Presidente sudafricano Ramaphosa: Guerra in Ucraina colpa dell’espansionismo NATO

Presidente sudafricano Ramaphosa: Guerra in Ucraina colpa dell’espansionismo NATO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Come ha riferito l’agenzia Reuters, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha incolpato la Nato per la guerra in Ucraina  ribadendo di non cedere alle richieste dell’occidente in merito ad una condanna della Russia per il conflitto in Ucraina.

"La guerra avrebbe potuto essere evitata se la NATO avesse ascoltato gli avvertimenti tra i suoi stessi leader e funzionari nel corso degli anni che la sua espansione verso est avrebbe portato a una maggiore, non minore, instabilità nella regione", ha affermato Ramaphosa.

Inoltre, ha precisato che il Sud Africa "non può perdonare l'uso della forza e la violazione del diritto internazionale".

Kiev e i suoi alleati occidentali credono che la Russia abbia lanciato la guerra non provocata per soggiogare un vicino che Putin definisce uno stato artificiale.

Ramaphosa ha anche rivelato che Putin gli aveva assicurato personalmente che i negoziati stavano facendo progressi. Il leader sudafricano ha affermato di non aver ancora parlato con il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelenskyy.

Venerdì scorso, l'ufficio di Ramaphosa aveva annunciato che al Sud Africa gli era stato chiesto di mediare nel conflitto Russia-Ucraina.

“C'è chi insiste sul fatto che dovremmo assumere una posizione molto contraddittoria nei confronti della Russia. L'approccio che adotteremo (invece) è... insistere sul fatto che dovrebbe esserci un dialogo", ha aggiunto Ramaphosa. "Urlando e gridando non si porrà fine a questo conflitto".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti