Una vita di m... come Status Symbol: l'ultima trovata di Repubblica

Una vita di m... come Status Symbol: l'ultima trovata di Repubblica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Una volta era l’ozio il segno della ricchezza e del privilegio. Oggi è la mancanza di tempo libero, l’essere indaffarati, oberati di lavoro.

Negli ultimi anni, dice Silvia Bellezza (Prof di psicologia del marketing alla Columbia Business School), gli spot pubblicitari sono cambiati. Un tempo (negli spot) i ricchi si rilassavano in piscina o su un mega yacht, giocavano a tennis e polo, sciavano e andavano a caccia.

Adesso, sempre negli spot, i ricchi sono impegnati, lavorano molte ore e hanno poco tempo libero. Insomma, dice Bellezza, la frenesia e il superlavoro (lo straordinario), sono diventati uno Status Symbol, sostituendo il modello precedente basato sul Tempo Libero. Se sei ricco e ti chiedono come stai, devi rispondere Busy (impegnato, Mi sun ciappà). Se rispondi Busy (pronuncia: biz?), sei ricco. 
Essere Busy è cool. 

Un carico di straordinari denota una persona competente, ambiziosa, che sa mettere a frutto il suo capitale umano, la sua pellaccia maledetta. Un individuo oberato di lavoro, dice Bellezza, è percepito come superiore, in ascesa sociale. Mentre un perditempo – un disoccupato – è percepito come uno sfigato, uno che non sa sfruttare il capitale umano e  che non salirà mai sull’ascensore sociale.

I parametri di overwork da rispettare per raggiungere uno status elevato sono: 1) Quantità (la quantità di ore di lavoro); 2) Velocità (ritmo con cui si svolge il lavoro) e 3) Senso (Significato e Godimento legato al lavoro). 

Non sto inventando. È tutto scritto, nero su bianco, e pubblicato dalla Prof Silvia Bellezza sulla rivista Scientifica Journal of Consumer Research n. 4, della Oxford University Press, e questo è l’indirizzo dove leggerlo: doi.org/10.1093/jcr/ucw076.

Analizzando tweet e post Facebook, Bellezza ha scoperto che la gente ama vantarsi delle lunghe ore di lavoro e della mancanza di tempo libero. Se, invece, hai tempo libero, e questo tempo lo spendi a giocare a tennis o cricket, a prendere lezioni di danza Hip Hop o Judo e Karate, o a provare le ricette di gialloZafferano con tua suocera, ebbene, dice Bellezza, sei uno sfigato.

Solo uno sfigato si fa riempire il Tempo Libero con le stronzate di un consumismo che ha creato il Tempo Libero per riempirlo di merci e servizi. E quei ricconi del Platinum Triangle, che si vedono spesso nei telefilm di Colombo, testimoniano di un tempo che non c’è più, di un tempo appannaggio di una classe media, con stipendi decenti, che vedeva in questi finti ricconi dei modelli (di consumo) da imitare.
Siccome non c’è più quella classe media, non ci possono essere più quei modelli di consumo. 

Il modello di consumo performato da Bellezza, e venduto da Repubblica come operazione culturale, deve essere aggiornato. Siccome la classe media è stata distrutta, e il capitalismo odierno, feroce e straccione, sa fare impresa solo spremendo il capitale umano, ci propone il mito di una ricchezza fatta di superlavoro e straordinari. Se ti spacchi la schiena e rinunci (volontariamente) a ogni attimo di ozio, per te si apriranno le porte dell’ascesa sociale. Nell’attesa godrai dello status di persona impegnata, presa, risucchiata dal flusso ascensionale della storia. 

Le persone che non hanno tempo, dice Bellezza a Repubblica, trovano il tempo di leggere il Wall Street Journal. Come se il Wall Street Journal fosse un prodotto elitario, e non un prodotto di massa, un bene di consumo facilmente accessibile, un prodotto dozzinale, - in crisi – che cerca di riposizionarsi con campagne (e studi scientifici) mirati.

Rileggendo l’articolo che il 7 ottobre Repubblica ha dedicato a questa scoperta scientifica mi è venuto il dubbio che il giornale creda veramente che fare Straordinari, senza riposarsi un attimo, sia uno Status Symbol; che se lavori duramente, diventerai il capo della tua azienda. Mi è venuto il dubbio che davvero a Repubblica nessuno sappia che si tratta di istruzioni per creare schemi di comportamento, schemi di giustificazione e auto-giustificazione di una vita di merda, e che non lo sappiano perché questi schemi di coazione a ripetere sono ad uso e consumo di chi li scrive.

Leo Essen

Leo Essen

Ha studiato all’università di Bologna con Gianfranco Bonola e Manlio Iofrida. È autore di Come si ruba una tesi di laurea (K Inc, 1997) e Quattro racconti al dottor Cacciatutto (Emir, 2000). È tra i fondatori delle riviste Il Gigio e Da Panico. Scrive su Contropiano e L’Antidiplomatico.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti