Obbligo vaccinale per i lavoratori e la sentenza di Modena

Obbligo vaccinale per i lavoratori e la sentenza di Modena

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Obbligo di vaccinazione non solo per il personale sanitario...
1984?
No, 2021.
E Orwell, si direbbe a Roma, ce spiccia casa...
Ai dipendenti di varie aziende stanno arrivando circolari per annunciare che, se non saranno vaccinati, saranno spostati ad altre mansioni o, se non sarà possibile il demansionamento, saranno lasciati a casa senza stipendio.
Praticamente si applica a tutti i lavoratori il DL 44, che negli ultimi due commi stabilisce la penalizzazione del personale sanitario che non può o non vuole vaccinarsi.
Penalizzazione che significa ridurre alla fame, senza più dignità lavorativa, selezionare i "licenziabili" non più in base ad esigenze di mercato o di fiscalità, di delocalizzazione, di competenze o di volontà di riconversione industriale.
Quelli che devono essere licenziati sono i non vaccinati, in barba alle disposizioni che garantiscono l'occupazione per i disabili e che tutelano la privacy sanitaria di chi è affetto da malattie.
Il tribunale di Modena stabilisce che l'azienda può sospendere dal servizio e dalla retribuzione chi non si inocula il siero contro il Covid-19.

Il giudice giustifica il provvedimento asserendo che “il datore di lavoro si pone come garante della salute e della sicurezza dei dipendenti e dei terzi che per diverse ragioni si trovano all’interno dei locali aziendali e ha quindi l’obbligo ai sensi dell’articolo 2087 del Codice civile di adottare tutte quelle misure di prevenzione e protezione che sono necessarie a tutelare l’integrità fisica dei lavoratori”.
Lo riporta Huffington Post.

"A supportare la propria decisione, il tribunale cita nella sentenza la direttiva europea che, nel giugno 2020, ha incluso il Covid tra gli agenti biologici contro i quali è necessario tutelare gli ambienti di lavoro. Da qui il dovere che incombe sul datore di tutelare il personale anche dal rischio coronavirus, contro il quale – scrive il giudice emiliano – la mascherina non basta come misura di protezione".

Che siano sanificati gli ambienti e che sia garantita la sicurezza sul lavoro, con il record di morti sul lavoro, che sia garantita la prevenzione e la salute psicofisica del lavoratore e della sua famiglia, pare, al giudice non interessare affatto.
Ma, udite udite, "il rifiuto del vaccino non può comportare sanzioni disciplinari" (viene in mente il fantozziano 'com'è buono lei'), ma può avere delle conseguenze per quanto riguarda la valutazione oggettiva dell’idoneità alla mansione del dipendente. Significa che chi è a contatto con il pubblico o in spazi ridotti accanto ai colleghi può essere sospeso dal lavoro e dalla retribuzione in caso di mancata vaccinazione.

Ancora siete convinti che il problema siano "gli scellerati no vax" ?

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti