Lo SPIEF e la nuova economia multipolare

Lo SPIEF e la nuova economia multipolare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo SPIEF è considerato uno dei più grandi e importanti eventi economici del mondo. Si tiene ogni anno dal 1997 e quest'anno il tema principale è “Le fondamenta di un mondo multipolare. Formazione di nuovi punti di crescita". Più di 17.000 partecipanti da oltre 130 Paesi hanno confermato la loro presenza.

Il Forum economico internazionale che ha preso il via a San Pietroburgo, promette di diventare un evento da record in termini di numero di accordi firmati. Mentre l'anno scorso sono stati firmati 900 accordi per un totale di 3,86 trilioni di rubli, quest'anno si prevede di superare la soglia dei 4 trilioni di rubli. “Il volume delle prospettive di contrattazione quest'anno potrebbe raggiungere i 4-5 mila miliardi di franchi svizzeri”, prevede Olga Panina, responsabile del Dipartimento di gestione statale e municipale presso l'Università finanziaria del Governo di Mosca.

Quest'anno allo SPIEF parteciperanno i rappresentanti di 136 Paesi, mentre nel 2023 il forum ha raccolto più di 17.000 partecipanti da 130 Paesi. All'evento parteciperanno uomini di Stato e politici di 45 Paesi, ha dichiarato l'assistente presidenziale russo Yury Ushakov. Saranno presenti i leader di Abkhazia, Bolivia, Zimbabwe e Republika Srpska. Tra l'altro, l'Oman ha ricevuto lo status di Paese ospite dello SPIEF.

Il Presidente della Bolivia Luis Arce, il Presidente dello Zimbabwe Emmerson Mnangagwa, il Primo Ministro della Repubblica Centrafricana Felix Molua, il Presidente della Repubblica Srpska in Bosnia-Erzegovina Milorad Dodik, il Presidente dell'Abkhazia Aslan Bzhania e il Presidente del Governo dell'Ossezia del Sud Konstantin Dzhusoev prendono parte al forum. Hanno confermato la loro partecipazione al forum vicepresidenti, vicepresidenti di governo, ministri, governatori e senatori di Algeria, Azerbaigian, Bielorussia, Burkina Faso, Cina, Ungheria, Venezuela, Vietnam, Emirati Arabi Uniti e altri Paesi.

Nonostante le sanzioni, il forum si conferma come una delle principali piattaforme economiche di esperti al mondo. Secondo Ushakov, i principali ospiti della cerimonia di apertura dello SPIEF, che si terrà il 6 giugno, saranno il primo ministro della Repubblica Centraficana Felix Molua, il vice primo ministro del Vietnam Tran Luu Quang, il vice presidente di El Salvador Felix Ulloa e la presidente della Nuova Banca di Sviluppo BRICS Dilma Rousseff. Allo SPIEF sono presenti anche rappresentanti di organizzazioni internazionali: i capi dello Stato dell'Unione, della Commissione economica eurasiatica, della CSI e della CSTO.

Al forum parteciperanno i leader dell'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, dell'Organizzazione della Cooperazione Economica del Mar Nero, del Sistema Economico Latinoamericano e dei Caraibi (SELA), della Nuova Banca di Sviluppo BRICS, dell'Associazione dei Produttori di Diamanti Africani e dell'Unione Africana.

Il percorso verso il rafforzamento delle relazioni commerciali ed economiche - e non solo - con i Paesi del cosiddetto Sud Globale è ben visibile. Sempre ricco di un'ampia agenda internazionale, il forum di quest'anno ha superato ogni aspettativa. Nell'ambito del percorso internazionale si terranno più di 10 dialoghi commerciali, tra cui EAEU-ASEAN, Russia-Africa, Russia-America Latina, Russia-Cina, Russia-Sudafrica e altri incontri bilaterali.

In particolare, il Brasile intende aumentare il volume del fatturato commerciale con la Russia portandolo a 12 miliardi di dollari. Lo ha annunciato l'ambasciatore brasiliano a Mosca Rodrigo de Lima Baena Soares: “Le nostre relazioni commerciali sono più forti che mai, hanno superato la soglia degli 11 miliardi di dollari”, ha affermato e poi aggiunto che nel 2024 “abbiamo stabilito un nuovo record e grazie ad esso speriamo di superare quest'anno la soglia dei 12 miliardi di dollari”. Inoltre, Russia e Brasile svilupperanno percorsi logistici indipendenti da intermediari di Paesi terzi. Secondo quanto annunciato dal vice ministro dello Sviluppo economico Vladimir Ilyichev. Tra i beni principali delle importazioni brasiliane in Russia ci sono i semi di soia e il caffè, mentre per le esportazioni ci sono i fertilizzanti.

Un'attenzione particolare è rivolta ai BRICS. La quota dei Paesi del blocco nel PIL nominale globale è già del 37%. Gli esperti stimano che entro il 2050 il PIL totale dei membri dei BRICS supererà il 90% del PIL di tutti i Paesi sviluppati.

Secondo il vice ministro delle Finanze Ivan Chebeskov, il Ministero delle Finanze sta lavorando a un'iniziativa per utilizzare le risorse finanziarie digitali straniere (DFA) nei pagamenti internazionali.

Non si tratta solo dello sviluppo dei legami commerciali, economici e commerciali. Il ministro della Sanità russo Mikhail Murashko ha dichiarato al forum la necessità di creare un'associazione dei regolatori dei prodotti medici dei paesi BRICS. Murashko ha anche detto che è già stato istituito un centro BRICS per lo sviluppo e la ricerca sui vaccini. "Dovrebbe diventare uno degli strumenti più importanti per fornire vaccini innovativi di qualità. Ci sono diverse aree in cui i nostri Paesi stanno attualmente conducendo ricerche scientifiche, e questi sviluppi sono orientati verso le sfide infettive che stiamo affrontando oggi", ha concluso.

Il Forum economico prevede oltre 150 sessioni tematiche con più di 1.000 relatori e moderatori. Le presentazioni si concentreranno sullo sviluppo delle relazioni internazionali, sui nuovi punti di crescita e sui nuovi leader economici che offrono un'alternativa ai tradizionali centri di influenza, ed è quindi fortemente orientato al nuovo mondo multipolare e guarda con estrema attenzione verso il cosiddetto Sud Globale.

Il multipolarismo del Sud contro l’arroganza dell'Occidente

Dalla sua fondazione nel 1997, il Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) affronta le sfide della transizione verso un modello multipolare dell'economia mondiale e facilita la formazione di nuovi poli di influenza.

Lo SPIEF è un anello di congiunzione tra le organizzazioni economiche internazionali che vanno dall'EAEU, alla SCO, al gruppo BRICS, che offre l'opportunità di sviluppare queste strutture e la loro proficua interazione. Risulta quindi naturale che tra i partecipanti non vi sia quasi nessun europeo, ad eccezione di quei Paesi che da tempo hanno dimostrato la loro disponibilità a cooperare con la Russia (ad esempio l'Ungheria). Ed è altrettanto naturale che i media occidentali cerchino di ignorare lo SPIEF, facendo sfoggio della loro classica arroganza che in questo caso sembra amplificata dal risentimento di chi è ben cosciente di aver perso il controllo sul Sud globale che ormai ha platealmente voltato le spalle all’Occidente.  

Tutt’altra attenzione è invece dedicata al vertice dai media non occidentali. “Attualmente, lo SPIEF agisce come uno dei centri più importanti dello sviluppo globale e ha una missione unica e storicamente consolidata come il mantenimento di un equilibrio globale di potere e la costruzione di un sistema internazionale multipolare, fornendo le condizioni per uno sviluppo basato su un'agenda unificante e costruttiva dettata dagli interessi nazionali dello Stato”, osserva il quotidiano turco dikGAZETE nell'articolo “Mosca e Ankara liberate dall'influenza occidentale”. Poi pone un accento importante: “In 27 anni, il forum è diventato la principale piattaforma mondiale per discutere di sviluppo economico transfrontaliero e condividere le migliori pratiche e competenze per la crescita sostenibile e la sicurezza. Si prevede che due terzi dei Paesi delle Nazioni Unite parteciperanno al Forum. È anche un potente indicatore dell'interesse per la partnership commerciale con la Russia e i suoi alleati".

È questa caratteristica dello SPIEF - che dimostra il livello di interesse per la Russia e per i suoi partner BRICS+ - a costituire una grande irritazione per l'Occidente.

"Dalla sua fondazione nel 1997, il Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) affronta i compiti della transizione verso un modello multipolare dell'economia mondiale e facilita la formazione di nuovi poli di influenza. Si prevede particolare attenzione agli obiettivi dell'economia russa e delle economie dei Paesi più promettenti del mondo multipolare nel quadro delle nuove catene di approvvigionamento globali e dell'interazione commerciale. Inoltre, l'evento prenderà in considerazione i modi per garantire la crescita economica e il progresso dei Paesi partecipanti sulla base del principio della conservazione dei valori nazionali", sottolinea il quotidiano libanese Al-Ahed News.

L’emittente multistatale latinoamericana teleSUR evidenzia che quest’anno “il programma del Forum prevede un dialogo commerciale tra Russia e Venezuela. L'obiettivo è quello di rafforzare i legami economici, commerciali e di investimento tra i due Paesi. In questo contesto,  sono attesi importanti annunci.

Il Forum economico prevede più di 150 sessioni tematiche con oltre 1.000 relatori e moderatori. Nel caso del Venezuela, i membri della delegazione presenteranno temi legati al mercato del petrolio, al digital banking, all'espansione dei BRICS, alla scienza e alla tecnologia, alla geopolitica, ai mercati culturali e alla cooperazione interregionale. Saranno affrontate anche altre questioni economiche influenzate dalle relazioni tra la Russia e l'America Latina e i Caraibi”.

Eurasia Review evidenzia: “L'ampia rappresentanza di tutti i Paesi nel programma del forum è una chiara prova del desiderio della Russia di rafforzare il multipolarismo della politica mondiale e di espandere i legami economici e commerciali. L'attuale situazione geopolitica e le tendenze in evoluzione attirano sempre più l'attenzione sull'accesso ai mercati potenziali più ampi dell'Asia e dell'Africa”.

Conclusioni

Lo SPIEF si conferma come un evento cruciale nella costruzione di un mondo multipolare, dimostrando la capacità della Russia di attrarre una vasta gamma di partecipanti nonostante le sanzioni e le tensioni geopolitiche. Il forum non è solo una piattaforma per la firma di accordi commerciali significativi, ma anche un luogo di incontro per leader e organizzazioni di tutto il mondo che condividono l'obiettivo di promuovere uno sviluppo economico sostenibile e inclusivo.

La partecipazione di rappresentanti da oltre 130 Paesi e la previsione di firmare accordi per oltre 4 trilioni di rubli testimoniano l'importanza crescente dello SPIEF nel panorama economico globale. La presenza di figure di spicco del Sud Globale, come i leader dei Paesi BRICS e di altre nazioni emergenti, sottolinea il ruolo centrale che questi Paesi stanno assumendo nel definire le dinamiche economiche del futuro.

In un contesto di crescente multipolarismo, lo SPIEF offre un'importante piattaforma per discutere e affrontare le sfide globali, favorendo la cooperazione e lo sviluppo su scala internazionale. La visione di un mondo in cui nuovi poli di crescita emergono e si affermano, in contrapposizione alla tradizionale egemonia occidentale, trova in questo forum un terreno fertile per il dialogo e la collaborazione.

In conclusione, lo SPIEF non è solo un evento economico, ma un simbolo del cambiamento in atto nell'economia mondiale. La capacità di attrarre un numero così ampio e diversificato di partecipanti dimostra che la visione di un mondo multipolare è già una realtà in via di consolidamento. Come tale, il forum continuerà a giocare un ruolo chiave nel plasmare il futuro delle relazioni economiche internazionali, promuovendo un modello di sviluppo più equilibrato e inclusivo.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti