Non è Covid... e del colera che imperversa in Benin non interessa a nessuno

Non è Covid... e del colera che imperversa in Benin non interessa a nessuno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

Benin. Riferisce La Flamme, giornale del Partito comunista del Benin, che nella città di Parakou dal 1 novembre il colera imperversa, nel disinteresse delle autorità, come denuncia il Consiglio delle popolazioni di Bourgou. Ogni giorno diverse persone vengono ricoverate nel centro sanitario Zongo2. Il direttore dipartimentale della sanità, colonnello Ibrahim Cissé, nel suo comunicato stampa del 18 novembre 2021, ha dichiarato che non si trattava di colera. Eppure la gente muore con vomito e diarrea. Né il prefetto, né il sindaco, né il dipartimento della sanità sensibilizzano la popolazione sulle misure igieniche da osservare. Il centro sanitario Zongo2, che riceve i malati di colera, riceve anche donne incinte, donne in travaglio e in allattamento. I malati di colera sono alloggiati sotto un telone e sdraiati a terra. Non vengono isolati opportunamente.

Siccome non sono malati di Covid, sono poco interessanti. “L’epidemia di colera è capace di devastare una popolazione se le misure igieniche non sono osservate, ma appare poco preoccupante per le autorità, così zelanti nella cosiddetta lotta contro la Covid19”, spiega il Consiglio delle popolazioni. Viene poi denunciata la pressione su cittadini e lavoratori affinché accettino la vaccinazione anti-Covid19. Il Consiglio chiede dunque alle organizzazioni sociali e per i diritti umani per fare pressione sulle autorità responsabili del Dipartimento e sul Comune di Parakou affinché forniscano ai pazienti condizioni di ricovero adeguate e prendano misure urgenti per prevenire ed evitare lo sviluppo della malattia.

 

Marinella Correggia

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti