Ucraina: Dove il cammino della storia è cambiato

Ucraina: Dove il cammino della storia è cambiato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

È un grande errore ridurre l'intervento della Russia in Ucraina alla categoria della guerra.

Quello che sta succedendo è molto più di una guerra. Dopo un lungo processo, è il momento in cui l'avanzata occidentale è stata fermata.

Il passo avanti di Mosca sta cambiando irreversibilmente l'equilibrio di un mondo che ha ruotato intorno all'Occidente.

Questa è la ragione per cui l'élite politica e i media occidentali attaccano Mosca, usando tutti gli strumenti a disposizione, e perché le società occidentali reagiscono in un modo che ricorda una crisi isterica.

L'attesa impotente della NATO, la macchina da guerra dell'Occidente, sul confine polacco è la prova più grande della loro sconfitta.

Siamo in un processo ancora incompleto che può essere paragonato nelle sue conseguenze alla conquista di Istanbul, alla rivoluzione francese del 1789, al Congresso di Vienna del 1815 o alla disintegrazione dell'Unione Sovietica.

Per capire la portata della rottura, è utile elencare i primi risultati:

Le fondamenta del sistema finanziario incentrato sull'Occidente sono scosse

1. Anche se il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato all'inizio del processo: "Non distruggeremo l'ordine economico globale", il conflitto in Ucraina ha scosso le fondamenta del sistema finanziario centrato sull'Occidente.

Nelle parole del mentore della CIA George Friedman, "Tutte le astrazioni della finanza si risolveranno da sole a questo punto".

In altre parole, l'inefficacia delle sanzioni anti-russe ha mostrato al mondo che la carta del "sistema finanziario globale" nelle mani dell'Occidente non è così efficace come pensavano.

Mentre i paesi asiatici portano avanti tra loro politiche di de-dollarizzazione, il "dollaro USA" - imposto al mondo dall'accordo di Bretton Woods - sta perdendo la sua strumentalità.

Le alternative che la Russia ha sviluppato contro sistemi come SWIFT ecc., mostrano al mondo che l'Occidente non è senza rivali in termini di strumenti economici.

D'altra parte, con l'aumento dei prezzi dell'energia, i paesi europei sono caduti in una crisi economica dalla fine incerta. Questa situazione avrà inevitabilmente risultati politici nel prossimo periodo.

Il risultato indica che l'Occidente non è più centro economico e si è gradualmente trasformato in periferico.

L'Occidente non ha la capacità di agire in modo unito

2. È diventato ovvio che all'Occidente manca la capacità di agire unito. L'asse di Parigi e Berlino differisce chiaramente dagli Stati Uniti per quanto riguarda la politica contro la Russia, nonostante i loro roboanti discorsi.

Questo dimostra che i bisogni sostanziali dell'Europa, come le preoccupazioni energetiche e di sicurezza, superano gli argomenti stantii della "nuova guerra fredda" degli Stati Uniti.

Le dichiarazioni di Josep Borell, alla guida della politica estera europea, che "abbiamo fatto degli errori e spinto la Russia lontano dall'Europa" sono preziose. Borell ha chiarito che l'Europa vuole seguire un percorso diverso dagli Stati Uniti per quanto riguarda le relazioni con la Russia.

Gli Stati Uniti sono consapevoli che a medio termine, l'Europa e la Russia si riuniranno di nuovo se l'Ucraina subirà una sconfitta decisiva. In tal caso, l'integrazione dell'Europa nell'Eurasia e le relazioni economiche euro-orientali accelereranno entrambe.

Sfortunatamente, gli Stati Uniti potrebbero impegnarsi in nuove provocazioni, comprese quelle "nucleari", attraverso l'Ucraina per minare questo processo.

La decadenza culturale dell'Occidente è diventata evidente

3. Il decadimento culturale dell'Occidente è evidente. La messa al bando delle opere degli artisti russi, l'espulsione degli studenti russi dalle università e le sanzioni imposte ai media indicano il dilemma di cui soffre la civiltà occidentale.

Questa crisi isterica, che si rivolge a tutte le società orientali attraverso la Russia, provoca una profonda messa in discussione delle pretese occidentali di "civiltà".

Questo naturalmente limiterà lo scambio culturale tra l'Occidente e l'Oriente.

Questa crisi farà sì che gli occidentali comincino a mettere in discussione la "civiltà occidentale" nei tempi a venire, il che è una speranza per l'umanità.

Quando guardiamo il processo dopo la crisi ucraina nel suo complesso, scopriamo che l'Occidente è sull'orlo di una sicura sconfitta in termini militari, politici, economici e culturali.

Sì, siamo all'inizio di una nuova era.

È un'era in cui sopravviveranno coloro che non sono bloccati nelle prigioni intellettuali, economiche, politiche e culturali incentrate sull'Occidente.

(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan è nato a Istanbul nel 1985. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università Paris-Est Créteil Val de Marne / Parigi XII e un master in diritto internazionale ed europeo. Ha ottenuto il certificato di equivalenza al diploma presso la Galatasaray University. Successivamente, ha conseguito un Master in Diritto del Commercio Internazionale, presso l'Institut de Droit des Affaires Internationales, fondato congiuntamente dall'Università della Sorbona e dall'Università del Cairo, dove ha ricoperto il ruolo di rappresentante al Cairo per il quotidiano Aydinlik. Ha pubblicato diversi articoli e partecipato a programmi televisivi sulla stampa internazionale, come People's Daily, Al Yaum, Al Ahram, Russia Today France, Al Youm Al Sabea. Oltre ad essere l'autore del Tanri Bizi Ister Mi?, un'opera che studia il periodo politico 2011-2013 in Egitto, ha anche contribuito allo studio multi-autore intitolato Ortadogu Çikmazinda Türkiye, con un articolo incentrato sulle relazioni turco-egiziane. Mentre attualmente lavora come avvocato, cura anche una rubrica settimanale per il quotidiano Aydinlik sul tema della politica internazionale e della geopolitica.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti