Ministro maliano a UWI: «Fronteggeremo le sanzioni francesi cooperando con Turchia, Russia e Cina»

Ministro maliano a UWI: «Fronteggeremo le sanzioni francesi cooperando con Turchia, Russia e Cina»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 24 gennaio, United World International ha organizzato una conferenza internazionale "Mali al crocevia delle sanzioni e del multipolarismo”. Sono intervenuti Ibrahim Ikassa Maïga, ministro della Rifondazione del Mali e Semih Koray, vicepresidente del partito turco Vatan.

Durante la conferenza, i relatori hanno discusso delle sanzioni contro il Mali, della cooperazione del Mali con altri paesi, compresa la Turchia, e del futuro del movimento anticoloniale in Africa.

Il 9 gennaio, i paesi membri della Comunità Economica degli Stati dell'Africa Occidentale (ECOWAS) hanno imposto sanzioni contro il Mali. La giustificazione era il rinvio delle elezioni della leadership del paese per 5 anni, fino al dicembre 2026.

Secondo l'opinione unanime dei partecipanti alla conferenza "Mali al crocevia delle sanzioni e del multipolarismo”, le misure restrittive contro il Mali sono state prese su iniziativa della Francia.

"No alla Francia"

Ibrahim Ikassa Maiga ha denunciato il sistema della Francafrique come il principale ostacolo allo sviluppo della regione. Secondo lui, le autorità francesi hanno assimilato tutti i mezzi delle Nazioni Unite, utilizzando la crescente minaccia terroristica e separatista in Mali per controllare il paese. Il controllo ha raggiunto un momento in cui le forze armate maliane potevano operare sul proprio suolo solo su autorizzazione francese. Tuttavia, la Francia non era in grado di fornire una vera assistenza al Mali nella lotta contro il terrorismo, così "il Mali ha deciso di dire no alla Francia, no all'ECOWAS".

"Quello che abbiamo visto negli ultimi 10 anni è che il governo del Mali, le istituzioni del Mali non hanno preso decisioni proprie. Le decisioni sono state prese altrove", ha detto Ibrahim Ikassa Maïga, evidenziando che questo ha portato il Mali sull'orlo di diventare uno “Stato fallito".

Il popolo maliano e l'attuale governo hanno reagito alla situazione avviando la lotta per "una nuova indipendenza e una nuova sovranità", ha detto il ministro precisando che il suo paese ha anche deciso di impegnarsi più attivamente con altri paesi, soprattutto la Turchia, la Cina e la Russia. 

Cooperazione maliano - turca: prospettive

Ibrahim Ikassa Maïga ha anche sottolineato che il Mali ha un atteggiamento positivo verso la politica patriottica e sovrana del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, l'eredità di Mustafa Kemal Atatürk e vorrebbe cooperare con la Turchia, anche nella sfera "militare".

Inoltre, il ministro maliano ha sottolineato che Bamako è interessata ad attirare le imprese di costruzione turche in Mali per sviluppare le infrastrutture ed espandere i legami commerciali e culturali tra i due paesi.

"I nostri amici siete voi, la Turchia. I nostri amici sono la Russia. I nostri amici sono la Cina. I nostri amici sono la Guinea, la Mauritania, l'Algeria e il Marocco. Tutti gli altri paesi del mondo che non sono sotto il dominio francese", ha affermato il ministro.

"La Russia rispetta gli altri"

"Siamo accusati di cooperare con 'mercenari' - anche se era chiaro che c'era cooperazione tra gli stati del Mali e della Russia", ha detto Ibrahim Ikassa Maiga.

Secondo il ministro, qualsiasi accusa di cooperazione del Mali con istruttori privati russi è senza merito: "Stiamo cooperando con il governo russo - il ministero degli Esteri del Mali - il ministero degli Esteri russo. Il ministro della difesa con la sua controparte in Russia. E nessuno ha contrattualizzato Wagner".

Ibrahim Ikassa Maiga ha notato che questo argomento è stato "inventato" dalle autorità francesi, che cercano di infangare le autorità maliane attraverso i media.

Il ministro maliano ha anche sottolineato ciò che le autorità di Bamako vedono come una grande differenza tra l'interazione con i militari francesi e russi: la Russia rispetta la sovranità del Mali.

Secondo il portavoce del governo maliano, la cooperazione con la Russia è basata sull'uguaglianza e il rispetto reciproco. "Oggi siamo liberi di prendere le armi che vogliamo, da chi vogliamo", ha notato Ibrahim Ikassa Maiga. - I militari russi qui sono istruttori che ci aiutano a imparare a usare queste attrezzature - artiglieria, elicotteri, o alcuni nuovi cannoni. Oggi siamo liberi nella nostra cooperazione".

"La Russia è diversa! La Russia ci ha mandato degli istruttori per insegnarci a gestire ciò che ci siamo procurati. I soldati maliani stanno ora combattendo contro il terrorismo, passando all'offensiva. I russi non sono al fronte! I maliani sono al fronte", ha sottolineato il ministro.

Secondo il rappresentante maliano, "la Russia rispetta gli altri".

L'origine dei problemi è il neocolonialismo della Francia

Le azioni dell'ECOWAS sono un tentativo di vendicare la politica sovrana del Mali di rifiutare il patrocinio francese, ha sottolineato Semih Koray, intervenendo alla conferenza:

"L'origine dei problemi che il Mali affronta oggi è, come in molti altri paesi africani vicini, il neocolonialismo della Francia sostenuta dal Sistema Atlantico, che, oltre alle minacce e alle pressioni economiche, politiche e militari, si serve anche di organizzazioni terroristiche separatiste ed estremiste per destabilizzare il paese".

Secondo Semih Koray, "le minacce armate possono essere superate dalle forze armate; le pressioni e le minacce imperialiste possono essere sconfitte mobilitando il popolo. Ecco perché i militari patriottici hanno spodestato il presidente filo-francese Ibrahim Boubacar Keita il 18 agosto 2020. Il politico turco ha detto che in Mali c'è una "alleanza tra i militari e il popolo" e che la Francia non ha il diritto di chiedere elezioni.

"Recentemente, la Francia ha spinto per le elezioni in Mali nel febbraio 2022. È ironico che un paese che non ha visto nulla di male nel governare l'intera regione come una colonia con la forza per più di un secolo sia ora così "schizzinoso" sulle date delle elezioni. La Repubblica del Mali, che ha ottenuto la sua indipendenza e sovranità non grazie alla Francia, ma in lotta contro la Francia, non si è piegata a questa imposizione e ha detto che le elezioni si terranno tra cinque anni dopo aver stabilito la sicurezza in tutto il paese e il completamento del processo di reintegrazione".

Le sanzioni come strumento dell'imperialismo

Secondo Semih Koray, la Francia sta usando le elezioni come scusa per fare pressione sul Mali e per un regime change nel paese: da patriottico a controllato dallo straniero. Noi, come partito Vatan, siamo totalmente d'accordo con la reazione del Mali alle sanzioni, che assomigliano più a un blocco di guerra che a un insieme di sanzioni per aree specifiche, e le condanniamo fortemente", ha aggiunto Semih Koray.

Secondo il politico turco, "oggi le sanzioni sono ampiamente utilizzate dal sistema imperialista come strumento egemonico per interferire negli affari interni dei paesi in via di sviluppo. Le sanzioni sono state imposte contro 42 paesi, tra cui Russia, Cina, Iran e Turchia, per contribuire a creare il dissenso tra i popoli per spingerli al regime change, cioè per cambiare un regime che lotta contro la dominazione imperialista in uno che capitola al sistema imperialista".

Semih Koray: la Turchia dovrebbe sostenere il Mali

"Il Mali e la Turchia sono dalla stessa parte in questa lotta", ha sottolineato Semih Koray. Affrontano le stesse minacce da una fonte imperialista comune. La sicurezza di entrambi i paesi è minacciata da organizzazioni terroristiche separatiste ed estremiste, entrambi i paesi sono soggetti a sanzioni volte a indebolire il fronte interno, entrambi i paesi sono soggetti a pressioni e minacce economiche, politiche e ideologiche. Inoltre, poiché uno degli assi principali lungo i quali la Turchia è minacciata si trova nel Mediterraneo orientale, includendo la Francia tra le forze minacciose, c'è una sovrapposizione geografica più specifica in termini di minacce comuni. Così, consideriamo ogni successo in Mali come un nostro successo, e crediamo che ogni azione della Turchia, limitando il sistema imperialista, servirà anche la causa del Mali".

(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

 

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi? di Savino Balzano Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

L'attacco al salario e il golpe del 1992 di Pasquale Cicalese L'attacco al salario e il golpe del 1992

L'attacco al salario e il golpe del 1992

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter