Stacy Gilbert. Un’altra funzionaria del Dipartimento di Stato Usa si dimette per il genocidio a Gaza

Stacy Gilbert. Un’altra funzionaria del Dipartimento di Stato Usa si dimette per il genocidio a Gaza

Foto Stacy Gibert del 2018 dal profilo Facebook del U.S. Department of State: Bureau of Population, Refugees, and Migration

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Una funzionaria del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti si è dimesso questa settimana in seguito a quello che riteneva un errore nella valutazione del Dipartimento secondo cui Israele non aveva ostacolato il flusso di aiuti umanitari a Gaza. La notizia è stata riferita, ieri, Washington Post.

Il Washington Post si è basato su informazioni fornite da due funzionari statunitensi, a condizione di anonimato, che hanno letto l'e-mail della funzionaria dimissionaria, Stacy Gilbert dell'Ufficio Popolazione, Rifugiati e Migrazioni del Dipartimento di Stato, in cui spiegava il suo diverso punto di vista che contrastava la valutazione del Dipartimento sulla condotta di Israele in merito alla consegna degli aiuti a Gaza.

Il Dipartimento di Stato, in un rapporto noto come National Security Memorandum 20 (NSM-20) pubblicato il 10 maggio, aveva indicato che, mentre “gli aiuti rimangono insufficienti”, gli Stati Uniti non “valutano attualmente che il governo israeliano stia proibendo o limitando in altro modo il trasporto o la consegna dell'assistenza umanitaria statunitense”.

L'NSM-20, che ha anche valutato se l'uso di armi fornite dagli Stati Uniti da parte di Israele avesse violato il diritto umanitario internazionale, era giunto alla conclusione che il trasferimento di armi a Tel Aviv da parte del Pentagono poteva, dunque, continuare legittimamente.

Gilbert, tuttavia, ritiene che le consegne di aiuti siano state effettivamente ostacolate dalle forze israeliane. Il suo punto di vista è condiviso dalla maggior parte delle organizzazioni umanitarie e di aiuto, secondo quanto riportato dal Washington Post.

Da quando Israele ha lanciato la sua operazione militare di rappresaglia a Gaza in risposta all'attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, diversi funzionari del Dipartimento di Stato si sono dimessi dai loro incarichi. Le dimissioni sono avvenute in segno di protesta per il sostegno incondizionato del governo statunitense a favore di Israele, nonostante il crescente numero di morti tra i civili e le immense sofferenze umane causate dall'operazione militare israeliana.

Lo scorso 17 maggio si era dimessa Lily Greenberg Call, prima funzionaria ebrea dell’amministrazione Biden. Annelle Sheline aveva rinunciato al suo incarico per le immagini definite un “orrore” dei bambini palestinesi uccisi a Gaza. Anche il maggiore Harrison Mann ha si era dimesso dal Dipartimento di Intelligence della Difesa per il sostegno “incondizionato del suo paese a Israele.

Ad aprile, Hala Rharrit, portavoce in lingua araba del Dipartimento di Stato, aveva annunciato le sue dimissioni spiegando così le ragioni della sua scelta: “Mi sono dimessa nell'aprile 2024 dopo 18 anni di onorato servizio in opposizione alla politica degli Stati Uniti su Gaza”.

--------------------------------------------------------

A GAZA LA SITUAZIONE UMANITARIA E' FUORI CONTROLLO. LA PULIZIA ETNICA DECISA

C'E' UNA ONG, GAZZELLA ONLUS, CHE NON SI ARRENDE A QUESTE BARBARIE E OGNI GIORNO, EROICAMENTE, PORTA BENI DI PRIMA NECESSITA' ALLA POPOLAZIONE STREMATA




L'ANTIDIPLOMATICO E LAD EDIZIONI, INSIEME A Q EDIZIONI, E' IMPEGNATA ALLA RACCOLTA FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene? di Alberto Fazolo Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti