USA: si intensifica l'epurazione dei professori filo-palestinesi

USA: si intensifica l'epurazione dei professori filo-palestinesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Ivan Kesic - PRESSTV

Nelle ultime settimane, a più di sei mesi dall'inizio della guerra israeliana contro la Striscia di Gaza assediata, i campus universitari di tutti gli Stati Uniti sono teatro di massicce proteste a favore della Palestina.

Le amministrazioni universitarie insieme alle forze dell'ordine hanno cercato di reprimere queste manifestazioni, facendo uso di forza indiscriminata. Tuttavia, gli studenti hanno mantenuto le loro posizioni.

Gli studenti di decine di università negli Stati Uniti stanno protestando contro la guerra genocida israeliana a Gaza, dove quasi 34.600 persone sono state uccise dall'ottobre dell'anno scorso, principalmente donne e bambini.

Più di 1.000 persone sono state arrestate nei campus universitari statunitensi dal 18 aprile, quando un accampamento filo-palestinese presso la Columbia University di New York è stato brutalmente sgomberato dalla polizia.

Questi studenti universitari sono stati supportati anche dai loro docenti in accampamenti pro-Gaza su vari campus, dalla Columbia a Yale, dalla California a Boston fino alla Virginia.

Mentre molti studenti sono stati picchiati, arrestati e sospesi dalle rispettive università per protestare contro la guerra genocida israeliana a Gaza e chiedere il disinvestimento delle loro università, ci sono notizie anche di professori licenziati e sospesi dai loro lavori di insegnamento.

In tutto ciò, il ruolo dei gruppi di pressione filo-israeliani negli Stati Uniti ha avuto un ruolo prominente, che tradizionalmente hanno esercitato la loro influenza sui campus universitari statunitensi.

Negli ultimi due giorni di aprile da soli, i media degli studenti nordamericani hanno riportato che almeno sei docenti dell'Università di Washington a St. Louis, quattro dei quali sono stati arrestati durante la protesta dell'accampamento del 27 aprile, sono stati effettivamente banditi dal campus.

La loro posizione di solidarietà con la Palestina, a quanto pare, ha causato la perdita del lavoro. A loro è stato proibito di comunicare con altri membri del personale e studenti dell'università, anche al di fuori del campus.

“Libertà di parola soppressa”

"La mia libertà di parola è stata effettivamente soppressa", ha dichiarato il professor Bret Gustafson, docente di antropologia presso la Washington University, uno dei sei docenti sospesi.

Gustafson è diventato famoso lo scorso novembre quando ha sostenuto una protesta non violenta davanti alla casa del presidente dell'American Israel Public Affairs Committee (AIPAC), un potente gruppo di pressione filo-israeliano, chiedendo la fine della guerra israeliana contro Gaza.

È stato immediatamente travisato e falsamente accusato di sostenere "lanci di bombole del gas fuori dalle case degli ebrei" da parte di organizzazioni di lobby pro-israeliane negli Stati Uniti.

Appena un giorno prima dell'accampamento a St. Louis, durante una protesta presso l'Emory University di Atlanta, le professoresse Noëlle McAfee e Caroline Fohlin sono state arrestate per aver messo in discussione l'uso di forza ingiustificata da parte della polizia contro gli studenti dell'università.

Secondo gli esperti, il loro futuro nell'accademia statunitense sembra essere ora incerto, considerando il numero di professori banditi e sospesi dall'inizio della guerra contro Gaza.

Nel novembre 2023, appena un mese dopo che il regime israeliano ha lanciato la sua campagna di bombardamenti su Gaza, la University of Arizona ha "temporaneamente sostituito" il professore assistente Rebecca Lopez e la responsabile delle relazioni comunitarie Rebecca Zapien per aver facilitato una discussione in classe sui crimini di guerra del regime israeliano.

All'inizio di marzo, Jairo Fúnez-Flores, professore presso la Texas Tech University, un istituto educativo di punta del Texas Tech University System, è stato sospeso per commenti filo-palestinesi sulla piattaforma X (precedentemente Twitter), definiti "odiosi, antisemiti e inaccettabili".

A gennaio, dopo una petizione promossa dalla lobby pro-israeliana negli Stati Uniti, il professor Amin Husain è stato licenziato dalla New York University per aver messo in discussione la narrazione israeliana sulla guerra contro Gaza.

Lunga tradizione di censura sionista dei professori

La lobby israeliana negli Stati Uniti ha sempre cercato di plasmare la politica nordamericana nei confronti del regime israeliano e della regione più ampia in modo favorevole all'entità occupante a Tel Aviv, e ciò include il silenziamento dei sostenitori della causa pro-palestinese nei campus americani.

Secondo William Robinson e Maryam Griffin, curatori del libro "Non saremo silenziati", nel quale numerosi professori dei campus USA hanno parlato delle loro esperienze, l'influenza della lobby israeliana sull'accademia americana è senza precedenti in termini di risorse e pressioni.

Migliaia di studenti, attivisti e personaggi mediatici provenienti da dozzine di organizzazioni sioniste, finanziate con decine di milioni di dollari, prendono attivamente parte a questi tentativi di zittire le voci pro-Palestina.

Gli sforzi per proteggere il regime israeliano dalle critiche hanno preso di mira oratori individuali, professori ospiti e docenti invitati, con l'obiettivo di creare un'atmosfera in cui l'espressione libera e il dibattito aperto non esistono e in cui l'apartheid israeliano e l'occupazione non vengono messe in discussione.

Tra i più antichi esempi conosciuti di censura accademica di questo tipo ci sono le pressioni contro l'apparizione di Pete McCloskey alla Stanford University nel 1984, quando AIPAC si è affidato ad attivisti studenteschi.

McCloskey, ex alunno di Stanford e ex deputato, era anche un critico di spicco del sostegno incondizionato degli Stati Uniti al regime israeliano, alle sue politiche e agli insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata.

Le organizzazioni sioniste lo diffamarono come "antisemita" e contribuirono a garantire la sua sconfitta nella sua campagna per il Senato del 1982, e in quell'occasione, chiesero che gli fosse impedito di insegnare o che includesse punti di vista pro-AIPAC nel programma del suo corso.

La revisione della facoltà dell'Università di Stanford trovò il gruppo studentesco pro-israeliano colpevole di gravi violazioni della libertà accademica, quindi McCloskey ricevette infine delle scuse formali dal provost dell'università.

Negazione dell'ospitalità ai relatori ospiti

Uno dei casi più notevoli è il divieto a Desmond Tutu, attivista di fama mondiale contro l'apartheid sudafricana, di tenere un discorso presso l'Università di St. Thomas nel Minnesota.

Fu invitato alla conferenza dai membri del programma di Studi sulla Giustizia e la Pace, e la sua partecipazione fu contrastata dall'Organizzazione Sionista d'America (ZOA) e dal Consiglio delle Relazioni Comunitarie Ebraiche del Minnesota e dei Dakota.

Come motivo della loro opposizione, le organizzazioni citarono "commenti particolarmente dolorosi" in cui Tutu aveva criticato le violazioni dei diritti umani del regime israeliano nei territori palestinesi occupati.

Il presidente dell'università cedette alla pressione della lobby israeliana e cancellò la visita di Tutu, comunicandoglielo in una lettera da Cris Toffolo, presidente del programma che lo aveva invitato.

Nella stessa lettera, Toffolo espresse il suo disaccordo con la decisione dell'università, e ciò spinse l'amministrazione di St. Thomas a rimuoverla rapidamente dalla carica di presidente del programma di Studi sulla Giustizia e la Pace.

Dopo un'ondata di critiche da parte degli studenti e della comunità internazionale, l'università inviò nuovamente un invito a Tutu, ma lui condizionò la sua venuta al ripristino di Toffolo alla sua precedente posizione, cosa che non avvenne, quindi lui rifiutò irrevocabilmente di tenere il tanto atteso discorso.

Una situazione simile si verificò alcuni anni prima quando l'Università di Harvard invitò Tom Paulin, professore di Oxford e uno dei più eminenti poeti britannici, a tenere un discorso presso il Dipartimento di Inglese.

L'invito fu ritirato dopo che allora il presidente di Harvard espresse la sua opposizione, a causa delle critiche di Paulin al sionismo e alle politiche dell'apartheid israeliano. Anche se il dipartimento successivamente annullò la decisione e inviò nuovamente l'invito, Paulin rifiutò di visitare il campus.

Vittime sia ebree che palestinesi-statunitensi

L'Università di Harvard ha visto numerosi altri casi di cancellazione di conferenze programmate da parte di critici del regime israeliano, tra cui lo storico Norman Finkelstein e il biologo Robert Trivers.

A causa della stessa campagna di pressione, Finkelstein ha perso il posto di professore alla DePaul University e la Anti-Defamation League e altri gruppi di pressione pro-Israele hanno chiesto agli editori accademici di bandire diversi suoi libri.

Anche Mehrene Larudee, assistente alla cattedra e membro di Jewish Voice for Peace, ha perso il suo posto alla DePaul University di Chicago a causa della sua difesa della Palestina.

Anche altri ebrei nordamericani di spicco, come Sara Roy, Noam Chomsky e Lisa Rofel, hanno dovuto affrontare la censura accademica per la loro opposizione al trattamento selvaggio dei palestinesi da parte del regime israeliano.

Professori americani-palestinesi, tra cui Joseph Massad, Rashid Khalidi, Edward Said, Nadia Abu El-Haj, Sami Al-Arian, Rabab Ibrahim Abdulhadi e Amin Husain, hanno dovuto affrontare molestie continue.

Il gruppo universitario pro-Israele The David Project (TDP), parte della più ampia Israel on Campus Coalition (ICC), ha prodotto nel 2004 il film diffamatorio Columbia Unbecoming, che accusava Massad di "antisemitismo".

Una commissione universitaria ha poi interrogato più di cento persone nel campus e ha concluso che non c'erano dichiarazioni antisemite o altre dichiarazioni controverse da parte di Massad.

Sebbene sia stato assolto, hanno cercato di perseguitarlo con numerose e-mail contenenti materiale offensivo e minaccioso, e contro di lui è stata condotta una sistematica caccia ai media.

Anche Rashid Khalidi ed Edward Said hanno subito accuse simili e bombardamenti di e-mail con spam, così come il poeta Remi Kanazi, che durante le sue visite ai campus universitari statunitensi è stato sistematicamente attaccato attraverso i social network da eserciti di troll affiliati alla CPI.

Nel 2007, gli attivisti pro-Israele hanno cercato senza successo di negare la cattedra alla Columbia University alla professoressa di antropologia Nadia Abu El-Haj, solo perché in uno dei suoi libri aveva messo in discussione la manipolazione religiosa dell'archeologia a favore dell'odiosa ideologia sionista.

Sami Al-Arian, professore associato di origine palestinese, di informatica, presso l'Università della Florida del Sud, ha trascorso anni in prigione con false accuse di "terrorismo" ed è stato infine espulso dagli Stati Uniti nel febbraio 2015 in Turchia.

I gruppi sionisti hanno condotto una campagna diffamatoria simile contro Rabab Abdulhadi, direttrice degli studi sulle etnie arabe e musulmane e sulle diaspore presso la San Francisco State University, a causa delle sue opinioni filo-palestinesi.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti