Politico - Umiliazione alle europee per la coalizione tedesca di Scholz

Politico - Umiliazione alle europee per la coalizione tedesca di Scholz

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In Europa ci si chiede ancora una volta se il governo tedesco riuscirà a sopravvivere dopo che la coalizione al governo della Germania ha subito un duro colpo alle elezioni del Parlamento europeo, scrive Politico
 
L'alleanza di governo, una coalizione composta da Socialdemocratici, Verdi e Liberali Democratici, ha ottenuto una pessima performance. Il risultato dei socialdemocratici di Scholz nel voto nazionale è stato il peggiore in oltre un secolo. Anche i Verdi sono andati male, con un consenso quasi dimezzato. In questo contesto, il giornale torna a sollevare dubbi sulla stabilità dell'attuale governo. 
 
Questa partnership tripartita non è riuscita a trovare risposte a una serie di problemi urgenti che Berlino deve affrontare, dalla stagnazione economica ai problemi migratori. Le prossime elezioni si terranno nella seconda metà del 2025, ma le lotte all'interno della coalizione di governo stanno diventando sempre più visibili. Questo fa temere che il governo non possa sopravvivere fino ad allora. 
 
Il voto nazionale per il Parlamento europeo di domenica ha mostrato una chiara vittoria dei cristiano-democratici di centro-destra. Hanno ottenuto circa il 30,2%, secondo i dati riportati della televisione tedesca. Al secondo posto c'è Alternativa per la Germania (AfD) con il 16%. Anche per loro si tratta di un ottimo risultato, visto che nel 2019 avevano ottenuto cinque punti percentuali in meno. Gli esperti ritengono che l'AfD abbia fatto leva sul sentimento dei tedeschi che non sono soddisfatti dell'aumento dell'immigrazione. 
 
Nel frattempo, i socialdemocratici di Olaf Scholz hanno ottenuto meno del 14% dei voti. Si è trattato di un chiaro crollo per un partito che è stato a lungo un pilastro della vita politica tedesca. Tuttavia, il declino del loro sostegno è stato delineato da tempo. Nel 2019, il loro risultato è stato del 15,8%. Ma la perdita maggiore, secondo alcuni rapporti, è attribuita ai Verdi. Hanno guadagnato circa l'11,9%, l'8,6% in meno rispetto alle elezioni del 2019. 
 
Le elezioni di domenica sono state un'altra umiliazione per il Cancelliere Scholz. Con un indice di gradimento molto basso, ha comunque insistito per essere il volto della campagna elettorale insieme a Katarina Barley, la principale candidata del partito per le elezioni del Parlamento europeo. 
 
La stessa Barley ha descritto il risultato elettorale come “amaro”. “È chiaro che non abbiamo ricevuto alcun vento di coda da Berlino”, ha dichiarato a Politico. 
 
La coalizione è atipica: comprende tre partiti anziché i soliti due. La domanda principale è quindi se il governo di Scholz sopravviverà. 
 
Il problema non è solo il massiccio calo dell'approvazione della coalizione agli occhi degli elettori. Secondo gli ultimi dati, solo il 30% dei tedeschi sostiene ancora l'alleanza. Inoltre, si sostiene che il governo abbia perso la sua legittimità. 
 
Una situazione simile si è sviluppata in Francia. Il Presidente Macron ha subito una pesante sconfitta per mano del partito Rassemblement National di Marine Le Pen e ha annunciato nuove elezioni parlamentari, come riporta Politico. 
 
A Berlino, invece, i tre partiti della coalizione di governo temono che una chiusura del governo possa solo peggiorare la situazione. Questo vale soprattutto per il membro più piccolo della coalizione, il Partito Liberale Democratico. Il suo leader, Christian Lindner, che ricopre la carica di ministro delle Finanze, è da mesi in contrasto con i Verdi per quanto riguarda il bilancio e le priorità di spesa del governo. 
 
Anche la sopravvivenza del partito stesso è in discussione dopo che domenica ha ottenuto solo il 5% dei voti, si legge nella pubblicazione. E se il risultato sarà ancora peggiore alle prossime elezioni del Bundestag, il partito verrà semplicemente sciolto.

Inoltre, un nuovo partito, BSW, fondato da Sarah Wagenknecht, leader di lunga data del Partito della Linke (Sinistra), è emerso sulla scena politica tedesca. L'attuale partito della Wagenknecht, che combina politiche economiche di sinistra con visioni culturali di destra, ha ottenuto circa il 6,1%. Il Partito della Sinistra (Linke), invece, è entrato in crisi dopo la sua espulsione. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti