nello sviluppo delle capacità di agire ancora una volta insieme modificheranno gli equilibri regionali-globali a favore dell'Asia.

(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini