Pass Sanitario, in Francia almeno 250.000 persone protesteranno questo fine settimana

Pass Sanitario, in Francia almeno 250.000 persone protesteranno questo fine settimana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Si prevede che almeno 250.000  persone in Francia scenderanno in piazza durante il fine settimana per protestare contro le controverse misure anti-Covid, hanno riferito i media locali, citando una nota di intelligence della polizia inviata al governo.

Il numero di cittadini francesi apertamente in disaccordo con la recente introduzione di un cosiddetto "pass sanitario" nel paese è raddoppiato da metà luglio, con il movimento che non mostra segni di esaurimento,come hanno avvertito i servizi di intelligence della polizia.

In una nota inviata giovedì, l'intelligence territoriale centrale francese ha affermato di stimare che almeno 250.000 persone si raduneranno durante il fine settimana, secondo quanto riportato da Franceinfo's Radio France.

Molte famiglie sono destinate a partecipare, emerge dall'analisi di intelligence, con i genitori "generalmente stufi" della chiusura delle scuole durante la pandemia e incerti sulle norme sanitarie presso le istituzioni educative all'inizio del nuovo anno scolastico.

Quasi 200 proteste sono già state pianificate in tutto il paese per il fine settimana, con il movimento che si dice sia particolarmente attivo nel sud della Francia, secondo quanto riferito, ha avvertito la nota dell'intelligence, chiedendo un'ulteriore mobilitazione delle forze dell'ordine. Mentre le proteste dovrebbero essere pacifiche, alcuni "ultra di sinistra e di destra " potrebbero unirsi, hanno comunicato le autorità, con " agitatori professionisti " che cercano di infiltrarsi e possibilmente inscenare provocazioni.

Questa settimana, il paese vedrà il suo quinto fine settimana di proteste di massa che condannano l'inasprimento del governo delle restrizioni anti-coronavirus sui non vaccinati. Quando a metà luglio è stato introdotto il 'pass sanitaire' ( come il nostro abominevole green pass) per entrare in alcuni luoghi e istituzioni, circa 114.000 persone sono scese in strada durante il fine settimana successivo, secondo le stime ufficiali. La scorsa settimana, il numero di manifestanti è salito a oltre 237.000 in tutta la Francia, con i partecipanti che hanno affermato che le nuove misure – che dovrebbero essere in vigore almeno fino a novembre, offendono le loro libertà personali –conquista della rivoluzione del 1789.

Nonostante il risentimento di massa, la Corte costituzionale francese ha approvato l'uso del controverso lasciapassare. Originariamente richiesto in luoghi culturali come cinema e musei, il passaporto vaccinale è stato poi reso obbligatorio per visitare bar e ristoranti, nonché per viaggiare in treno e in aereo. 

La corte ha anche stabilito che è costituzionale rendere obbligatorio il vaccino per gli operatori sanitari. Nel frattempo, il presidente francese Emmanuel Macron questa settimana ha ribadito la sua richiesta di vaccinare più persone, affermando che la situazione sanitaria nel paese è " più che delicata ".

Oltre 112.000 persone sono morte in Francia dall'inizio della pandemia di Covid-19, con quasi 6,5 milioni di casi confermati. Più della metà della popolazione del paese è stata ora completamente vaccinata.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti