Chris Sweeney: Una volta abbattute tutte le statue, dopo toccherà ai giornali per i loro legami con nazismo e schiavitù?

Chris Sweeney: Una volta abbattute tutte le statue, dopo toccherà ai giornali per i loro legami con nazismo e schiavitù?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Di Chris Sweeney*
 
Le proteste del Black Lives Matter hanno dare uno sguardo alle storie di persone importanti, ma i giornali e i media che parlano di tutto ciò hanno gli stessi scheletri nei loro armadi.
 
La Gran Bretagna è divisa per il suo retaggio, meglio esposto proprio ora da Sir Winston Churchill. Per alcuni è l'eroe che ha guidato lo sforzo bellico e per altri, è un esempio di razzismo odioso per la sua convinzione nell'uso del gas velenoso per uccidere "tribù incivili" e anche per il suo ruolo nella carestia del Bengala che ha visto morire tre milioni di persone.
 
Questi sono oggetti inanimati e per definizione relativi a una sola persona, la cui vita e i suoi tempi sono lì per essere giudicati.
 
Analizzare i media non è così semplice.
 
La Gran Bretagna ha il più grande mercato di quotidiani al mondo, dove la stampa ha esercitato a lungo molta potenza ed è stato rispettato dalla popolazione. Tuttavia, il loro passato solleva certamente alcune verità sgradevoli.
 
Prendiamo la famosa BBC, l'unico marchio britannico di cui il paese è quasi universalmente orgoglioso e il più grande sito di notizie al mondo in termini di visitatori. È sinonimo di giornalismo equilibrato ed equo. È sinonimo di libertà di parola e rispetto. Se la BBC dice qualcosa ha peso.
 
Tuttavia, il suo primo direttore generale fu un simpatizzante nazista.
 
Anche John Reith non si vergognava di ammetterlo. Parlando della Notte dei lunghi coltelli quando Hitler sterminò 85 avversari che ostacolavano il suo potere, disse: “Ammiro davvero il modo in cui Hitler ha ripulito quella che sembrava una rivolta incipiente. Ammiro davvero le azioni drastiche intraprese, che erano ovviamente molto necessarie. "
La sua lode per Hitler includeva l'affermazione: "Sono abbastanza certo ... che i nazisti ripuliranno le cose e metteranno la Germania sulla strada per essere di nuovo una vera potenza in Europa".
 
La sua passione si estese anche al despota fascista Benito Mussolini. Commentò : "Ho sempre ammirato Mussolini immensamente e costantemente lo ha salutato come l'esempio eccezionale di raggiungere un alto scopo democratico con il quale, sebbene non democratico, erano le uniche possibili". 
 
A causa delle sue opinioni su questi uomini, a Reith non piaceva Churchill e cercò di tenerlo lontano dalla BBC in modo da non poter divulgare le sue grida di guerra.
 
Un altro simpatizzante nazista era Harold Sidney Harmsworth. Scrisse e visitò Hitler diverse volte, tra cui l'invio di un telegramma dopo l'invasione dei Sudeti indirizzata a "Adolfo il Grande".
 
Ha anche usato il suo giornale, il Daily Mail, per sostenere pubblicamente l'Unione britannica dei fascisti.
 
Harmsworth ha anche scritto un editoriale intitolato "Evviva le camicie nere", che era il soprannome per la BUF - e ha elogiato il loro odiato leader Oswald Mosley.
Mentre il Daily Mail ha ancora inclinazioni di destra, il Guardian siede sul lato opposto della recinzione. È liberale e molto in sintonia con campagne come Black Lives Matter. C'è lo stereotipo che tutti i lettori di Guardian indossano sandali e siano vegani.
 
Ma il quotidiano è stato fondato da John Edward Taylor, che ha guadagnato i suoi soldi da una piantagione di cotone che utilizzava schiavi.
 
La pubblicazione prese anche la posizione di stare con i confederati del sud nella battaglia con la proposta di Abraham Lincoln di abolire la schiavitù.
 
Un pezzo così recitava : " Fu un giorno malvagio sia per l'America che per il mondo quando fu scelto Presidente degli Stati Uniti". 
 
Una petizione di change.org per bloccare il Guardian per questi motivi sta accumulando firme.
E secondo la logica dei manifestanti che cercano di abbattere qualsiasi cosa con radici nel razzismo storico, tutte queste - la BBC, il Mail, il Guardian - dovrebbero seguire la strada di Colston.
 
Ma il paradosso è che senza i giornali e la BBC non sapremmo nemmeno quali statue abbattere o difendere.
 
I media svolgono ancora un ruolo centrale nella società britannica. Accendono dibattiti, offrono una piattaforma ai commentatori, incidono sulle elezioni e informano milioni di opinioni. E dovrebbero rimanere così.
 
Il Daily Mail è uno dei giornali più venduti, con oltre un milione di copie pre-coronavirus al giorno. Uno sguardo ai pendolari al telefono o ai lavoratori alle loro scrivanie, mostra spesso il sito Web della BBC che viene sfogliato - ha registrato un record di 1,5 miliardi di visite nel solo marzo di quest'anno. The Guardian ha avuto 435 milioni di visite online nello stesso periodo.
 
Proprio come le statue, alimentano tutte le polemiche - e se rovesciamo le statue, la prossima mossa onesta è rovesciare i supporti di carta. E se lo facciamo, cosa rimarrebbe?
 
La scelta dell'opinione è un lusso che non dovremmo dare per scontato, anche se tale opinione si basa su basi tossiche. Abbattere monumenti o i media rischia di togliere questo lusso.
 
 
*Autore e editorialista, ha scritto per giornali come The Times, Daily Express, The Sun e Daily Record, oltre  a diverse riviste internazionali. Account Twitter  @WritesSweeney
 
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti