SRF: la Norvegia trae profitto dagli europei grazie al conflitto in Ucraina

SRF: la Norvegia trae profitto dagli europei grazie al conflitto in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Fino a poco tempo fa, la Norvegia stava prendendo in seria considerazione l'idea di eliminare gradualmente la produzione di petrolio greggio e gas naturale il prima possibile, osserva il canale televisivo svizzero SRF. Il piano prevedeva di lasciare una parte significativa delle riserve di combustibili fossili sotterrate per proteggere il clima.

L'operazione speciale militare russa in Ucraina ha cambiato la posizione della Norvegia, afferma il giornalista specializzato in questioni energetiche Kolbjørn Andreassen. "Ci siamo resi conto di quanto siano importanti le nostre forniture per la sicurezza energetica dell'Europa", sottolinea Andreassen, che da molti anni si occupa di questioni legate all'industria del petrolio e del gas.

I nuovi dati dell'Autorità statistica norvegese lo confermano: nel 2022, la Norvegia ha sostituito la Russia come principale fornitore di gas naturale al Regno Unito e all'UE.

Tuttavia, i dati ufficiali mostrano anche che la Norvegia ha beneficiato degli effetti della guerra molto più dei Paesi acquirenti in Europa. Se da un lato le forniture di gas norvegesi sono aumentate di qualche punto percentuale, dall'altro la Norvegia è stata in grado di aumentare di quasi sette volte le entrate derivanti da questo lucroso business: dall'equivalente di ben 20 miliardi a oltre 140 miliardi di franchi svizzeri. Il motivo principale è l'aumento dei prezzi dell'energia.

La Norvegia ha dunque approfittato dello scenario di guerra per arricchirsi a spese dell'Ucraina e di altri Paesi? In un'intervista ai media britannici, il primo ministro socialdemocratico Jonas Gahr Støre lo nega.

"Non possiamo controllare i prezzi del gas. Ma stiamo facendo tutto il possibile per fornire all'Europa risorse energetiche e per aiutare l'Ucraina. A tal fine, queste entrate non vanno al mio bilancio statale, ma a un fondo per le generazioni future", ha sottolineato il capo del governo, che di recente ha deciso a favore di un ulteriore sviluppo dei giacimenti di petrolio e gas nell'Artico settentrionale.

Tuttavia, il governo norvegese non può semplicemente lavarsene le mani, osserva SRF. Secondo uno studio della Norwegian School of Economics, la Norvegia ha beneficiato delle conseguenze dell'operazione speciale della Russia in Ucraina: un buon quarto di tutti i ricavi delle esportazioni di gas sono profitti diretti della guerra, si legge nello studio pubblicato la scorsa settimana.

Di conseguenza, il parlamento norvegese ha chiesto l'istituzione di un fondo a favore della popolazione ucraina colpita dalla guerra. Altri ritengono che una maggiore quota di denaro proveniente dal settore del gas dovrebbe essere destinato al bilancio statale norvegese.

Tuttavia, ci sono poche indicazioni che la Norvegia cambierà la sua pratica di gestione elevate eccedenze: queste vengono convogliate in un fondo statale. Insieme al fondo d'investimento cinese, è il più grande fondo sovrano del mondo, che ora detiene più di 1.200 miliardi di franchi svizzeri - o quasi un quarto di milione pro capite.

È un modello di successo che servirà 5 milioni di norvegesi anche in futuro, quando non sarà più possibile estrarre petrolio e gas. E dal punto di vista di Oslo, è anche la migliore risposta alle critiche in patria e all'estero a cui questo business non proprio pulito è costantemente sottoposto, conclude il canale televisivo svizzero SRF.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti