Pechino e le crescenti proteste anti Nato in Europa. L'editoriale del Global Times

Pechino e le crescenti proteste anti Nato in Europa. L'editoriale del Global Times

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Pubblico questo editoriale apparso oggi su Global Times, quotidiano di analisi cinese. Ieri ho visto un video di una manifestazione con migliaia di cittadini tedeschi di Magdeburgo: lo slogan era “North Stream, North Stream!” . In Italia ci si lamenta ma non ci si organizza, nel Centro nord Europa invece ci sono decine e decine di manifestazioni. Questo articolo ne dà conto.






                                                                                LEGGI DI PASQUALE CICALESE: PIANO CONTRO MERCATO



--------------------------

Global Times 09:24, 07 settembre 2022


Dopo che più di 70.000 manifestanti hanno riempito piazza Venceslao nella Repubblica Ceca per esprimere la loro rabbia per l’impennata dei prezzi dell’energia, sempre più persone che vivono in Europa stanno scendendo in piazza per protestare contro i loro governi per aver messo l’Ucraina davanti ai mezzi di sussistenza dei propri residenti.

Alcuni residenti raggiunti dal Global Times hanno espresso le loro preoccupazioni per una crisi energetica più grave nel prossimo inverno e si sono lamentati del fatto che sono loro a pagare il prezzo delle strategie politiche dei loro governi, che sono state rapite da valori e ideologia. Alcuni hanno affermato che le proteste nella Repubblica Ceca e le proteste sparse in Germania e Francia potrebbero essere solo l’inizio. Altri hanno iniziato a uscire dalla loro istintiva simpatia per l’Ucraina e gradualmente si sono resi conto che loro stessi stavano ingoiando amare pillole per la strategia di “correttezza politica” dei loro governi per seguire gli Stati Uniti per sanzionare la Russia. “Io e i miei amici stiamo organizzando proteste… Siamo stufi del fatto che il governo dia i nostri soldi ai capitalisti… che gestiscono il settore energetico… siamo anche stufi che il nostro paese darà 100 miliardi di euro e il 2 per cento del PIL alle forze armate per future guerre contro la Russia o la Cina”, ha detto al Global Times Tim P., uno studente tedesco del Nord Reno-Westfalia. Da domenica, molte persone in diverse città, tra cui Dusseldorf, Berlino e Colonia in Germania, sono scese in piazza per protestare contro i prezzi dell’energia e il rifiuto di Berlino di lanciare il gasdotto Nord Stream, chiedendo il divieto delle esportazioni di armi in Ucraina. Tim ha affermato che l’aumento delle bollette del gas è stato davvero grave in Germania mentre il governo non ha presentato un piano utile.

Il piano di “sgravio” del governo tedesco dà un pagamento una tantum – 200 euro (198 dollari) per gli studenti e 300 euro per i lavoratori in Germania – ma la sua bolletta energetica supera i 200 euro, il che significa che i soldi offerti dal governo non aiuteranno affatto. “Aumentando i prezzi dell’energia, i soldi tornano finalmente alle tasche dei capitalisti nel settore energetico”, ha detto Tim P.. A luglio 2022, il prezzo medio dell’elettricità all’ingrosso in Germania ha superato i 315 euro per megawattora, quasi quattro volte il prezzo registrato un anno prima, secondo il sito web statista.com, un database statistico leader a livello mondiale. Non solo la Germania, ma anche le persone che vivono in molte altre città europee raggiunte dal Global Times si sono lamentate anche dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei problemi di inflazione. Ad esempio, nel Regno Unito, i prezzi del gas naturale sono aumentati di quasi il 96% nell’anno fino a luglio, mentre i prezzi dell’elettricità sono aumentati del 54%.

Jimmy Zhao di Parigi ha dichiarato al Global Times che l’aumento del prezzo del gas ha gravemente colpito la vita di molte persone. “Chi ha fatto affidamento sul salario minimo di 1.600 euro per un mese non può permettersi di crescere i propri figli, anche con i sussidi del governo… le bollette del gas alle stelle, i prezzi per le necessità quotidiane… tutti hanno reso la loro vita più difficile”. Liu Man, uno studente cinese che studia a Parigi, ha fornito i dettagli degli aumenti di prezzo. “La bolletta della luce è aumentata di oltre il 40 per cento e l’olio da cucina, che era stato venduto a tre euro, ora costa più di quattro euro… anche se il governo locale ha offerto sussidi alle famiglie a basso reddito, è tutt’altro che sufficiente”. L’attuale crisi energetica e l’aumento delle bollette del gas potrebbero essere solo l’inizio poiché è difficile per molti paesi europei rimediare alla carenza di gas, date le continue sanzioni alla Russia per il conflitto con l’Ucraina, e molti politici e analisti europei hanno avvertito di un cattivo inverno non solo per i residenti in Europa, ma anche per le economie.

Fu Jialiang, uno studente cinese che ora studia ad Aquisgrana in Germania, ha affermato che l’università ha inviato e-mail agli studenti sul risparmio energetico, inclusa la sospensione dei sistemi di riscaldamento negli edifici o nelle stanze che hanno meno persone e la sospensione dei sistemi di riscaldamento per l’acqua corrente per lavarsi le mani. Fu ha anche osservato che molti residenti tedeschi si erano lamentati del fatto che il governo stava “mettendo l’Ucraina al primo posto, invece di prendersi cura dei propri residenti”, e alcuni hanno affermato che il governo tedesco si preoccupa solo di come aiutare l’Ucraina e non ha mai pensato che i tedeschi potrebbe congelare a morte questo inverno. Tim, dalla Germania, ha affermato di aver organizzato la protesta per chiedere alla Germania di lasciare la NATO e di smettere di prendere parte a “guerre imperialistiche contro altri paesi” perché “un esercito non costruito per proteggere le persone ma per lo sfruttamento delle risorse in Africa e in Medio Oriente è un spreco di denaro” e questo denaro avrebbe potuto essere utilizzato per “cose ??più importanti come la scuola, l’istruzione, l’assistenza sanitaria e l’alimentazione di coloro che non possono nemmeno permettersi un pasto decente”.

All’inizio del conflitto Russia-Ucraina, molti europei e statunitensi hanno appena dato un’istintiva risposta emotiva per sostenere l’Ucraina, che nelle narrazioni dei loro governi è quella vulnerabile e la vittima, ha affermato Cui Hongjian, direttore del Dipartimento di studi europei presso il China Institute of International Studies. Ma mentre il conflitto continua, le persone diventano più razionali e pratiche sulla questione mentre si impegnano sempre più profondamente nel conflitto e hanno iniziato a sentire le effettive conseguenze delle sanzioni europee e statunitensi contro la Russia, ha detto Cui al Global Times . Vzglyad, un quotidiano russo, ha sottolineato in un articolo pubblicato lunedì che si può trarre una conclusione dalle recenti proteste in Europa che le persone qui stanno iniziando a riprendersi dalla russofobia, poiché molti chiedono ai loro governi di abbassare i prezzi e di smettere di sostenere l’Ucraina. I governi europeo e statunitense intraprendono azioni basate sui loro interessi politici piuttosto che sugli interessi delle persone. L’UE sta commettendo diversi errori perché sta imponendo sanzioni senza prima fare le analisi adeguate.

L’UE e gli Stati Uniti hanno semplicemente “chiesto” che quei paesi si unissero nel sanzionare la Russia, senza essere chiaro su quali basi, e ora il loro popolo ne sta pagando il prezzo, hanno affermato gli osservatori.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti