Il collasso del colonialismo francese in Africa

Il collasso del colonialismo francese in Africa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Anno dopo anno, la Francia subisce sconfitte nelle regioni africane. Pur ritenendosi ancora il legittimo padrone del continente, Parigi non riesce ad accettare il fatto di aver perso il controllo in vari paesi africani.

I metodi sono cambiati, ma gli obiettivi principali – lo sfruttamento delle risorse e delle terre africane – rimangono gli stessi. Dal Camerun al Senegal, passando per la Costa d'Avorio, il Gabon e tutte le ex colonie dell'Africa francofona, la Francia fa del suo meglio per mantenere la sua influenza in declino.

Ma fino a che punto ci sta davvero riuscendo?

Gli eventi in Mali, dove i militari sono saliti al potere dopo aver rovesciato il presidente Ibrahim Boubacar Keita, sostenuto dai francesi, e hanno mostrato interesse per la cooperazione con Turchia e Russia, con la seguente decisione del presidente francese Emmanuel Macron di ridurre drasticamente la presenza militare in Mali, Niger e Burkina Faso sono diventati per gli analisti un segno della fine della Françafrique. Alcuni esperti africani sperano addirittura che il nuovo capo militare della Guinea, Mamady Doumbouya, sebbene abbia prestato servizio nella Legione straniera francese, lavorerà a beneficio del popolo, contro gli interessi di Francia e Stati Uniti.

Quali sono le speranze per la fine dell'era Françafrique?

Françafrique

Françafrique è il sistema post-coloniale che è emerso nelle relazioni Francia-Africa dopo che le colonie si sono emancipate formalmente dalla loro posizione subordinata nel continente. Ma nonostante l'apparente liberazione, il neocolonialismo di Parigi ha solo adottato un nuovo formato e le ex colonie non hanno mai raggiunto la piena sovranità.

Innanzitutto, il neocolonialismo si manifesta nello sfruttamento unilaterale delle risorse africane. La Francia sta cercando di mantenere tale situazione per essere avvantaggiata nell'ottenere materie prime, nonché avere la priorità degli interessi e delle aziende francesi negli appalti statali dei paesi africani.

In secondo luogo, c'è il dominio finanziario di Parigi. La valuta del franco CFA, lo stoccaggio delle riserve auree e l'intera struttura del sistema bancario sono costruite sul trarre profitto dalla ricchezza del continente. Il reddito residuo si perde nella burocrazia anarchica di molti governanti (che causa particolare malcontento tra i locali ed è associato alla negativa influenza francese).

La Francia mantiene anche due pesi e due misure nella politica africana manipolando le nozioni di democrazia. Ad esempio, sullo sfondo dei recenti eventi in Guinea, la Francia ha condannato il golpe, pur avendo recentemente sostenuto la presa del potere da parte dei militari in Ciad. Dopo la morte del presidente Idriss Déby nell'aprile 2021, il potere in Ciad passò a uno dei suoi figli, Mahamat Idriss Déby Itno, sostenuto dai militari. Vennero sciolti governo e parlamento, ma la nuova junta fu sostenuta da Parigi, che non aveva avuto nulla contro il governo trentennale di Idriss Déby, salito al potere con le forze armate.

La Francia interviene direttamente negli affari africani, come fece nel 2011 in Costa d'Avorio, quando le truppe francesi appoggiarono Alassane Ouattara e misero alla presidenza questo amico di George Soros ed ex dipendente del Fondo Monetario Internazionale. Un esempio recente, Parigi ha sostenuto l'ex presidente François Bozizé della Repubblica Centrafricana, che nel dicembre 2020 ha cercato di sconvolgere le elezioni democratiche e ha lanciato una ribellione armata.

La Francia sta diventando una minaccia per i paesi africani. Porta schiavitù, povertà, corruzione, sostegno ai dittatori e, dove non può mantenere il potere, caos.

Certo, Parigi sta cercando di mantenere il controllo militare e politico sul continente, volendo continuare a fornire armi, formare personale, ecc. Nel frattempo, anche il nuovo capo ad interim della Guinea, Mamady Doumbouya, valutato da molti esperti come lobbista per gli interessi francesi, ha sottolineato nel suo discorso che i guineani sono infastiditi dall'arroganza dei francesi e osservano una segregazione di fatto nel paese. "La visione del mondo dei soldati stranieri in Africa è cambiata nel tempo", ha continuato il nuovo capo della Guinea. “In passato, l'uomo bianco era necessariamente considerato una persona competente, cosa che ora non accade perché ci permettiamo di guardare in modo critico le loro azioni e le loro spiegazioni grazie alla nostra formazione più avanzata”.

La ricerca di un'alternativa

Un'ondata di golpe militari fra gli interventi internazionali sta diventando la normalità in Africa. Come spiega per France24 Alioune Tine, fondatore del think tank AfrikaJom Center, la proliferazione di golpe militari nel continente sta diventando "un fenomeno innegabile". Questa tendenza, valuta, è principalmente dovuta alla "perdita di influenza delle organizzazioni internazionali e regionali progettate per garantire il rispetto della democrazia", ??come l'Unione Africana, l'ECOWAS, le Nazioni Unite o l'Unione Europea. In questo contesto, a vincere sono Cina, Russia e Turchia, che “stanno espandendo la loro influenza in Africa e non chiedono alcun risarcimento democratico per fare affari”.

Pertanto, i leader africani stanno iniziando a capire che fare affari pragmatici su un piano di parità è un'opportunità per la sovranità. Né gli Stati Uniti né la Francia offrono una partnership paritaria, perseguendo una politica essenzialmente neocolonialista. Non sorprende che sempre più africani preferiscano fare affari con partner alternativi.

Ad esempio, i francesi riconoscono la crescita significativa dell'autorità e dell'influenza della Turchia nel continente. Un articolo di Le Monde fa riferimento ai timori verso la Turchia nella regione del Sahel, dove la sicurezza è il problema più acuto. 

L'International Crisis Group rileva una feroce rivalità geopolitica nella regione, che preoccupa sempre più la Francia e le altre potenze occidentali, soprattutto nel sud del Sahara (Burkina Faso, Mali, Mauritania, Niger, Ciad). Finora, gli interessi della Turchia nel Sahel sono sembrati principalmente economici, ma Ankara mostra sempre più interessi diplomatici e militari nei paesi. Un indicatore sorprendente, secondo il giornale, è stata la firma di un accordo tra il Niger e la Turchia che prevede l'invio di soldati turchi in Niger per addestrare e sostenere le sue forze nella lotta contro l'organizzazione terroristica Boko Haram. Ankara ha anche accettato di fornire assistenza per proteggere i confini con il Mali e il Burkina Faso.

Oggi l'Africa è leader mondiale in termini di sviluppo e crescita dei consumi. I giovani esprimono il desiderio di rimanere nella loro terra d'origine e sviluppare la produzione a livello locale. Grazie alla cooperazione con i partner, i paesi africani stanno sviluppando le loro industrie agricole e chimiche, nonché le industrie dell'energia e dei trasporti.

Non sorprende l'accresciuto interesse per lo sviluppo delle relazioni con i Paesi africani da parte di altri concorrenti francesi – Stati Uniti, India, Stati del Golfo, Brasile, Israele, Giappone e Corea.

Nonostante le sue perdite, la Francia non ha ancora intenzione di abbandonare completamente le sue ambizioni neocolonialiste. Dal 7 al 9 ottobre Montpellier ospiterà il Summit Africa-Francia che si definisce un “nuovo format, con nuovi attori, nuovi temi e nuove sfide” e che mira a “rivedere il rapporto tra Africa e Francia, per offrire un nuovo quadro di riflessione e di azione alle nuove generazioni. Tuttavia, alla luce dei successi di altri partner, sembra più un grido di disperazione francese nelle realtà di oggi.

(Articolo pubblicato originariamente in inglese su Uwidata)

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti