Vendetta di Israele? In Siria esplode petroliera nel porto di Latakia

Vendetta di Israele? In Siria esplode petroliera nel porto di Latakia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ipotesi non è stata formulata né dalle autorità siriane, tantomeno da quelle iraniane. Certo è che, ormai, da alcuni mesi c'è una guerra a distanza, combattuta nei mari tra Israele e Iran.

Dopo le accusa di Usa, UE sulla matrice iraniana dell'attacco alla nave israeliana Mercer Street, con la susseguente promessa di vendetta da parte di Tel Aviv, non desterebbe alcuna meraviglia che quello avvenuto oggi al porto siriano di Latakia non sia stato un semplice incidente.

Al momento le notizie sono queste.

I vigili del fuoco di Latakia e il Dipartimento della Protezione Civile della compagnia portuale di Latakia hanno spento oggi un incendio scoppiato a bordo di una nave durante un processo di manutenzione in corso all'interno del porto.

Secondo quanto riferito dai media locali, oggi, due persone sono rimaste ferite in un'esplosione che ha colpito una petroliera mercantile al largo del porto siriano di Latakia.

L'incendio è divampato durante i lavori di manutenzione del porto e la nave era vuota in quel momento, ha riferito l'agenzia di stampa siriana SANA, citando il direttore generale del porto. Due operai si sono intossicati con esalazioni da monossido di carbonio e sono stati ricoverati in ospedale.

Un video dell'esplosione è stato condiviso online. 

 

Al momento, lo ripetiamo, le cause dell'esplosione non state del tutto chiarite, ma non è da escludere nessuno scenario, in particolare una vendetta del regime israeliano.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra