Ucraina, Cina all’Onu: Basta Sanzioni, blocco dei beni di altri Stati mina la sovranità

Ucraina, Cina all’Onu: Basta Sanzioni, blocco dei beni di altri Stati mina la sovranità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il modo fondamentale per risolvere la crisi umanitaria in Ucraina è porre fine anticipatamente al conflitto, ha affermato ieri il rappresentante permanente della Cina alle Nazioni Unite Zhang Jun.

"Chiediamo a Russia e Ucraina di aderire alla direzione generale del dialogo e del negoziato, diminuire continuamente le differenze e creare le condizioni per un cessate il fuoco", ha ribadito Zhang alla riunione del Consiglio di sicurezza sulla questione umanitaria dell'Ucraina.

Sulla protezione dei civili, Zhang ha ricordato che è necessario compiere ogni sforzo per ridurre i danni ai civili causati dal conflitto.

"La Cina chiede ancora una volta a tutte le parti in conflitto di esercitare la massima moderazione, attenersi rigorosamente al diritto umanitario internazionale, proteggere i civili e le strutture civili e facilitare le operazioni di evacuazione e di assistenza umanitaria".

"Le parti interessate dovrebbero rafforzare la comunicazione su questioni umanitarie e condurre il coordinamento e la cooperazione su questioni come l'apertura di corridoi umanitari e l'organizzazione dell'evacuazione sicura del personale", ha aggiunto.

La Cina apprezza il fatto che i paesi vicini all'Ucraina hanno fornito "rifugi sicuri e assistenza umanitaria", ha affermato.

Parlando di sanzioni, l'inviato ha precisato: "Dobbiamo prestare attenzione ed eliminare l'impatto negativo delle sanzioni. Il vasto numero di paesi in via di sviluppo che non sono parti in conflitto ha pagato un prezzo pesante per questo. Questo non è né equo né ragionevole. La comunità internazionale dovrebbe rafforzare il coordinamento per mantenere stabili le forniture e i prezzi di cibo ed energia ed evitare inutili restrizioni alle esportazioni ".

Ha sottolineato che "il congelamento arbitrario delle riserve valutarie di altri paesi costituisce anche una violazione della sovranità ed equivale a armare l'interdipendenza economica".

Ha chiesto la fine anticipata di tali pratiche poiché "minano le fondamenta della stabilità economica mondiale e portano nuove incertezze e rischi alle relazioni internazionali".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti