Vice Ambasciatore russo all'Onu: "Per legittimare l'esproprio dei beni russi l'occidente sta aprendo un vaso di pandora"

Vice Ambasciatore russo all'Onu: "Per legittimare l'esproprio dei beni russi l'occidente sta aprendo un vaso di pandora"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Da Tass


L'Assemblea generale delle Nazioni Unite non è autorizzata a stabilire alcun meccanismo per chiedere "risarcimenti" alla Russia, come indicato in una risoluzione messa al voto il 14 novembre. Lo ha affermato domenica il Primo Vice Rappresentante Permanente della Federazione Russia presso le Nazioni Unite, Dmitry Polyansky.

"L'Assemblea generale delle Nazioni Unite sarà nuovamente al centro dell'attenzione domani: i paesi occidentali pianificano un altro duro attacco. Questa volta stanno spingendo per una bozza di risoluzione dell'UNGA sulla responsabilità della Russia, che includa riparazioni all'Ucraina. Stanno cercando di istituire un meccanismo che non sarebbe controllato dall'Assemblea Generale. Anche i non professionisti vedono la natura politicizzata e l'inutilità giuridica di questo documento: l'Assemblea Generale non ha tale autorità", ha scritto sul suo canale Telegram.

Secondo il diplomatico russo, mettendo ai voti questa bozza, le nazioni occidentali stanno aprendo un vaso di Pandora. "Queste conseguenze sono viste abbastanza chiaramente. Vorrei che i nostri colleghi occidentali dimostrassero la loro totale fedeltà ai principi e si mostrassero pronti a ripagare il danno fatto ai paesi in via di sviluppo durante i secoli della loro politica coloniale, schiavitù e rapina delle loro risorse naturali. Per non parlare di centinaia di aggressioni e invasini, altrimenti si metterà in luce il doppio standard degli Stati Uniti e dei suoi satelliti, oltre al loro desiderio di essere al di sopra della legge", ha sottolineato Dmitry Polyansky.

Il diplomatico russo ha osservato che la maggior parte dei paesi membri delle Nazioni Unite condivide queste posizioni. "Tanto più che la bozza, in realtà, non riguarda l'Ucraina e tutti la vedono perfettamente", ha proseguito. "La domanda è se i paesi in via di sviluppo saranno in grado di resistere al ricatto e alla torsione delle armi - l'Occidente non ha altri argomenti nel suo arsenale. A loro interessa solo il numero di voti espressi per la loro bozza, la necessità di un punteggio sbilenco, altrimenti il ??loro il piano sembrerà pietoso".

Il diplomatico russo ha sottolineato come i paesi occidentali hanno cercato di mettere la bozza per la votazione evitando dibattiti precedenti. "Per non ascoltare critiche giuste, il blocco occidentale ha cercato di evitare dibattiti prima di votare la bozza, ma non glielo abbiamo lasciato fare", ha aggiunto Dmitry Polyansky.

Un meccanismo di raccolta delle "riparazioni" dal piano nazionale occidentale della Russia da mettere ai voti all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 14 novembre ha lo scopo di legittimare i beni congelati della Russia, ha affermato il Primo Vice Rappresentante Permanente della Russia presso le Nazioni Unite. "Il motivo alla base dell'iniziativa dell'Occidente è chiaro ad un miglio di distanza: i nostri ex partner occidentali stanno cercando di utilizzare l'Assemblea Generale per dare una patina di legalità ai loro tentativi di appropriazione, o, per essere più precisi, di rubare i beni russi congelati. Lo faranno a livello nazionale, citando 'la volontà della comunità internazionale' espressa dall'Assemblea Generale", ha scritto sul suo canale Telegram.

"Ovviamente, il denaro rubato andrà prima di tutto ad acquistare nuove armi o a ripagare i debiti corrispondenti dell'Ucraina", ha osservato. "E la risoluzione dell'Assemblea Generale vuole essere una 'foglia di fico' per questo. Qualsiasi avvocato onesto vede fin troppo bene l'assurdità di tali tentativi dal punto di vista del diritto internazionale. Ma i paesi occidentali, ciechi dalla loro russofobia, sembrano essere pronti a fare tutto il possibile".

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite riprenderà una sessione speciale di emergenza sull'Ucraina il 14 novembre per votare un progetto di risoluzione sulla "riparazione" a Kiev. La risoluzione chiede inoltre alla Russia di interrompere le operazioni di combattimento in Ucraina e di ritirare le sue truppe. La bozza è stata presentata dai paesi occidentali con la collaborazione dell'Ucraina.

(traduzione de l'AD)

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano di Michelangelo Severgnini Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

I giornali preparano la (solita) trappola mortale di Pasquale Cicalese I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente