Il nuovo orientamento diplomatico del partito turco AKP verso il Medio Oriente

Il nuovo orientamento diplomatico del partito turco AKP verso il Medio Oriente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Delegazioni turche che fanno visite più frequenti nei paesi arabi, intensi scambi di messaggi diplomatici tra Ankara e Tel Aviv, accoglienza di rappresentanti degli Emirati Arabi Uniti ad Ankara, dichiarazioni sempre più positive nei confronti della regione: tutti questi passaggi suggeriscono l’avvio da parte della Turchia di nuove politiche verso il Medio Oriente.

Per comprendere meglio i possibili contenuti e gli obiettivi di questo nuovo processo, dobbiamo prima dare un breve sguardo alla posizione complessiva della Turchia sia nella politica interna che in quella internazionale.

Due diversi approcci politici all'interno dell'AKP

Il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP) ha accelerato il suo spostamento verso l'asse eurasiatico dopo il tentativo di colpo di Stato sostenuto dagli Stati Uniti nel 15 luglio 2016. Mentre all'interno di questo processo, sono stati compiuti alcuni passi seri e a lungo termine verso Russia, Iran e Cina, è stata seguita una politica evasiva verso il campo occidentale.

Tuttavia, con Joe Biden in carica dal gennaio 2021, la tendenza a ripristinare i rapporti con gli Stati Uniti e a cooperare nuovamente come "alleato della NATO" è tornata in seno ad alcuni gruppi del governo turco.

Ogni giorno, i funzionari del governo chiedono a Washington di "approfondire la sua cooperazione con la Turchia" in molte aree diverse, specialmente in Siria e Afghanistan. Più di recente, i dettagli della proposta di Ankara a Washington per la sicurezza e la gestione dell'aeroporto internazionale di Kabul hanno avuto risonanza sui media turchi.

La fragilità finanziaria dell'economia turca emerge come il fattore principale dietro i passi del governo dell'AKP. Le rotture economiche e la diminuzione del potere d'acquisto del reddito medio, insieme alla continua svalutazione della valuta turca, hanno scosso profondamente l'economia turca. E il governo dell'AKP ha perso una notevole quantità di potere a causa di ciò.

E attualmente, c'è una lotta tra due diversi approcci all'interno dell'AKP riguardo alla domanda su come risolvere questa crisi:

Un approccio sostiene il superamento di questa crisi con una politica nazionale, centrata sulla Turchia e cooperando con le potenze eurasiatiche. L'altro approccio propone di tornare all'asse atlantico.

Il nuovo orientamento verso il Medio Oriente

Il governo turco intanto ha appena avviato una nuova “apertura” politica per la diplomazia mediorientale, scegliendo un momento delicato.

L'apertura dell'AKP al Medio Oriente può essere riassunta nei seguenti passaggi fondamentali:

1. Passi per la normalizzazione con Egitto, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, dove le relazioni bilaterali sono tese dal 2013
A maggio, Ankara ha avviato colloqui formali e aperti al pubblico con il governo di Al-Sisi, per la prima volta dal rovesciamento dei Fratelli Musulmani in Egitto nel 2013. Di recente, diplomatici turchi ed egiziani si sono incontrati ad Ankara e hanno confermato che ci troviamo all'inizio di un nuovo processo tra i due paesi.

Allo stesso modo, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha accolto personalmente funzionari degli Emirati Arabi Uniti. Anche le relazioni tra la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti erano state interrotte. Ora, entrambe le parti hanno annunciato il ripristino della cooperazione economica.

E sembra che si stiano risolvendo gradualmente anche le controversie in corso con l'Arabia Saudita, con Ankara che segue un approccio a bassa tensione nel caso di Jamal Khashoggi, ucciso nel consolato saudita a Istanbul.

Parallelamente ai passi diplomatici dalla Turchia, vediamo anche che il Qatar sta entrando in un processo di normalizzazione con altri Paesi del Golfo e con l'Egitto.

Non è quindi sbagliato affermare che Ankara e Doha si sono accordate per portare avanti un processo di apertura, che hanno coordinato sui Paesi del Golfo e sull'Egitto insieme. Resta da vedere il punto di vista di Teheran su questo processo di apertura condotto congiuntamente da Ankara e Doha.

2. Messaggi consegnati a Israele
Nonostante il governo turco continui a fare la voce grossa riguardo ai diritti dell'Autorità Palestinese e del suo popolo, si sta rafforzando anche una tendenza alla normalizzazione delle relazioni con Israele.

Il traffico di telefonate tra il presidente Erdogan e il suo omologo israeliano Isaac Herzog da luglio e le reciproche dichiarazioni positive rilasciate dai funzionari di entrambi i paesi indicano l'inizio di un nuovo processo tra Ankara e Tel Aviv.

È anche noto che l'ambasciata turca a Tel Aviv sta lavorando molto attivamente per migliorare le relazioni.

3. Ritorno alle vecchie politiche nei confronti della Siria
Il processo di Astana ha mostrato il passaggio dell'AKP a un approccio più cooperativo con le potenze regionali come Iran e Russia riguardo alla situazione in Siria.

Questo precedente orientamento aveva influito positivamente anche sui rapporti tra Ankara e Damasco, che erano andati sviluppandosi in senso negativo, e le tensioni avevano raggiunto un profilo basso.

Ma le dichiarazioni del ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu dopo l'incontro con il rappresentante della Coalizione nazionale per le forze rivoluzionarie e di opposizione siriane, suggeriscono che Ankara si sta di nuovo allontanando dalla debole ma esistente tendenza a migliorare i rapporti con Damasco.

Quando le dichiarazioni di Cavusoglu vengono valutate insieme alla retorica anti-Assad di personaggi politici vicini al presidente Erdogan, come Fahrettin Altun o Ibrahim Kalin, possiamo concludere che le politiche turche sulla Siria hanno la tendenza a tornare a inasprirsi.

4. Politiche che accettano la sconfitta dei Fratelli Musulmani in Tunisia
Una delle caratteristiche più importanti delle politiche dell'AKP sul Medio Oriente è stato il sostegno ai gruppi politici sostenuti dai Fratelli Musulmani fino ad oggi. L'esempio più eclatante di ciò è stato l'insistente sostegno dell'AKP al governo rovesciato di Morsi in Egitto.

Tuttavia, lo stesso AKP in qualche modo si è astenuto dal dare un simile sostegno all'Ikhwan tunisino, il movimento Ennahda, che è stato destituito dal governo dopo un processo simile a quello egiziano.

Nei primi giorni di destituzione del governo di Ennahda, funzionari dell'Akp hanno subito rilasciato alcune forti dichiarazioni contro il nuovo governo tunisino. Poi hanno gradualmente ammorbidito il tono duro nelle loro dichiarazioni e, alla fine, hanno annunciato di poter collaborare pienamente con il nuovo governo tunisino.

Articolo pubblicato in inglese su Uwidata

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan è nato a Istanbul nel 1985. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università Paris-Est Créteil Val de Marne / Parigi XII e un master in diritto internazionale ed europeo. Ha ottenuto il certificato di equivalenza al diploma presso la Galatasaray University. Successivamente, ha conseguito un Master in Diritto del Commercio Internazionale, presso l'Institut de Droit des Affaires Internationales, fondato congiuntamente dall'Università della Sorbona e dall'Università del Cairo, dove ha ricoperto il ruolo di rappresentante al Cairo per il quotidiano Aydinlik. Ha pubblicato diversi articoli e partecipato a programmi televisivi sulla stampa internazionale, come People's Daily, Al Yaum, Al Ahram, Russia Today France, Al Youm Al Sabea. Oltre ad essere l'autore del Tanri Bizi Ister Mi?, un'opera che studia il periodo politico 2011-2013 in Egitto, ha anche contribuito allo studio multi-autore intitolato Ortadogu Çikmazinda Türkiye, con un articolo incentrato sulle relazioni turco-egiziane. Mentre attualmente lavora come avvocato, cura anche una rubrica settimanale per il quotidiano Aydinlik sul tema della politica internazionale e della geopolitica.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti